Vai al contenuto
Home » SERIE TV » 5 attori che potrebbero interpretare benissimo il giovane Gus Fring in un eventuale spin-off

5 attori che potrebbero interpretare benissimo il giovane Gus Fring in un eventuale spin-off

Ultimamente si fa un gran parlare di spin-off. I più importanti autori della televisione solleticano la curiosità degli spettatori lanciando messaggi più o meno velati su quale personaggio secondario della vostra serie televisiva potrebbe avere uno show tutto suo diventando finalmente un protagonista. Un espediente per fidelizzare il pubblico, certamente. Ma è anche un modo per raccontare e sviluppare grandi personaggi che nella serie principale, magari, non hanno lo spazio che meriterebbero.
Qualche mese fa, poco prima della messa in onda della prima parte della sesta e ultima stagione di Better Call Saul, è uscita una notizia secondo la quale Giancarlo Esposito, interprete del famigerato Gustavo Fring, desidererebbe molto vedere uno spin-off del suo personaggio (qui vi diamo maggiori dettagli). Al momento la notizia non ha conferme da parte di nessuno: né dai vertici della Sony Pictures Television, la casa di produzione; né dalla coppia di sceneggiatori pluripremiati composta da Vince Gilligan e da Peter Gould, ideatori della serie madre Breaking Bad e del suo spin-off. Chi lo sa, dunque, cosa riserverà il futuro ai fan del cileno?

I dettagli sulla vita di Gustavo Fring sono piuttosto pochi e ben distribuiti tra le puntate di Breaking Bad e Better Call Saul. Sufficienti, però, per farci un’idea del suo passato. Di lui sappiamo che potrebbe avere una sessantina d’anni deducendolo dall’età del suo interprete, Giancarlo Esposito (1958), e che proviene dal Cile ma che prima di arrivare negli Stati Uniti è stato in Messico. Dal Cile Gustavo porta con sé una fama non indifferente dal momento che non viene ucciso dai membri del Cartello messicano al quale pesta i piedi. Quando viene interrogato negli uffici della DEA (Drug Enforcement Administration) viene rivelato che su di lui non esistono documenti ufficiali risalenti a prima del 1986, anno della sua comparsa in Messico. A questo proposito Fring ci tiene a precisare che durante la dittatura di Pinochet, in Cile, non ci si preoccupava molto di tenere i registri delle nascite con la dovuta attenzione.

Gustavo Fring abbandona il Cile in circostanze misteriose. Precisamente, si fa riferimento a un incidente accaduto a Santiago del Cile, la capitale, che l’ha obbligato a sparire dai radar alla velocità della luce. Quale sia, però, questo incidente nessuno lo sa. Gus viene sovente apostrofato come “il Cileno” e in un caso come “il Generalissimo“. Se il primo appellativo confermerebbe la sua provenienza il secondo potrebbe dare indicazioni del suo ruolo all’interno del suo paese e potrebbe essere interpretato con una duplice lettura: ironica o seria. Nel primo caso potrebbe trattarsi di uno sfottò beffardo, quasi a indicare un uomo che è stato nelle retrovie e non si è mai impegnato troppo. Nel secondo, invece, potrebbe nascondere un ruolo importante, e pericoloso, addirittura all’interno della dittatura di Pinochet (un interessantissimo approfondimento sul possibile passato di Gus Fring potete leggerlo qui).

In una intervista Vince Gilligan ha affermato: “Ho cercato di rendere il personaggio di Gustavo Fring il più misterioso possibile. Delle sue origini mi sono fatto una vaga idea ma non ho mai voluto approfondire, così come non ho mai voluto approfondire troppo il rapporto che c’era tra Gus e Max anche se penso che fossero più che semplici soci“.
Così è toccato a Giancarlo Esposito riuscire a elaborare sui pochi dettagli in suo possesso quel meraviglioso personaggio che è Gustavo Fring: “Me lo sono immaginato attento ai particolari, meticoloso e piuttosto calmo. Un uomo che sembra in grado di farsi scivolare addosso quello che gli accade ma che in realtà non perdona mai“.
Sempre Esposito ha immaginato un eventuale Gus da giovane ma la descrizione che ne dà l’attore cozza con altri dettagli disseminati nelle serie come, per esempio, quello dei frutti dell’albero di lucuma mangiati dai coati.

