in

I luoghi di Outlander: sulle tracce di Craigh Na Dun

outlander
outlander

Se qualche anno fa mi avessero chiesto “Cosa ti viene in mente se parlo di megaliti?” avrei risposto, da brava scolara, “Stonehenge” senza pensarci due volte. Da quando “Outlander” è parte integrante e fondamentale del mio elenco personale di Serie Tv, però, la risposta alla stessa domanda non è più così automatica. “Outlander”, infatti, mi ha aperto le porte di un mondo fino ad allora completamente nuovo e mi ci ha trascinata senza che vi potessi opporre resistenza facendomi conoscere luoghi magici da studiare e visitare.

Oggi il nostro consueto viaggio nei luoghi di “Outlander” riguarda proprio i megaliti, in particolare quelli che permettono alla protagonista Claire di viaggiare nel tempo e di raggiungere l’amore della sua vita, Jamie.

outlander

Ma cosa sono esattamente i megaliti? E, soprattutto, che valore hanno nella Serie?

I megaliti (dal greco “megas”, grande, e “lithos”, pietra) sono grandi pietre riunite a formare una struttura, un monumento vero e proprio. Ne esistono di due tipi: da una parte abbiamo i “menhir” (megalito singolo); dall’altra abbiamo i “dolmen” (due pietre verticali ed una orizzontale come copertura, come quelli del famoso sito di Stonehenge). Numerose costruzioni di questo tipo sono sparse in tutto il mondo, dall’America Meridionale all’Europa passando per il Giappone e l’India, e sul loro significato, per anni, sono state fatte molte congetture.

Le analisi delle pietre le datano in un periodo che va dal 5000 al 1000 a.C. ed è impensabile che, a quei tempi, fosse semplice trasportarle senza alcun supporto meccanico moderno ; per questo molte popolazioni le hanno attribuite a divinità o, addirittura, a civiltà aliene. I motivi per cui, per migliaia di anni, molti popoli continuarono a costruire questo genere di monumenti sono strettamente legati alla religione e all’astronomia: essi venivano infatti considerati dei veri e propri santuari e osservatori astronomici a cielo aperto.

Torniamo ora a Outlander.

outlander

Nella prima stagione, Claire e il marito Frank si recano in Scozia per conoscere l’albero genealogico di quest’ultimo che, da buon Professore di Storia, desidera scoprire chi siano stati i suoi antenati e che ruolo abbiano avuto nelle vicende scozzesi. La loro luna di miele viene interrotta, però, dalla scomparsa di Claire che, avvicinatasi a dei megaliti posti su una collina, attorno ai quali aveva visto donne danzare durante una notte di luna piena, viene catapultata nel ‘700.

outlander

Il luogo in cui sorgono queste pietre si chiama Craigh Na Dun ma, in realtà, non esiste.

Diana Gabaldon, la scrittrice dei romanzi dai quali la Serie è tratta, si è ispirata a numerose costruzioni megalitiche presenti in tanti luoghi diversi della Scozia. Per girare quelle scene, però, le pietre sono state riprodotte di sana pianta. La Scozia è, infatti, una di quelle aree del mondo in cui i siti megalitici sono più diffusi; quindi, la Gabaldon ha potuto scegliere tra diverse location quando cercava l’ispirazione per la sua storia.

In particolare in territorio scozzese ci sono otto tra i più antichi siti megalitici del mondo: Machrie Moor situato nella meravigliosa isola di Arran; il Cerchio di Brodgar (un sito tra i più belli e maestosi al mondo) che insieme alle Pietre di Stenness, al Maeshowe e allo Skara Brae (situati tutti nelle isole Orcadi) forma il Cuore delle Orcadi Neolitiche (Patrimonio dell’Umanità protetto dall’Unesco); i menhir di Kilmartin Glen ad Argyll; Clava Cairns, un cimitero preistorico situato nelle Highlands, nei pressi di Invernesse; e il Callanish Standing Stones, situato nell’isola di Lewis e Harris.

Noi di Hall of Series, però, vi vogliamo bene (tanto!) e quindi siamo andati a studiare tutti questi siti perchè volevamo scoprire quale tra questi abbia fatto battere il cuore alla carissima Diana Gabaldon.

Alla fine, cari tutti, ce l’abbiamo fatta!

Pare che la scrittrice abbia deciso di usare l’ambientazione delle Clava Cairns ma che abbia scelto il sito di Callanish per la struttura delle pietre.

outlander

Il sito di Clava Cairns è un insediamento del Tardo Neolitico composto da tre monumenti tombali e da megaliti posizionati in modo strategico, a scopi astronomici. La datazione del sito si fa risalire al 2500 a.C.; inoltre il luogo sorge vicino alla città di Inverness, la capitale delle Highlands, e alla Culloden Moor, campo in cui avvenne la funesta Battaglia di Culloden.

outlander

Situato, come abbiamo detto,  nell’Isola di Lewis e Harris che è la più grande tra le isole scozzesi e che appartiene alle Ebridi esterne, il sito megalitico di Callanish, invece, è composto da un cerchio di 13 pietre più grandi e da altre pietre più piccole legate al cerchio centrale come a voler formare una croce. La datazione dell’intera struttura si fa risalire a un periodo che va dal 3000 al 1000 a.C. ed è stato provato che le pietre che la costituiscono sono tutte dello stesso tipo quindi si presume che il risultato sia frutto di un unico progetto originale e che non ci siano state modifiche successive. Le immagini di questo luogo ci fanno ben comprendere quanto sia meraviglioso e, soprattutto, ci permettono di notare l’incredibile somiglianza con il Craigh Na Dun di Outlander.

outlander

Come detto, Craigh Na Dun è stato interamente riprodotto e il set scelto è un altro luogo simbolo della Scozia e importante per la Serie, la Rannoch Moor (nella foto in alto). Uno dei luoghi più selvaggi e incontaminati del mondo, la Rannoch Moor si trova nella Contea di Perthshire e fa da sfondo a numerose scene di Outlander, dai viaggi in macchina dei giovani sposi Claire e Frank, alle lunghe cavalcate di Claire con il fiero Jamie.

outlander

La voce di Frank che chiama disperato colei che ha scelto come compagna della vita sembra ancora riecheggiare tra i megaliti scozzesi così come gli stessi megaliti sembrano ancora essere bagnati dalle lacrime di una Claire più adulta che ha paura di non poter più ritrovare la sua anima gemella, un’anima scozzese, il suo Jamie Fraser.

outlander

Insomma ragazzi, ormai lo abbiamo capito, quando si parla si Scozia “come si casca, si casca bene!”. Però noi non vogliamo accontentarci, non possiamo farlo e quindi continueremo ad occuparci di Outlander e vi faremo scoprire tutti i segreti dei luoghi della Serie, come se stessimo facendo insieme un bellissimo tour.

Continuate a seguirci!

Leggi anche – I luoghi di Outlander: la storia della vera Lallybroch

Written by Stefania Tomagra

Sono lunatica, permalosa e fin troppo intransigente. Studentessa universitaria di Fisica a tempo perso, divoratrice di Serie Tv a tempo pienissimo. Adoro le serie in costume e i legal/drama: mi innamoro alla follia di almeno un personaggio per serie.

La casa de papel

Bella Ciao – La casa di Carta

legion

Legion è tornato. Ed è più folle e delirante che mai