in

5 Serie Tv in cui ha insospettabilmente recitato Neil Patrick Harris

neil patrick harris

Se vivessimo mille vite probabilmente non riusciremmo comunque a imparare tutto ciò che Neil Patrick Harris sa fare nell’unica vita che gli è stata concessa.

Attore, comico, cantante, doppiatore, conduttore e prestigiatore professionista: l’iconico interprete di Barney Stinson nella celebre sitcom How I Met Your Mother sembra dotato dello stesso torrenziale flusso di estro e creatività che contraddistingue il suo personaggio più famoso e apprezzato.

Noto per aver interpretato ruoli da protagonista anche nelle serie Doogie HowserUna serie di sfortunati eventi (nel ruolo del Conte Olaf), nel corso della sua brillante carriera ha ricevuto 4 nomination agli Young Artist Awards (vincendone 3), 6 nomination agli Emmy Awards (vincendone 2), 4 nomination ai Golden Globe e 4 nomination ai People’s Choice Awards (vincendone 3).

Eppure il geniale attore statunitense, che il Times ha addirittura inserito nel 2010 fra le 100 persone più influenti del mondo, è stato avvistato in altre famosissime serie tv senza che avessimo la più pallida idea della sua partecipazione.

Ecco allora 5 serie tv in cui ha insospettabilmente recitato Neil Patrick Harris!

1) La signora in giallo

Neil Patrick Harris

Proprio come la sua collega Courteney Cox, interprete dell’esasperante Monica Geller in Friends, anche Neil Patrick Harris in tempi non sospetti ha prestato il suo contributo alle indagini dell’intramontabile Jessica Fletcher.

Nell’episodio 9×19 della serie La signora in giallo Neil veste i panni di Tommy Remsen, un giovane che consegna la spesa alla signora Fletcher e al quale la protagonista si affeziona molto. Un giorno Tommy si presenta da Jessica molto scosso, chiedendole aiuto perché ha visto un uomo accanto al corpo di una cliente, Monica Evers.

La polizia non trova nulla e non crede a Tommy, reputandolo un ragazzino che ha troppa fantasia, ma quando viene rinvenuto davvero il cadavere della signorina Evers la storia raccontata da Tommy viene presa sul serio: poco dopo però viene trovato anche il corpo dell’uomo visto da Tommy, e le cose si mettono male per lui.

2) Will & Grace

Oltre a essere una delle sitcom di maggiore successo a cavallo tra gli anni ’90 e il nuovo millennio, premiata sia dal pubblico che dalla critica, Will & Grace è entrata nella cultura popolare perché è stato uno dei primi prodotti televisivi ad affrontare con disinvoltura la tematica dell’omosessualità, ponendo personaggi dichiaratamente omosessuali come protagonisti della serie e raccontandone le vicende senza ricorrere ad anacronistici stereotipi.

Proprio a questo proposito, Neil Patrick Harris ha partecipato come guest star all’episodio 2×20 della famosissima serie interpretando Bill, il capo di un’associazione che si propone di convertire i gay in eterosessuali chiamata, ironicamente, “Bentornato a casa”.

Mentre Bill è intento a smistare volantini in un locale gay viene notato da Jack, che ne rimane immediatamente colpito: tant’è che, all’incontro successivo, Jack finge insieme a Karen di essere un eterosessuale convertito per provare a conquistarlo.

3) Law & Order: Criminal Intent

Neil Patrick Harris

Prodotta dal 2001 al 2011, Law & Order – Criminal Intent nasce come secondo spin-off di Law & Order – I due volti della giustizia, e si differenzia dalla serie madre per un approccio di tipo psicologico alle indagini nonché per l’assenza della parte processuale. Protagonisti storici sono il detective Robert Goren (Vincent D’Onofrio) e la sua collega Alexandra Eames (Kathryn Erbe).

Neil Patrick Harris fa la sua apparizione nell’episodio 4×03, incentrato sul ritrovamento del cadavere della ballerina di uno strip club gestito da mafiosi, che fa subito accorrere i detective della Squadra Speciale.

L’attore statunitense interpreta John Tagman, un uomo spinto alla tortura, all’omicidio e al cannibalismo da una travolgente disperazione e solitudine: Goren sorprende i suoi colleghi con un appassionato appello affinché all’uomo venga risparmiata la pena di morte, e progetta la confessione che salverà la sua vita attraverso un patteggiamento.

4) Glee

Guest star anche nella serie musicale Glee, Neil Patrick Harris prende parte all’episodio 1×19 interpretando Bryan Ryan, un ex compagno di scuola di Will che gli rendeva la vita un inferno.

Ora è alla McKinley High come nuovo membro del consiglio scolastico, e per motivi economici è obbligato a chiudere alcune attività artistiche: decide così di parlare ai ragazzi di quanto sia inutile avere dei sogni e di come il Glee serva solo a illuderli, dato che nessuno di loro può sperare di approdare a Broadway o di diventare una star internazionale. 

Al termine della puntata, tuttavia, Bryan confida a Will di sentire moltissimo la mancanza della musica e dello spettacolo, così i due si presentano a un’audizione cittadina. Sebbene Will ottenga la parte principale e Bryan quella di una comparsa, con un accordo decidono che sarà Bryan il protagonista, ma in cambio non rimuoverà il Glee.

5) American Horror Story

Neil Patrick Harris

Chiudiamo questo elenco di serie tv in cui ha insospettabilmente recitato Neil Patrick Harris con American Horror Story, la fiction antologica trasmessa dal 2011 e concepita in modo che ogni stagione abbia trama, ambientazione e personaggi diversi.

La quarta stagione, ambientata in Florida, vede come protagonista Elsa Mars, ex dominatrix tedesca a cui il nazista Hans Grüper ha tagliato le gambe durante la ripresa di uno snuff movie: la donna gestisce un freak show e convince le gemelle siamesi Bette e Dot Tattler, che hanno appena ucciso la madre, a unirsi allo show. 

Tra i personaggi che prendono parte al circo appare anche Neil Patrick Harris, che negli episodi 4×11 e 4×12 interpreta Chester, un venditore di camaleonti che convince Elsa ad assumerlo dopo averle mostrato le sue abilità come prestigiatore e ventriloquo, facendo parlare una bambola che si porta sempre dietro di nome Marjorie.

LEGGI ANCHE – Neil Patrick Harris: la curiosa storia dell’audizione dell’attore per How I Met Your Mother

Scritto da Cristina Natoli

Il mio (metro e sessanta scarso di) corpo è composto da un’insensata intermittenza di intricati funambolismi mentali privi di qualsiasi utilità pratica e pennellate rosa di incurante leggerezza, tra i quali mi destreggio con la stessa nonchalance innata con cui passo dalle serie tv Drama alle comedy, senza andare in autocombustione.

fleabag

Fleabag: sarcastica rabbia, sensuale dolore

10 Serie Tv lunghe di Amazon Prime Video che dovreste assolutamente vedere