in

35 disagi che solo un vero fan di Sons of Anarchy può capire

Sons of Anarchy

Da grandi Serie Tv derivano grandi disagi, e i fans di Sons of Anarchy lo sanno bene. Durante il nostro viaggio durato 7 stagioni a bordo delle Harley insieme ai Samcro, abbiamo provato probabilmente ogni tipo di sentimento: rabbia, tristezza, felicità, commozione, gioia, in ogni sfumatura possibile. Il finale a dir poco sublime ci ha lasciato – oltre ad un inevitabile amaro in bocca – la consapevolezza di quanto la vita sappia essere crudele fin troppo spesso, e che a volte, l’unica via d’uscita è solo la morte, per quanto assurdo possa sembrare.

Molte sono le lezioni di vita da apprendere, gli insegnamenti che possono essere molto utili anche a noi che non facciamo parte di un club di motociclisti, ma siamo qui, e affrontiamo la vita, che non fa sconti a nessuno. Di certo è difficile parlare di Sons of Anarchy con leggerezza, ma ci vogliamo provare, per una volta. L’ironia è un elemento che non manca affatto all’interno della Serie, e non manca nemmeno a noi.

Elenchiamo quindi 30 disagi che solo un vero fan di Sons of Anarchy può comprendere.

 

SPOILER ALERT: Se non avete guardato tutta la Serie, evitate di leggere.

 

1) Ogni volta che incrociamo un club di motociclisti li scrutiamo uno ad uno per cercare qualcuno come Jax. E invece sono tutti come Bobby.

Sons of Anarchy

2) Ogni giorno indossiamo il gilet di pelle con lo stemma dei Samcro e andiamo a concludere gli affari. Poi ci svegliamo.

Sons of Anarchy

3) Guardando SoA, ogni uomo sente nascere in sé una perversa attrazione per le milf, o meglio ancora per le gilf. Chissà perché.

Sons of Anarchy

4) Vogliamo tatuarci lo stemma dei Sons sulla schiena.

Sons of Anarchy

5) Ormai non abbiamo più amici. Abbiamo fratelli, membri del club e un fidato braccio destro.

Sons of Anarchy

6) <<Cosa vuoi per Natale?>> Un Jax Teller.

Sons of Anarchy

7) <<E per il compleanno?>> Essere Jax Teller. O avere una Harley. O entrambi.

Sons of Anarchy

Sherlock

Sherlock ci ha preso in giro per l’ennesima volta

lucifer

Lucifer, una prima stagione tra il bene e il male