Vai al contenuto
Home » SERIE TV » 5 seconde stagioni delle Serie Tv che non potevano iniziare meglio

5 seconde stagioni delle Serie Tv che non potevano iniziare meglio

Grazie alla scrittura di personaggi complessi, alla fotografia che spesso non ha niente da invidiare a quella del grande schermo (basti pensare a Peaky Blinders o Dark) e a sceneggiature articolate e per niente scontate, le serie tv sono riuscite ad affermarsi e a evolversi stagione dopo stagione.

Tantissimi show ci hanno regalato delle first season veramente grandiose e d’impatto, lasciandoci con la voglia di scoprire il futuro della storia e dei personaggi. Per quanto non tutte siano state in grado di raggiungere la perfezione di quella d’esordio, molte seconde stagioni sono riuscite a conquistare subito il pubblico grazie a pilot esplosivi ed entusiasmanti capaci di incollarci allo schermo.

Ecco 5 seconde stagioni delle serie tv che non potevano iniziare meglio:

1) Peaky Blinders

peaky blinders

La seconda stagione di Peaky Blinders riprende da dove si era conclusa la prima. Dopo aver risposto alle domande che erano state lasciate in sospeso, la serie fa un salto temporale di due anni portandoci verso nuove scoperte. L’esplosione del Garrison Pub, la morte di Freddy Thorne, il confronto con l’IRA e il desidero di Tommy di espandere gli affari a Londra. Questi sono alcuni dei punti focali di un episodio che getta le basi per le nuove storyline di una stagione che si rivela essere molto più dark e cupa rispetto a quella precedente.

Questa oscurità si palesa non solo nelle vicende mostrate ma anche nei personaggi che popolano il mondo di Peaky Blinders. Thomas è più che mai tormentato dai fantasmi del passato. Per quanto lui sia spietato e crudele, nel protagonista si nasconde una fragilità che solo Polly, personaggio altrettanto travagliato e complesso, riesce a scorgere. Attanagliati e perseguitati dai propri demoni, i protagonisti vengono approfonditi ancora di più attraverso l’analisi della loro psiche e dei loro traumi.

Il ritorno decisamente potente e rumoroso di Peaky Blinders si tinge sin da subito di un senso di violenza e morte che ci prepara ad affrontare il nuovo capitolo della famiglia Shelby.

2) Vikings

2x01 rollo & borg 640x332

Se la prima stagione di Vikings era servita per mostrarci i capisaldi della società e delle tradizioni vichinghe, la seconda invece pone l’accento sulla necessità di andare incontro al cambiamento. Una necessità che emerge chiaramente nell’episodio Guerra Fratricida che si apre con la battaglia fra Ragnar/Horik e Rollo/Borg.

Quello a cui assistiamo non è solo uno scontro fisico fra le due fazioni ma soprattutto ideologico. Da una parte abbiamo Ragnar e il suo desiderio di unire il proprio popolo per scoprire nuovi mondi e condurli così verso l’innovazione. Dall’altra invece troviamo Jarl Borg, ancora estremamente legato alle tradizioni e determinato a conquistare terre già scoperte e rivendicate dagli scandinavi.

Vikings ci mostra chiaramente lo scontro fra il nuovo e il vecchio, fra la fratellanza e l’egoismo. Questo contrasto si ripresenterà anche nella lotta fra la fede cieca verso la religione e il controllo del proprio destino. In questo caso quello di Rollo al quale verrà risparmiata la vita solo grazie all’intervento di Ragnar, personaggio che ancora una volta si dimostra molto più avanti rispetto al proprio tempo.

3) Black Mirror

black mirror 2x01 640x426

Torna da me è uno degli episodi più drammatici e strazianti di Black Mirror: coinvolge emotivamente gli spettatori raccontando la storia di Martha e Ash, una giovane coppia stroncata dalla morte improvvisa di quest’ultimo.

Il tema principale dell’episodio è quello dei sentimenti umani filtrati attraverso la lente distorta della tecnologia. Rimasta sola e incinta, Martha trova conforto in un servizio online che le permette di rimanere in contatto con il defunto usando i suoi messaggi e social media. Nonostante l’iniziale diffidenza, la protagonista si troverà sempre più assuefatta al servizio tanto da passare alla fase successiva, ovvero un corpo fatto di carne sintetica in cui caricare il programma di Ash.

Ed è proprio qui che troviamo il punto di svolta dell’episodio. L’essere antropomorfo, per quanto identico al defunto, non potrà mai sostituirlo. La tecnologia futurista di Black Mirror impedisce alla protagonista di poter elaborare il lutto e andare avanti sia mentalmente che fisicamente. Rendendosene conto, ma incapace di uccidere il clone, Martha lo sigillerà in soffitta.

Un monito dell’errore commesso e delle conseguenze orrende dell’abuso della tecnologia.

4) The Handmaid’s Tale

the-handmaids-tale-2x01 640x320

L’episodio June si apre con una scena intensa e difficile da guardare, non certo una novità per The Handmaid’s Tale. La serie è stata sempre violenta dal punto di vista psicologico con l’intento di colpire la coscienza degli spettatori e farli riflettere su tematiche forti e attuali come i diritti delle donne, la violenza, la supremazia maschile e la religione.

L’esecuzione fasulla orchestrata da Gilead per impartire una lezione alle ancelle colpisce la protagonista nel profondo, ma servirà molto di più per piegare la sua volontà. Grazie all’aiuto di Nick e alla propria resilienza, June riesce a riconquistare la propria libertà, una vittoria resa ancora più intensa dall’interpretazione straordinaria di Elisabeth Moss. Bruciato l’abito rosso e tagliatasi una parte dell’orecchio per disfarsi del marchio di ancella, June risorge ricoperta dal suo stesso sangue e rivendicando finalmente il suo corpo e la sua indipendenza.

Mi chiamo June Osborne. Sono di Brooklyn, in Massachussets. Ho 34 anni. Sono alta un metro e sessanta. Peso 54 chili. Ho le ovaie che funzionano. Sono incinta di cinque settimane. Sono… libera.

5) Penny Dreadful

vanessa ives 2x01 640x426

Con l’episodio Un nuovo inferno la seconda stagione di Penny Dreadful si tinge di toni ancora più cupi e tragici rispetto al passato. L’oscurità che abbiamo conosciuto nel corso della prima stagione si infittisce sempre di più intorno agli eccentrici protagonisti legati reciprocamente da rapporti tesi e disfunzionali.

La storia riprende da dove l’avevamo lasciata. Sir Malcolm piange la morte di Mina, Ethan deve fare i conti con i propri vuoti di memoria e le loro letali conseguenze, Vanessa si ritrova ancora una volta a dover lottare contro le forze dell’inferno. La posta in gioco è alta ed è per questo che i personaggi dovranno ancora una volta unirsi per fronteggiare la nuova minaccia incarnata da Evelyn Poole, alias Madame Kalì. L’elegante e seducente medium è in realtà una Nightcomer, una letale strega al servizio del diavolo circondata da un temibile arsenale di seguaci.

Se nella prima stagione il male era nascosto nell’oscurità, ma comunque ben riconoscibile, adesso invece si veste di velluti e pizzi mimetizzandosi nella folla e rendendo ancor più difficile e intrigante la missione dei nostri eroi.