in

7 curiosità su Rachel Griffiths, la criptica Brenda di Six Feet Under

Brenda Chenowith è senza dubbio uno dei personaggi migliori di Six Feet Under, sia per scrittura che per interpretazione. Si tratta, infatti, di un personaggio molto complesso, costantemente in bilico sulle sue emozioni. Brenda lascia emergere lentamente tutte le sue fragilità. Pian piano scopriamo la vera essenza dietro il velo di insicurezze e ferite che hanno forgiato il suo carattere spigoloso e vizioso.

Se Brenda rientra nella classifica dei migliori personaggi di Six Feet Under (qui potete leggere l’intera classifica), gran parte del merito è anche di Rachel Griffiths, interprete del personaggio.

Oggi scriviamo proprio di lei, attrice australiana che si è fatta riconoscere per la sua bravura sia nel mondo del cinema che nel mondo seriale. Ecco, quindi, 7 curiosità sul suo conto:

1) Ha ricevuto una candidatura agli Oscar nel 1999

Ebbene sì, nel 1998 Rachel Griffiths ha recitato nell’acclamata pellicola Hilary e Jackie, nel ruolo di Hilary du Pré. Al suo fianco in un cast d’eccellenza c’era Emily Watson nei panni della protagonista, e sorella di Hilary, Jacqueline ‘Jackie’ du Pré.

Il film di Anand Tucker ha ottenuto ben due nomination agli Oscar, tra cui la candidatura di Rachel Griffiths nella categoria ‘Miglior attrice non protagonista‘. Le soddisfazioni per Rachel, ovviamente, non sono terminate con la candidatura agli Oscar.

Rachel ha ottenuto un prestigiosissimo Golden Globe e ben due Screen Actors Guild Awards proprio per il ruolo di Brenda in Six Feet Under.

Inoltre, ha ottenuto due nuove candidature ai Golden Globe e due agli Emmy Awards grazie al suo ruolo di Sarah Walker in Brothers & Sisters (2006).

2) È una ragazza acqua e sapone

Rachel Griffiths, a differenza di molte altre persone nel mondo dello spettacolo, non ha alcun problema nel mostrarsi in pubblico e ai giornalisti senza trucco e parrucco. Una scelta che evidenzia la sua personalità alla mano, oltre che la sua naturalezza.

Il suo mostrarsi senza filtri, inoltre, è un importante messaggio di body positivity, contrastando i finti canoni di bellezza artefatta che propongono un’immagine non veritiera e frustrante di bellezza femminile lontana dalla realtà.

3) Il difficile rapporto con la figura paterna che la accomuna a Brenda di Six Feet Under

six feet under

Proprio come i personaggi di Six Feet Under, anche l’attrice australiana ha alle spalle una storia familiare molto delicata. Il padre, infatti, è andato via di casa quando Rachel aveva solo 11 anni, lasciando la moglie per una ragazza molto più giovane. Rachel non gli ha mai perdonato questo abbandono, interrompendo qualsiasi tipo di rapporto con la figura paterna.

4) È un’instancabile attivista

Rachel Griffiths non si è mai tirata indietro quando si trattava di scendere in piazza per protestare. Famosa è la sua protesta in occasione dell’inaugurazione di un casino nella sua città di nascita. In quell’occasione scese in campo in topless e ricoperta di glitter, lei stessa lo ha definito il suo “momento Marge Simpson“. In molte occasioni, poi, si è pubblicamente espressa a favore della comunità LGBTQ+ e delle unioni civili in Australia.

Inoltre è particolarmente vicina alla lotta per la parità di genere, definendosi apertamente femminista. Ecco perché nel crescere i suoi tre figli non ha mai sacrificato la sua carriera, alternandosi quando necessario con il marito Andrew Taylor, in una famiglia totalmente priva di stereotipi di genere.

5) È molto legata al suo Paese di origine: l’Australia

Originaria di Melbourne, nonostante per lavoro Rachel abbia viaggiato tanto, il cuore è sempre rimasto nella sua Australia. Anche il marito è australiano e i loro tre figli hanno la doppia cittadinanza Americana e Australiana. La sua terra è un luogo che le sta molto a cuore e dal quale non riesce a stare lontana per periodi di tempo troppo lunghi. Lei stessa ha dichiarato che qunado si trova fuori per lavoro non vede l’ora di salire su un aereo per rimettere piede in terra natia.

6) Si definisce una maniaca del controllo nel suo lavoro

Six Feet Under

L’ordine in casa o nella vita non preoccupa più di tanto l’attrice australiana. Ma quando si parla del suo lavoro e dell’arte in generale lei stessa si definisce una maniaca del controllo. Quando le viene assegnato un ruolo per lei è importantissimo avere tutto sotto controllo e gestire ogni aspetto del suo lavoro alla perfezione.

Questo suo perfezionismo l’ha messa un po’ in difficoltà nel momento in cui è passata dal cinema alla televisione. Un personaggio di una serie tv, infatti, è ben diverso da un personaggio di un film. Il primo si evolve nel tempo e all’inizio si ha solo una visione parziale della sua personalità, non si ha una panoramica globale sul personaggio e sulle sue evoluzioni future. Ma, con il senno di poi, possiamo dire che la nostra Rachel ha portato a termine un lavoro impeccabile, in entrambe le situazioni.

7) È anche regista

six feet under

Oltre che attrice, Rachel Griffiths ha dimostrato il suo valore anche dietro la macchina da presa. Nel 2019 ha visto la luce il film Ride Like a Girl diretto dalla Griffiths. La pellicola racconta la storia vera di Michelle Payne (Teresa Palmer), ultima dei dieci figli dell’allenatore di cavalli da corsa Paddy Payne, nonché prima fantina australiana a vincere la prestigiosa Melbourne Cup nel 2015.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv

Scritto da Clotilde Formica

Scrivo, mi piace farlo.

Mi piace scivolare via veloce sulla cresta dei pensieri che si affollano, si inseguono, si punzecchiano e a volte mi scappano.

5 attori delle Serie Tv a cui è stata diagnosticata una neurodiversità