Gus Fring

Gustavo Fring è un personaggio incredibile dell’universo breakingsoniano. Uno dei personaggi secondari che più ha attirato l’attenzione dei telespettatori. Per interpretarlo occorrerebbe quindi un attore di un certo spessore e, naturalmente, giovane, di circa trentacinque massimo quarant’anni. Ci siamo divertiti a cercarne cinque per un eventuale casting e vi garantiamo che non è stata una impresa semplice.
Diteci cosa pensate dei nostri candidati a un personaggio di sicuro successo ed eventualmente suggeritene degli altri se questi non vi convincono quanto hanno convinto noi!

1) Omari Hardwick

Dei cinque attori che abbiamo scelto Omari Hardwick è quello più in avanti con l’età, essendo nato nel 1974. Fin da ragazzo dimostra un forte interesse per le arti: scrive poesie e si dedica alla recitazione. Al tempo stesso è un promettentissimo giocatore di football americano ma un serio incidente al ginocchio ne preclude la carriera sportiva aprendogli quella della recitazione.
La sua carriera inizia con parti minori in diverse serie. Il primo ruolo importante l’ha in Saved, un medical drama di tredici puntate. Tra il 2009 e il 2010 è tra i protagonisti di Dark Blue, una intensa serie poliziesca. Ma Hardwick è soprattutto James ‘Ghost’ St. Patrick, proprietario di una importante discoteca di New York e al tempo stesso un importante spacciatore in Power, serie in onda su Starz.

Omari ha inoltre girato con Spike Lee in Miracolo a Sant’Anna ed è stato compreso nel cast del primo Kick-Ass. In seguito ha avuto una parte in A-Team e in For Colored Girls. È stato diretto da Nate Park nel drammatico American Skin e nell’avventura zombie Army of the Dead diretto da Zack Snyder.
Probabilmente il meno conosciuto dei cinque, Omari Hardwick ha dimostrato di avere un forte senso di adattamento passando da un ruolo drammatico a uno più leggero. Dalla sua, poi, ha già avuto a che fare con gli stupefacenti. Sebbene Gustavo Fring sia un personaggio piuttosto spesso possiamo bene immaginare il nostro attore molto bene nei suoi panni.

2) Michael B. Jordan

Gustavo Fring

Nato nel 1987 Michael Bakari Jordan è un attore e produttore americano. Dopo una puntata nel 1999 ne I Soprano Jordan è stato Wallace in The Wire (2002). Poi tra il 2003 e il 2006, per 59 episodi ha fatto parte del cast di All My Children. Nel 2009 è stato Nate Warren in The Assistants e fino al 2011 Vince Howard in Friday Night Lights, una serie dedicata al football americano.
Tra il 2010 e il 2011 è stato Alex in Parenthood mentre nel 2018, grazie alla sua interpretazione di Guy Montag in Fahrenheit 451, diretto da Ramin Bahrani, ha ottenuto la candidatura a un Emmy Awards.

Nel 2013 è protagonista nel film drammatico Fruitvale Station, mentre nel 2015 prima è La Torcia ne I Fantastici Quattro ma soprattutto Adonis Johnson in Creed – Nato per combattere. Nel 2018 prima è Erik Killmonger in Black Panther e poi nuovamente Johnson in Creed II. Nel 2019 interpreta l’avvocato Bryan Stevenson in Il diritto di opporsi mentre nel 2021 è John Clarck in Senza rimorso, diretto da Stefano Sollima.
Michael B. Jordan ha ampia esperienza nei ruoli drammatici e fisici. Questo potrebbe senza dubbio essere un buon biglietto da visita per il ruolo di Gustavo Fring, considerato che il cileno da giovane difficilmente dovrebbe esser stato un tipo molto spiritoso.

