Vai al contenuto
Home » SERIE TV » 10 personaggi delle Serie Tv che odiamo amare

10 personaggi delle Serie Tv che odiamo amare

Se Catullo fosse nato ai giorni nostri sono piuttosto sicura che le sue pene di Odi et Amo sarebbero riferite anche ai personaggi delle Serie Tv, oltre che all’amata (e odiata) Lesbia dei suoi versi. Per fortuna (o sfortuna) noi siamo nati nell’era dello streaming e, anche se la prima cosa che odiamo amare è la nostra smart tv, ci capita piuttosto spesso di imbatterci in personaggi come Lalo Salamanca di Better Call Saul, i quali ci fanno provare le stesse pene d’amore di Catullo.

Oggi parliamo di quei personaggi delle Serie Tv che odiamo amare, partendo proprio dal villain di Better Call Saul.

1) Lalo Salamanca – Better Call Saul

Better Call Saul.
Lalo Salamanca, Better Call Saul (640×360)

Bello e dannato, Lalo è uno dei cattivi più amati e odiati dell’universo di Better Call Saul. Se in Breaking Bad sentiamo il suo nome solo di sfuggita, pronunciato da un Saul Goodman in preda al panico, in Better Call Saul comprendiamo a pieno il terrore negli occhi dell’avvocato.

Lalo è tanto spietato quanto spavaldo, calpesta il mondo con il suo ego spropositato e si nutre della paura che incute negli altri. A Lalo non si può dire di no, lui segue i suoi capricci come un bambino viziato a cui non interessa assolutamente nulla dei bisogni altrui.

Agli occhi di Lalo la vita umana non ha alcun valore. Possiamo dire senza troppe remore che è una drama queen proprio come Rachel Berry di Glee (di cui scriveremo a breve). Ma, in fondo, anche lui ha dei difetti.

2) Don Draper – Mad Men

Better Call Saul.
Don Darper, Mad Men (640×360)

Devo dire che era molto tentata di dedicare questo articolo interamente a Mad Men, considerando che nel corso della visione ho avuto questa relazione di amore e odio un po’ con tutti i personaggi della serie.

Come Lalo Salamanca di Better Call Saul, il pubblicitario della Sterling Cooper ha il fascino dello str***o, anche se sul suo percorso ha fatto sicuramente meno vittime del personaggio di Gilligan.

Don Draper è un personaggio complesso, di cui scopriamo progressivamente nuove sfaccettature, eppure ogni volta che ci sembra di fare un passo avanti eccolo lì a gettare tutto al vento. Draper non riesce a gestire le relazioni stabili, soprattutto quando si tratta di coinvolgere la parte più emotiva della sua personalità.

Genio e sregolatezza fanno di lui un personaggio di cui è impossibile non subire il fascino, nonostante ci si renda conto di quanto sia pericoloso sul piano emotivo.

3) Tremotino – Once Upon a Time

Tremotino, Once Upon a Time

C’era una volta Tremotino, il personaggio di granlunga migliore di Once Upon a Time, la serie tv ABC che ha trasportato nella realtà le fiabe più famose di sempre, in un mondo senza l’elemento che più di tutti caratterizza il fiabesco: la magia.

All magic comes with a price” afferma più volte lo sbrilluccicante personaggio. No, non parlo di Edward Cullen sulla spiaggia di Gallipoli ad agosto, ma di Tremotino aka Mr. Gold.

Avido, doppiogiochista e inaffidabile nel modo più assoluto, ogni sua azione è compiuta in vista di un suo tornaconto. Più le conseguenze dei suoi affari sono dannose per gli altri, più lui sembra trarne soddisfazione. Amarlo è facilissimo, così come è facilissimo maledire noi stessi per questo amore, soprattutto quado si tratta della sua relazione con Belle e l’innata capacità di Tremotino di mandare tutto a rotoli, spezzandoci il cuore.

4) Rachel Berry – Glee

Rachel Berry, Glee (640×420)

Vi avevamo promesso che avremmo parlato anche di Rachel Berry ed eccoci qui. La star di Glee divide il pubblico in chi la ama e chi la detesta. Io devo ammettere, con un po’ di vergogna, di appartenere al primo gruppo.

Rachel Berry è la drama queen per eccellenza, per un briciolo di notorietà sarebbe disposta letteralmente a tutto, anche a vendere a buon prezzo i suoi stessi genitori. A dimostrarlo sono anche solo le sue reazioni spropositate quando per una volta non le viene assegnato il ruolo da solista per il club scolastico, neanche si trattasse della prima di Broadway.

La determinazione di Rachel Berry è da un lato ammirevole, dall’altro fanno di lei la protagonista perfetta per un nuovo episodio di “Io e La Mia Ossessione”.

Ma, nonostante tutto, è pur sempre la nostra Rachel, don’t try to rain on her parade insomma.

