in ,

10 attori delle Serie Tv che hanno ricevuto tante critiche per un ruolo che hanno interpretato

Capita che una serie tv abbia il privilegio di poter vantare scenari da favola (Game of Thrones, mi sto riferendo proprio a te), personaggi curati con attenzione e storyline scritte dalle migliori penne del panorama autoriale. Le ottime premesse e l’amore dei vari fandom, però, non riescono a salvarla da un problema che, se in alcuni casi viene avvertito soltanto dagli occhi più clinici e spietati, spesso risulta essere così evidente e ingombrante da non poter essere ignorato: la scelta di attori e attrici non propriamente sul pezzo quando si tratta di recitare la loro parte in quello specifico ruolo.

Sì, per quanto sembri assurdo, capita eccome. Succede che l’interprete in questione non riesca a entrare per bene nel personaggio o, per i più maligni tra noi, non riesca proprio a capire che sfondare al cinema, in televisione, sul grande e piccolo schermo piace un po’ a tutti ma non tutti hanno davvero la stoffa per farcela o, perlomeno, le potenzialità per partire da un livello principiante e arrivare a un livello pro (o quasi).

Da Tori Spelling ad Ariana Grande, passando per Kit Harington, ecco una selezione di attrici e attori che, forse, dovrebbero fare un passo indietro e studiare un po’ di più.

1. Megan Fox – New Girl

game of thrones

Chiamata temporaneamente a sostituire Zooey Deschanel in New Girl (nulla di grave o preoccupante, nel 2016 l’attrice aveva deciso di prendersi una pausa dallo show per maternità), Megan Fox non ha convinto i fan. Non tanto per il personaggio di Reagan (che, anzi, è stato apprezzato per la ventata di novità e freschezza che è riuscita a portare nella trama) ma per la sua performance.

Monotona, rigida, artefatta, poco in linea con lo spirito dello show, queste solo alcune delle critiche mosse alla Fox. Che, con giudizi del genere, ha fatto i conti anche nel corso della sua carriera cinematografica. Per molti, infatti, la sua interpretazione pare avere un range molto limitato, assolutamente inadatto per ruoli drammatici e particolarmente patetici ma, allo stesso tempo, difficile da sfruttare anche sul fronte della commedia, perché apparentemente poco incline ad alleggerirsi e a prestare il fianco a un tono meno serioso.

Insomma, a volte la bellezza e l’appeal da star del cinema non bastano per diventare una brava attrice apprezzata da tutti.

Written by Camilla Curcio

Chi mi conosce mi definisce un curioso ibrido tra Rory Gilmore, Rachel Berry e Meredith Grey. E, forse, non ha tutti i torti. Mi divido (a fatica) tra le pagine disordinate di taccuini pieni di parole, scaffali traboccanti di libri e l'infinito susseguirsi degli episodi delle mie serie tv preferite. Tre delle cose di cui sono più gelosa ma di cui potrei parlare fino a perdere la voce.

Vikings

Vikings 6 – Abbiamo visto i primi due episodi in anteprima: le nostre impressioni

Gomorra – Il web offende Marco D’Amore sui social per aver preso peso. La sua risposta