3) Donald Glover

Gustavo Fring

Donald McKinley Glover Jr. attore, cantante, rapper, scrittore, comico, regista e produttore è nato nel 1983. A ventitré anni viene assunto nello staff di sceneggiatori della sitcom 30 Rock da Tina Fey la quale rimase molto colpita dalle sue idee. Tra il 2009 e il 2014 Glover è tra i protagonisti di Community, una sitcom creata da Dan Harmon. Dal 2016 è ideatore, attore, regista e sceneggiatore della dramedy Atlanta con la quale vince sue Emmy Awards e un Golden Globe. Glover ha firmato un contratto con Amazon Prime Studios come protagonista di una serie basata sul film Mr & Mrs Smith, interpretato da Angelina Jolie e Brad Pitt.

Dal punto di vista cinematografico, Glover è stato Lando Calrissian in Solo: A Star Wars Story, e Aaron Davis in Spider-Man: Homecoming.
Glover ha dimostrato grandi capacità creative oltre quelle attoriali e da regista. Chissà non gli servano tutte nel caso venisse chiamato per interpretare il personaggio di Gustavo Fring?

4) Leslie Odom Jr.

Nato nel 1981, Leslie Odom Jr. ha un curriculum artistico davvero notevole che lo vede come attore, cantante e ballerino. Infatti, l’attore per lungo tempo si è diviso tra gli studi di Los Angeles e i teatri di Broadway fino al 2016 quando si è esibito per l’ultima volta come Aaron Burr nello spettacolo teatrale Hamilton, ruolo per il quale ha vinto un Tony Award e un Grammy.
Nel frattempo è stato attore ricorrente in CSI: Miami, Vanished, Big Day, Smash, Person of Interest, Law&Order: Unità Speciali.

Leslie Odom Jr. ha partecipato anche a diversi film. È stato protagonista in Harriet e Only. Era il dottor Arbuthnot nel rifacimento di Assassinio sull’Orient-Express diretto da Kenneth Branagh. Nel 2020 è stato scelto per interpretare il leggendario cantante soul Sam Cooke nell’adattamento cinematografico diretto da Regina King di One Night in Miami. Per questo ruolo Odom ha ricevuto recensioni entusiastiche dalla critica ottenendo per la sua interpretazione due nomination all’Oscar, ai Golden Globe, agli Screen Actors Guild Awards e una al BAFTA.
Potrebbe essere lui l’eventuale Gustavo Fring da giovane?

5) John David Washington

Gustavo Fring

Figlio d’arte, il padre è il celebre Denzel, è nato nel 1984. Dopo una promettente carriera da professionista nel football americano si è dedicato alla recitazione interpretando il ruolo di Ricky Jerret nella serie drammatica, made in HBO, Ballers, insieme a Dwayne Johnson. Nel 2018 è protagonista del film di Spike Lee BlacKkKlansman, basato sulle memorie di Ron Stallworth, primo detective afroamericano del dipartimento di polizia di Colorado Springs. Con questo ruolo si è aggiudicato una candidatura ai Golden Globe e una agli Screen Actors Guild Award.
Il regista Christopher Nolan lo ha voluto come protagonista del suo Tenet proprio dopo l’exploit iniziale. Nolan lo ha elogiato molto sia per la bravura che per la professionalità e per il suo ruolo l’attore ha vinto un Saturn Award come miglior attore.

L’agenda di John David Washington è già piena di impegni per il prossimo futuro ma siamo certi che troverebbe il tempo per interpretare Gustavo Fring da giovane. Così come siamo certi saprebbe dare al personaggio una certa eleganza senza disdegnare le scene d’azione, in un mix perfettamente dosato.

Leggi anche – Gustavo Fring: la giornata tipo