5) Trinity – Dexter

Better Call Saul.
Trinity, Dexter (640×360)

Abbiamo iniziato questo elenco con Lalo Salamanca di Better Call Saul, e continuiamo la sagra dell’assassino con uno dei più spietati della storia delle serie tv: Trinity Killer aka Arthus Mitchell.

Chi ha visto Dexter capirà al volo a cosa mi riferisco. Trinity è un villain da paura in quanto a caratterizzazione, lo abbiamo amato perché senza di lui Dexter non sarebbe stata la stessa serie tv e Dexter Morgan non sarebbe stato la stessa persona.

Ancora oggi se ripenso ad alcune scene mi ritornano le lacrime agli occhi, ma allo stesso tempo non posso fare a meno di subire il fascino mortale di Trinity.

6) Serena Joy – The Handmaid’s Tale

Serena Joy (640×360)

The Handmaid’s Tale è una serie tv distopica ambientata in un mondo dominato dal maschilismo, in cui le donne fertili vengono sfruttate per la loro fertiliità. Serena Joy è una delle fondatrici morali e filosofiche di Gilead, appoggiandone anche la politica di sfruttamento annessa.

Odio e amore si mescolano anche nel rapporto tra Serena e la sua ancella in The Handmaid’s Tale. Serena è abusiva in ogni accezione del termine, ma allo stesso tempo è uno dei personaggi meglio caratterizzati e sfaccettati della serie.

Per quanto deplorevole sia il suo comportamento, lei è coerente con il suo pensiero anche se il suo ruolo è profondamente complesso, soprattutto in relazione al suo amore per il marito Fred, uno dei massimi comandanti. Se da un lato vorremmo detestare Serena per le sue azioni e le sue parole, dall’altro The Handmaid’s Tale è costruita in modo tale da farci progressivamente empatizzare con il personaggio.

7) Floki – Vikings

Floki, Vikings 640×360

Dal mondo distopico di The Handmaid’s Tale facciamo un salto nella fredda scandinavia dei vichinghi. Anche in Vikings questa alternanza di amore e odio è costante per molti peronaggi. Floki, in particolare, si fa riconoscere e amare per il suo carattere volubile e creativo, nonchè storico braccio destro di Ragnar.

La sua determinazione e il suo essere un po’ fuori dalle righe, però, lo portano talvolta a compiere azioni senza pensare, per non parlare della sua tendenza a ossessionarsi con cose e persone, sia in positivo che in negativo.

8) Michael Scott – The Office

Better Call Saul.
The Office (640×360)

Michael Scott, protagonista di The Office, può essere definito come un idiota amabilmente insopportabile. Michael, il capo, è un personaggio che ci entra nel cuore nonostante i suoi incontestabili difetti. Ci viene presentato come il classico capo inetto che non sa come relazionarsi propriamente con i suoi dipendenti (che tratta più da amici che da sottoposti).

È capriccioso e ingiustificatamete ottimista (“che cos’è tutta questa felicità immotivata?!” -cit), ma dietro la patina della commedia emerge un uomo sensibile e e fragile, nonostante il narcisismo dimostrato in numerosi episodi di The Office.

Il mix ben costruito di difetti eclatanti e pregi da scoprire, fa di Michael Scott uno dei personaggi delle serie tv che più abbiamo odiato amare guardando The Office.

9) Christopher Moltisanti – The Sopranos

The Sopranos (640×360)

Passiamo da una comedy come The Office a una delle serie tv drama migliori di sempre: The Sopranos.

Pensate che senza il genio di Matthew Weiner serie tv come Breaking Bad e Better Call Saul non sarebbero mai esistite.

Christopher Moltisanti è il nipote prediletto del boss Tony Soprano, il quale lo identifica come l’erede morale del suo regno mafioso. Chris è palesemente ancora immaturo, non è pronto per entrare a tutti gli effetti negli affari sporchi del New Jersey, ma si atteggia come se lo fosse .

Da spettatori percepiamo al sua fragilità e il suo timore di fallire. Chris, in fondo, è un personaggio molto buono ma lascia che la famiglia lo corrompa fino al midollo. Non riesce a reggere il peso di tutto questo e cede sotto il peso delle pressioni e di se stesso.

Proprio questo aspetto fa sì che, come Tony Soprano stesso, anche noi sviluppiamo una relazione di amore e odio nei suoi confronti.

10) Lady Mary Crawley – Downton Abbey

Downton Abbey (640×360)

Lady Mary è la prima delle tre figlie della famiglia Crawley, ricchi aristocratici inglesi che conducono la loro vita tra tè pomeridiani e cavalcate nei prati.

Lady Mary è bellissima e sa di esserlo, instaurando una sorta di competizione soprattutto con la sorella minore Edith. I suoi modi spocchiosi e il suo ego sproporzionato fanno di lei un personaggio con tutte le carte in regola per essere detestato, eppure siamo in molti (me compresa) a cedere con facilità al fascino dell’aristocratica, anche se in molti casi ce ne pentiamo amaramente.