Vai al contenuto
Home » News » The End Of The F***ing World: i creatori annunciano una nuova collaborazione con Netflix

The End Of The F***ing World: i creatori annunciano una nuova collaborazione con Netflix

The End Of The F***ing World

The End Of The F***ing World è una delle serie tv targate Netflix di maggiore successo negli ultimi anni, la cui seconda stagione è stata lanciata a novembre 2019 sulla piattaforma streaming.

Considerato il grandissimo supporto dei fan possiamo solo immaginare come siano rimasti all’annuncio della sua fine. Non è infatti prevista una terza stagione, ma la buona notizia è che non tutto è perduto.

Sta infatti per arrivare su Netflix la serie tv I Am Not Okay With This, che vede tra i suoi co-creatori proprio Christy Hall e Jonathan Entwistle, direttamente da The End Of The F***ing World.

La data ufficiale per l’uscita della serie tv è stata annunciata di recente ed è molto, molto vicina. Avremo modo infatti di vedere I Am Not Okay With This a partire dal prossimo 26 febbraio. Attualmente sappiamo che la serie consterà di sette episodi della durata di trenta minuti.

Girata a Pittsburgh, la storia si basa (come del resto vale anche per The End Of The F***ing World) su una graphic novel di Charles Forsman. Protagonista della vicenda sarà una teenager, che sarà interpretata da Sophia Lillis, già conosciuta al pubblico grazie al film It.

La nostra protagonista sarà alle prese con i classici problemi di un adolescente qualunque, come la scuola e la famiglia, con in più una componente particolare: dovrà imparare a fronteggiare dei misteriosi superpoteri che stanno nascendo dentro di lei. 

Nel cast potremo trovare anche Wyatt Oleff (anche lui già comparso in It), Sofia Bryant (che abbiamo visto in serie tv come The Good Wife e The Code), Kathleen Rose Perkins (comparsa anche in Episodes), Aidan Wojtak-Hissong (noto per Falling Water) e Richard Ellis (già conosciuto in Should I Do It?).

Con questi presupposti non ci resta che aspettare con ansia il 26 febbraio, ma siamo piuttosto fiduciosi che questa serie non deluderà le nostre aspettative.

Leggi anche: The End Of The F***ing World Cosa non ha funzionato nella seconda stagione