in

10 attori delle Serie Tv che hanno superato il problema della dislessia

Dislessia. Una parola che ancora in molti faticano a comprendere. Il suo significato viene spesso frainteso e mal interpretato. Un disturbo dell’apprendimento può avere un grosso impatto sulla vita di un bambino, sia che venga riconosciuto in tempo oppure no. Il falso mito che si nasconde dietro a questo disturbo è che la dislessia influisca sull’intelletto di una persona, che in qualche modo costituisca un freno. Nulla di più sbagliato.  Il mestiere dell’attore, come sappiamo, richiede delle capacità di lettura e assimilazione di contenuti in modo veloce, al fine di recitare al meglio in un film o in una serie tv. Come vedremo, per gli attori dislessici, come ad esempio Will Smith, questo rappresenta una vera e propria sfida. È difficile, sì. Ma non impossibile. Nel corso del tempo si possono trovare dei metodi per compensare le difficoltà della dislessia.

Ecco 10 attori delle serie tv che hanno superato il problema della dislessia.

1) Henry Winkler

will smith

Stupido, distratto, pigro. E queste sono solo alcune delle parole che il giovane Henry Winkler si sentiva dire quando andava a scuola. Di certo non parole di incoraggiamento per un bambino che ha da sempre dimostrato di avere difficoltà a leggere un testo ad alta voce. Solo con la diagnosi all’età di 31 anni, il celebre attore ha avuto modo di affermare con certezza di essere dislessico. Se da un lato questa notizia gli ha portato sollievo, dall’altra gli ha fatto provare molta rabbia. Come ben sappiamo, la dislessia non gli ha certo impedito di interpretare il ruolo che l’ha reso celebre: Arthur Fonzarelli, il Fonzie di Happy Days. Winkler si è da subito mobilitato per far luce sull’argomento e per evitare che altri bambini si sentissero come si era sentito lui a scuola:

Se dovessi dire qualcosa a me stesso da bambino direi: Henry, la scuola non ti definisce come persona. Non importa quanto sia difficile, non ha niente a che vedere con la tua genialità. I tuoi voti non indicano quanto tu sia intelligente. Un buon modo di pensare e i tuoi pensieri sono il motivo per cui tu sei intelligente.

Voi dareste dello stupido a Henry Winkler? Non credo proprio.

Written by Veronica Bettinelli

È inutile girarci intorno: mentre mangio, guardo Serie Tv, mentre viaggio, guardo Serie TV, mentre studio, guardo Serie TV. E vi assicuro che se potessi, le guarderei anche mentre dormo.

Grey's Anatomy

Grey’s Anatomy 16×01 – Un inizio decisamente frizzante

crisis on infinite earths

Crisis on Infinite Earths – Osric Chau si aggiunge al cast del mega crossover