in

I 7 personaggi delle Serie Tv la cui solitudine ci ha spezzato il cuore

Serie Tv

Chi, nella vita, specialmente da adolescente difficile, non s’è mai guardato allo specchio pensando: sono solo e triste e nessuno mi vuole bene, neanche mamma e papà. No, io no perché avevo amici, a pacchi. Ma tutti gli altri, magari, possono trovare consolazione in sette personaggi di Serie Tv tristi, ma proprio tristi e soli.

1) Jen Lindley – Dawson’s Creek

Non tutti han tifato da subito per Jen: bella, disinibita, libera, libertina e cinica quanto bastava per essere divertente, ma di quel divertente che, poi, alla lunga stanca e ti porta a creare bambole voodoo a immagine e somiglianza.

EPPURE.

Jen era stata mollata per i campi dai genitori newyorkesi rampanti che, non sapendo gestirla (come la maggior parte dei genitori d’oggidì), l’hanno sbolognata alla nonna over 70 ultra-chiesofila. Che, sì, le voleva bene, ma non sapeva farle capire come.

Passa da un uomo/ragazzo all’altro, ma non è mai felice e, forse, l’unico che ama davvero è l’amico e coinquilino Jack McPhee, per lei e per tutto l’universo femminile, fuori dalla portata. Fuori posto, incompresa e fraintesa, Jen è un pesce fuor d’acqua, specialmente nell’ambiente bigotto e perbenista di Capeside.

E poi muore, nell’unica puntata di Dawson’s Creek che mi sono categoricamente rifiutata di rivedere.

Written by Bruna Martinelli

Laureata in lingue e letterature straniere, impiegata, moglie e mamma felice. Appassionata di serie tv, viaggi, musica, cucina. Scrivo di tutto, da sempre, per tutti. Non prendetemi mai sul serio, non lo sono quasi mai.

Stranger Things

Il primo provino degli attori di Stranger Things!

Gilmore Girls, un nuovo revival all’orizzonte?