in

9 Serie Tv cancellate prematuramente

8) “Super Clyde” (2013)

Ok, qui imbroglio un pochino perché questa serie è stata cancellata ancor prima di nascere, ma i presupposti erano troppo belli per essere ignorati da una fangirl come me.

serie tv: super Clyde

Il protagonista della serie tv doveva essere interpretato da RUPERT GRINT (aka Ron Weasley per le persone abominevoli che non ricordano il nome dell’attore) e già qui le rotelle del mio cervello avevano iniziao a ballare di gioia. La storia tratta di un umile ragazzo che conduce una vita senza emozioni lavorando in un fast food,  così al fine di combattere questa monotonia decide di diventare un super eroe. Se questa trama vi fa ticchettare l’orologio della memoria siete sulla strada giusta: è praticamente identica a quella di “Kick-Ass”, film del 2010. Probabilmente il motivo del rifiuto della serie da parte della CBS è proprio questo.
Il progetto potrebbe venir riavviato ma il mio amato rosso verrà sostituito da Charlie McDermott (forse lo conoscete come Axl Heck in “The Middle”). Adoro Charlie ma ammetto che avrei preferito rivedere Rupert ancora una volta, almeno sul piccolo schermo, e penso oltretutto che il ruolo gli fosse dipinto addosso.
Vedremo gli sviluppi, nel frattempo piango.

7) “The New Normal” (2013)

Perché Ryan Murphy perché?
Perché hai preferito creare quella trashata di “American Horror Story:Coven”?
Perché ci hai donato una terribile quinta stagione di “Glee” affossando definitivamente lo show?

serie tv: the new normal

Perché hai abbandonato il progetto “New Normal”?
La serie tv in questione trattava delle vicende di Goldie, madre single con figlia genialoide a carico, che decide di diventare una madre surrogato per una coppia di uomini.
I personaggi erano adorabili, impossibile non affezionasi subito alla piccola ed eccentrica Shania o alla nonna iper conservatrice che si oppone in ogni maniera alla decisione della nipote,e le battute erano argute e sottili. Ma soprattutto trattava una tematica attualissima con ironia e semplicità.
Geniale inoltre l’idea di creare uno show metacinematografico. Uno dei due protagonisti, Bryan Colllins, è infatti chiaramente ispirato allo stesso Ryan Murphy in quanto lavora come produttore televisivo il quale raggiunge il successo grazie ad una serie su un gruppo di liceali “underdog” che esprime i propri disagi attraverso la musica. Una strizzata d’occhi non troppo velata a “Glee”.
“New Normal” ci lascia con troppi interrogativi, Goldie partorisce e tutto finisce lì.
Ottimo progetto, ottime idee, tutto sprecato per una sola misera stagione.
Cattivo Ryan, così non si fa proprio.

Scritto da Diletta Dan

A 18 anni mi sono diplomata a Hogwarts con il massimo dei voti nei M.A.G.O, poi ho deciso di farmi un giretto a Westerors con Arya Stark (evitando accuratamente i matrimoni), per il futuro penso di sistemarmi definitvamente nella Contea. Amo le seconde colazioni.
Al momento mi sono presa una pausa dalle avventure e vivo a Bologna dove mi sto laureando in DAMS.
Se vi piace quello che scrivo date pure un occhiata anche al mio piccolo blog ( http://theredfoxcinema.blogspot.it/ )

Moriarty is dead. Or not?

14 riflessioni post 5×04 di American Horror Story: Hotel