in

Clary Fray: l’adolescenza che tutti vorrebbero?

Clary

Nell’ultimo appuntamento con la nostra rubrica sui personaggi di Shadowhunters ci occupiamo della protagonista: Clary Fray.

Scopriremo la caratterizzazione di questo personaggio attraverso i libri, i film e la serie tv per poi parlare della “recitazione” di Katherine McNamara. Tutti noi almeno una volta, abbiamo sognato di vivere un’avventura come quelle che si leggono nei libri o si vedono nei film. Abbiamo aspirato ad essere supereroi o eroine che combattono contro il male. Ci siamo immaginati di essere figli segreti di reali o di essere stati cresciuti nella foresta. Abbiamo sognato di essere spie, principesse, soldati, rivoluzionari e tanto altro.
Ma, davvero, volevamo tutto questo?
Avremmo davvero voluto avere l’adolescenza di Clary Fray?

 

CLARY FRAY NEI LIBRI

Clary

Classe 1991, la ragazza è la vera e propria protagonista della nostra storia.
Tutti i libri della saga sono narrati dal suo punto di vista, soffermandosi in particolare sui suoi pensieri e sentimenti. È quindi decisamente importante la sua caratterizzazione, su cui si basano tutti i libri.
Clary è una normale adolescente con la passione per il disegno. Ha un solo amico, Simon, frequenta il liceo e vive con sua mamma, Jocelyn.
La storia inizia il giorno del suo compleanno quando decide di andare in discoteca con il suo amico. Lì conosce il nostro team di Shadowhunters e li vede all’azione, anche se, essendo una semplice mondana, non dovrebbe accorgersi del mondo invisibile.

Clary

Dopo questo inizio cominciano a accadere cose strane, finché la madre di Clary non viene rapita e la ragazza si trova ad avere a che fare con gli Shadowhunters in pianta stabile.  Qui vediamo il vero carattere di Clary Fray, una ragazza che fa di tutto per salvare quello che ama. Nel corso della storia affronterà moltissime difficoltà, scoprirà di essere figlia del super cattivo, quasi sorella dell’amore della sua vita e viaggerà per la vicenda cercando di portare a casa la pelle.
Per tutta la sua infanzia ha creduto di vivere una vita normale perché su madre si era servita di Magnus Bane per cancellarle i ricordi periodicamente.
Ma quando scopre il mondo invisibile, non può fare a meno di esserne risucchiata.

Clary

Scopre anche di avere un potere che nessuno Shadowhunters: grazie alla sua abilità nel disegno e al sangue di angelo che l è stato iniettato alla nascita, Clary inventa nuove rune. Questo le da molto potere e la fa diventare un mito agli occhi della comunità degli Shadowhunters.
Nel corso della storia, abbiamo modo di approfondire il suo rapporto con Jace.
Lei e il ragazzo hanno molti alti e bassi ma Clary gli starà sempre accanto, non importa quanto lui di senta dannato o in colpa. Farà di tutto per proteggerlo e la loro storia d’amore è di quelle che durano per sempre.

Clary

È raro che due persone si trovino così giovani e rimangano l’uno accanto all’altro per tutta la vita. Al contrario di molte storie d’amore, le loro crisi sono molto inusuali: la prima volta scoprono di essere fratelli, la seconda Jace viene posseduto e mette Clary in pericolo mortale e la terza Clary viene trascinata dal ragazzo con il fratellastro in una guerra. Insomma, ostacoli originali che, però, non riescono a tenere Clary e Jace l’uno lontano dall’altra.

Clary

Non possiamo certo dire che la sua adolescenza fosse stata facile, ma chi non sognerebbe di scoprire di essere figlia di un super cattivo, di conoscere un figo che si innamora di te e di essere catapultata in un mondo di cui essere l’eroina.
L’adolescenza che tutti vorrebbero no?
Quello che però Clary sogna è una vita normale, una storia in cui non essere una Shadowhunters e in cui nessuno di coloro che ama rischi di morire.

ClaryQuesto ci fa riflettere. Noi lettori siamo affamati di queste storie eroiche e sogniamo di prenderne parte. Ma non pensiamo mai che i protagonisti sognano invece la nostra vita, la vita di noi lettori. È un gatto che si morde la coda.
Forse ci penseremo due volte, ora, prima di desiderare la vita di qualche eroe dei libri o fumetti. O forse no!

Clary

Written by Lucilla Incarbone

Correntemente studiosa di Scienze del Servizio Sociale, Cattolica, Milano con una straordinaria tendenza ad iniziare Serie Tv in sessione di esami. Leggo, guardo film, mangio Pop Corn, sono una tipa da una stagione al giorno, altro che un episodio alla settimana.
E scrivo, perché tenere tutti i deliri nella testa non fa mai bene e magari possono interessare a qualcuno.
Insomma, avrei potuto avere una vita sociale.
Ma ho scelto le Serie Tv, may the force be with me.

Febbre Snapchat: le star delle Serie Tv da seguire sull’app

Serie Tv

10 motivi per cui vorremmo essere come Sheldon Cooper