in

La classifica delle 10 peggiori coppie di protagonisti nella storia delle Serie Tv

space force

È impossibile pensare a Fox Mulder senza immaginare Dana Scully; Starsky non sarebbe lo stesso senza Hutch e Rustin Cohle forse non esisterebbe nemmeno senza Martin Hart. Non c’è dubbio che uno dei fattori determinanti per il successo di una serie tv sia la chimica che si crea tra i protagonisti. Di conseguenza, quando questa magia non scatta, quando la scintilla non si accende, ecco che succede quel mezzo disastro a cui abbiamo assistito in Space Force, disponibile su Netflix: un progetto grandioso con attori strepitosi che per qualche motivo non ce l’ha fatta a decollare.

Vediamo quindi quelle 10 coppie di protagonisti delle serie tv che per ragioni diverse hanno legato come l’acqua fa con l’olio, come due magneti dai poli uguali che si respingono. Si tratta per la maggioranza dei casi di attori brillanti che insieme però non hanno funzionato. Per i casi restanti invece possiamo parlare proprio di disastro su tutta la linea.

Iniziamo da Space Force e arriviamo a uno dei remake più imbarazzanti della storia delle serie tv.

10) Generale Naird e dott. Mallory (Space Force)

Space Force

Quanti di voi alla notizia di rivedere Steve Carell in una nuova comedy ideata da lui stesso e da quel geniaccio di Greg Daniels – e interpretata da attori strepitosi come John Malkovich e Lisa Kudrow – se la sono fatta sotto dalla gioia? Scalpitavamo al pensiero di Carell al fianco di Malkovich complici di un duo improbabile: uno stravagante scienziato che si scontra con un bizzarro generale a quattro stelle!

Invece qualcosa non ha funzionato del tutto. Abbiamo riso, certo, ma a denti stretti. Siamo rimasti appesi, impazienti di assistere a qualcosa di estremamente comico che sarebbe entrato negli annali delle serie tv. Eravamo pronti a memorizzare le battute per citarle all’occorrenza, ma ora non ricordiamo nemmeno più quando abbiamo riso veramente. Un vero peccato: due attori che non hanno bisogno di presentazioni, e che certamente in Space Force hanno dato l’ennesima prova di bravura, che fianco a fianco funzionano, ma fino a un certo punto. E comunque in nessun episodio assistiamo a quell’effetto esplosivo che tutti noi aspettavamo con trepidazione.

9) Freccia Nera e Maximus (Marvel’s Inhumans)

Space Force

Una serie di fantascienza del 2017 carica di aspettative stellari, ma che è stata accolta male sia dal pubblico che dalla critica… e anche dal suo regista. La serie è incentrata sul personaggio di Freccia Nera, il sovrano degli Inumani, interpretato dall’attore Anson Mount (Pike in Star Trek: Strange New Worlds). L’antagonista è Maximus the Mad – Iwan Rheon – il fratello del re, invidioso e dotato di poteri che gli permettono di influenzare la mente delle persone.

Ora, chiunque abbia visto Game of Thrones sa quanto Rheon possa essere terrificante nei panni del cattivo, in questa serie invece non brilla proprio per malvagità. Di difetti Inhumans ne ha a bizzeffe: dai costumi agli effetti speciali, dai buchi di trama alla caratterizzazione dei personaggi, ai quali è stato tolto molto della loro identità originaria. Il risultato è una totale mancanza di alchimia tra due personaggi antagonisti tra cui dovrebbe esserci invece una continua tensione magnetica e drammatica.

8) Will e Katie Bowman (Colony)

Colony

Il pianeta Terra è stato colonizzato dagli alieni. Nella serie creata da Carlton Cuse e Ryan J. Condal c’è tutto quello che possiamo desiderare: mistero, fantascienza, thriller e una storia coraggiosa con un potenziale narrativo altissimo. Nonostante la grande attesa intorno alla sua uscita, avvenuta nel 2016, Colony non si è dimostrata all’altezza delle aspettative. Una delle critiche negative più ricorrenti è stata proprio la scelta dei suoi protagonisti principali.

Will e Katie Bowman – Josh Holloway e Sarah Wayne Callies – sono una coppia di coniugi con un ruolo decisivo nella resistenza. Entrambi hanno un carattere forte e sono combattivi, ma manca l’intesa. Tra difficoltà, menzogne e conflitti tra i due non si avverte mai né complicità né tensione emotiva (senza menzionare che per tre stagioni ci regalano poco più di un paio di espressioni facciali male abbozzate). In realtà spiccano di più i personaggi secondari, come il ribelle Broussard, oppure l’opportunista Alan Snyder (Peter Jacobson).

