in

10 attori di film e Serie Tv che soffrono di insonnia

jennifer aniston

Da Napoleone a Benjamin Franklin, da Charles Dickens a Mark Twain, le celebrità che hanno sofferto di insonnia sono davvero tante. Non se ne parla mai abbastanza, ma la mancanza di sonno è uno dei fattori che influiscono maggiormente sull’umore delle persone e sulla loro capacità di concentrarsi. Relazioni, lavoro, famiglia, fisico: molto dipende da quanto e come dormiamo la notte, anche se spesso non ce ne curiamo. Le star che hanno parlato dei loro problemi di insonnia sono tante, da Jennifer Aniston a George Clooney. Ma tantissime altre non lo hanno mai reso pubblico.

L’insonnia colpisce tutti: attori e lavandaie, politici e magazzinieri.

E le nostre amate serie tv non aiutano certo in questo senso. Diversi studi statistici hanno evidenziato come il binge-watching notturno sia una delle cause maggiori dei disturbi del sonno, anche se c’è chi non riesce ad addormentarsi se non guarda almeno una puntata delle sue serie preferite.

Ma scopriamo chi sono gli attori di film e serie tv, insieme a Jennifer Aniston e George Clooney, che hanno avuto e continuano ad avere problemi di insonnia.

1) Kim Cattrall

L’attrice canadese di origini britanniche, conosciuta soprattutto per aver interpretato Samantha Jones in Sex and the City, ha sofferto di disturbi di insonnia talmente invalidanti da dover ricorrere alla psicoterapia. La star ha trascorso anche più di quarantotto ore senza chiudere occhio, con tutte le conseguenze possibili sull’umore e le attività giornaliere.

All’inizio aveva addebitato i disturbi del sonno alla menopausa, al jet lag o ai troppi tè presi durante la giornata. Ma quando fu costretta a rinunciare ad una prima teatrale nel West End, capì che il problema era molto più serio di quanto si aspettasse. Kim Cattrall ha fatto ricorso alla terapia per mettere un freno a quello che ha definito “uno tsunami che ti sconvolge la vita”.

Written by Serena Verrecchia

Esistono milioni di storie al mondo, preziose e inimitabili. Il nostro compito è solo quello di scovarle, portarle in superficie e imparare ad amarle.
Scrivo di serie tv per un insopprimibile desiderio di bellezza, perché nelle storie, specie in quelle belle, ho trovato il mondo che vorrei.

Bridgerton – Le Pagelle della serie più trash di queste vacanze natalizie

The Boys

The Boys: uno sguardo su Abisso, pesce piccolo in un mare di squali