7) John Doggett e Dana Scully (X-Files)

X-Files John Doggett e Dana Scully

Chiariamo subito che in questo caso il problema non è né la bravura degli attori né il progetto stesso: il problema è che la coppia storica Scully/Mulder è stata scoppiata. Vedere Dana con un altro partner è come vedere i propri genitori risposati con altre persone. Non importa quanto i nuovi compagni siano stupendi, gentili e simpatici, semplicemente non sono i nostri genitori.

L’attore Robert Patrick ha avuto l’onore, o l’onere, di recitare nei panni di John Doggett – l’agente speciale scettico assegnato agli X-Files accanto a Scully – nell’ottava e nona stagione dello show a seguito dell’abbandono di David Duchovny. Il rimpiazzo se l’è cavata piuttosto bene, ma Patrick si è ritrovato a sostituire un personaggio iconico che ha lasciato un vuoto incolmabile. La maggioranza dei fan si è sentita tradita, l’identità della serie non era più la stessa e gli ascolti sono precipitati talmente in basso che nel 2002 X-Files chiude i battenti… o almeno così sembrava.

6) Sam Hodiak e Brian Shafe (Aquarius)

Aquarius

Per restare in tema, in questa serie del 2015 vediamo David Duchovny nei panni di un sergente di polizia di mezza età fare coppia con un partner giovane e affascinante interpretato da Grey Damon. La trama è intrigante: siamo nella Los Angeles di fine anni ’60 dove due agenti si ritrovano a indagare sulla scomparsa di una sedicenne, ma finiscono sulle tracce di Charles Manson.

Nonostante i presupposti, Aquarius è stata un sonoro flop. Sarà stata forse colpa del duo di protagonisti? Duchovny recita in un mondo tutto suo, sembra quasi scocciato, come se avesse voglia di andare via per fare qualcosa di più entusiasmante, ad esempio pagare la rata del mutuo. Anche il personaggio dell’agente Shafe non convince e l’accoppiata con Hodiak non aggiunge nulla di speciale: ognuno sembra andare per conto suo. Insomma, una serie della quale se ne poteva fare tranquillamente a meno.

5) KC e Chase (The I-Land)

The I-land

Da una serie chiaramente ispirata a Lost ci aspettavamo di trovare personaggi carismatici coinvolti in relazioni conflittuali, caratterizzati e sfaccettati fin nei più intimi dettagli, appunto come Jack e Sawyer, oppure un personaggio a caso della serie ideata da J.J. Abrams. Invece in questa miniserie del 2019 troviamo un cast molto deludente ed è quasi difficile individuare i personaggi chiave capaci di tenere in piedi l’intera vicenda.

I protagonisti più attivi – cioè coloro che sembrano adoperarsi per capire come sopravvivere in quella misteriosa situazione – sono quelli interpretati da Kate Bosworth nei panni di KC e Natalie Martinez in quelli di Chase. Le interazioni conflittuali delle due ragazze scadono spesso in una rivalità ridicola. I loro personaggi non evolvono e restano solo due pallide figure indefinite che bisticciano come due teenager fastidiose. Insomma: una coppia brutta per una serie tv distribuita da Netflix altrettanto brutta.

4) Ray Velcoro e Ani Bezzerides (True Detective 2)

Ray Velcoro e Ani Bezzerides True Detective 2

Per il secondo capitolo di True Detective vale lo stesso discorso che abbiamo fatto per Space Force. Colin Farrell e Rachel McAdams sono due attori magnifici coinvolti in un progetto altrettanto fantastico, eppure anche qui qualcosa è andato storto. Le aspettative erano altissime: i detective della prima stagione, Cohle e Hart, ci avevano lasciato con la pelle d’oca mentre la coppia di True Detective 2 ci lascia con l’amaro in bocca.

Si tratta di due attori talentuosi che in questo progetto risultano però male assortiti. Tra di loro non c’è intesa ed entrambi i personaggi, sebbene interpretati alla perfezione, sembrano recitare ognuno in una serie a parte. Il secondo capitolo risulta sottotono rispetto al primo e al Sunday TODAY With Willie Geist perfino Woody Harrelson (Hart) ha lasciato trapelare un velo di delusione. Difficile capire cosa sia andato storto, forse proprio l’assenza di una coppia con un’alchimia mostruosa come quella che c’era tra Cohle e Hart?

3) Ethan e Lisa Turner (Friends From College)

Friends From College

La comedy statunitense creata da Francesca Delbanco e Nicholas Stoller non ce l’ha fatta a superare nemmeno due stagioni proprio per la valanga di critiche che l’ha sommersa. La serie non ha convinto quasi nessuno e il problema più grande è stato proprio la mancanza di una coppia di protagonisti solida con cui entrare in sintonia.

Ethan (Keegan-Michael Key) e Lisa Turner (Cobie Smulders) dovrebbero essere il pilastro dell’intera vicenda comica, invece Friends From College ci offre delle situazioni delineate solo in superficie. Il successo delle coppie di innamorati nelle serie si fonda sulla costruzione dettagliata di ciascun personaggio. Ci siamo appassionati a Monica e Chandler, a Leonard e Penny, oppure a Lily e Marshall, perché li conosciamo talmente bene che siamo in grado di prevedere perfino le loro mosse. Con Ethan e Lisa questo non succede mai e in ogni episodio è difficile simpatizzare con loro o appassionarci alle loro vite.

2) Ichabod Crane e Diana Thomas (Sleepy Hollow)

Ichabod Crane e Diana Thomas Sleepy Hollow

Per questa coppia di protagonisti si applica lo stesso ragionamento che abbiamo fatto per X-Files. Scoppiare le coppie – soprattutto quelle che hanno contribuito al successo della serie – non sembra essere una buona idea. Dopo tre stagioni molto seguite, i fan si sono visti sostituire sotto il naso la loro amata Abbie Mills (Nicole Beharie) con il nuovo personaggio di Diana Thomas, interpretato da Janina Gavankar.

Nonostante i tentativi di rassicurare gli spettatori, il personaggio di Diana è stato percepito come un rimpiazzo fastidioso. I fan sono rimasti molto delusi e la nuova co-protagonista ha seminato purtroppo solo una scia di polemiche. La serie non verrà rinnovata per una quinta stagione, quindi anche in questo caso l’esperimento di proseguire con una nuova coppia è stato decisamente fallimentare.

1) Roy e Moss (The IT Crowd US)

Space Force

Il mondo dello spettacolo a stelle e a strisce ama fare i remake delle serie tv prodotte dalla sorella britannica. In alcuni casi non solo gli autori riescono nell’intento, ma danno vita perfino a un prodotto di culto, come nel caso di The Office US. Nel resto dei casi sfiorano spesso il fallimento mentre per la prima versione americana del 2007 di The IT Crowd possiamo parlare tranquillamente di un brutto caso di violenza aggravata.

Il remake fortunatamente è stato scartato subito dopo la realizzazione dell’episodio pilota (che vi consigliamo di non vedere). Gli ideatori hanno avuto la malsana idea di prendere il povero Richard Ayoade, sempre nei panni di Moss, e affiancarlo a un Roy americano, interpretato dall’attore Joel McHale. L’esito – com’era prevedibile – è stato un disastro: per tutta la durata del pilot il povero Moss sembra spaesato e pentito di aver preso parte a questo bizzarro esperimento. Non si tratta di una coppia scoppiata, ma di un ibrido decisamente confuso. Inutile spiegare perché questo duo comico non abbia funzionato. Dopo questa esperienza fallimentare seguiranno comunque altri due tentativi di replicare il cult british in versione US.

Un duo senza chimica può contribuire all’insuccesso della serie stessa, come è accaduto in parte per Space Force.

Cosa è andato storto tra i protagonisti di queste 10 serie tv? Nel caso di The IT Crowd US praticamente tutto. Anzi, ci stupiamo di come qualcuno abbia solo potuto pensare di prendere una coppia, separare i volti che l’hanno resa iconica e tentare un rimpasto. Poi ci sono progetti nati per fallire indipendentemente dai protagonisti, mentre per True Detective e per Space Force non riusciremo mai a spiegarcelo veramente. Entrambe le serie hanno una coppia di attori meravigliosi con delle parti ben scritte, eppure manca quel certo non so che. Per questi due casi però non sarà anche colpa delle aspettative troppo alte del pubblico che a volte rappresentano un’arma a doppio taglio?

LEGGI ANCHE – Space Force e 10 Serie Tv che hanno deluso le aspettative nel 2020

Scritto da Sara Crecco

Rifletto tanto, talmente tanto che poi dimentico su cosa stavo riflettendo. Quindi niente, accendo Netflix.

la casa de papel

10 Serie Tv in cui abbiamo tifato spudoratamente per i cattivi

Che rapporto hanno Kit Harington ed Emilia Clarke?