Vai al contenuto
Home » News » Six Feet Under, la reunion virtuale con cast e troupe: «Indelebile. Una serie che ha anticipato i tempi»

Six Feet Under, la reunion virtuale con cast e troupe: «Indelebile. Una serie che ha anticipato i tempi»

Six Feet Under è sicuramente una delle serie che ha fatto la differenza all’interno della HBO. Six Feet Under, non è un caso, che si trova nella classifica delle 10 migliori Serie Tv nella storia della HBO. Il canale via cavo famoso per aver rivoluzionato la storia della televisione e delle serie tv è cresciuto in maniera esponenziale attraversando nel suo percorso qualche scivolone le 5 peggiori Serie Tv dell’HBO. Ma succede che anche dopo 20 anni dal debutto, alcune serie HBO vengano ricordate e tra queste anche Six Feet Under rientra tra queste. Anche se la sua traduzione letterale sarebbe “sei piedi sottoterra” per noi Six Feet Under è sei piedi ‘sopra’ la terra.

In un mondo di reunion virtuali anche il cast e la troupe di Six Feet Under si sono riuniti per la prima volta in 15 anni (dalla fine) questa settimana al PaleyFest LA, condividendo ricordi del loro tempo nello show e i loro pensieri sulla sua eredità. I creativi che si sono uniti al panel includevano il creatore e produttore esecutivo Alan Ball e gli EP Robert Greenblatt, David Janollari e Alan Poul, insieme ai membri del cast Peter Krause, Rachel Griffiths, Michael C. Hall, Lauren Ambrose, Freddy Rodríguez e Frances Conroy.

All’inizio della conversazione, Ball e Janollari hanno riflettuto sulla loro esperienza nel presentare Six Feet Under alla HBO. “Credo fosse il giorno dopo che Alan aveva ottenuto un milione di nomination per American Beauty, e si sono seduti lì e hanno amato quello che Alan aveva da dire. Il giorno dopo, hanno chiamato e ordinato il pilot”, ha detto Janollar. “Abbiamo essenzialmente girato il 98% di quello che Alan ha scritto, e penso che abbiano avuto una sola grande nota, che era, ‘Basta che lo rendano più incasinato’. “

Per tutto il team della serie, lavorare con la HBO nei primi anni 2000 (lo show ha debuttato nel giugno 2001) non avrebbe potuto essere un’opportunità più grande. “La HBO era la più grande. Penso che lo fosse e lo sia ancora, in molti modi”, ha detto Greenblatt. “I Soprano erano in onda, e Sex and the City, e The Wire, e alcuni dei più grandi spettacoli nella storia di quella rete. Eravamo così onorati di unirci a quella lineup”.

All’epoca, i servizi di streaming non esistevano, il che significava che c’erano pochi posti oltre a HBO per mettere uno show come Six Feet Under, incentrato sui Fisher, una famiglia disfunzionale di Los Angeles che gestisce un’impresa funebre indipendente. Ciò che la tv via cavo offriva, ha detto Greenblatt, era una “esperienza premium ad ogni livello”. Per Janollari e Poul, lavorare con HBO è stato il “completo opposto” di quello che avevano appena sperimentato con Ball mentre cercavano di far decollare una sitcom in una rete broadcast. All’inizio, Greenblatt si riferiva alla rete come una “che deve rimanere senza nome”, scherzando che “inizia con la lettera A” (riferendosi alla ABC).

Come gli EP di Six Feet Under, ogni membro del cast aveva ricordi preziosi da condividere dei primi giorni dello show, tanto che si sono ripetutamente interrotti durante la conversazione di Zoom. “C’era qualcosa di magico nella sceneggiatura. C’era qualcosa di magico in ogni parte del processo”, ha detto Hall. “È stato incredibile, la nostra prima lettura al tavolo. Mi sembrava di incontrare la mia famiglia da un universo parallelo, e lo è ancora”.

“Sono così sopraffatta in questo momento. Come se il mio cuore mi battesse fuori dal petto”, ha aggiunto Ambrose, “solo perché queste persone sono così legate al tessuto di ciò che sono come attorice, artista e persona”. Krause ha ricordato di aver legato con Hall per le loro esperienze comuni alla New York University, mentre Rodríguez ha ricordato che Ball gli ha detto che la parte di Federico ‘Rico’ Diaz era stata scritta appositamente per lui. “È stata la cosa più gentile e graziosa che qualcuno abbia mai fatto per me”, ha detto.

Più tardi, Poul e Greenblatt hanno riflettuto sull’ascesa dello show notando che man mano che lo show andava avanti, diventava una “calamita di talenti”. “C’era gente che ci chiamava dicendo: ‘Mettetemi in onda’. O l’altra cosa era: ‘Interpreterò un cadavere'”, ha aggiunto Greenblatt. “La gente voleva solo essere in quella stanza”.

La conversazione si è poi rivolta al finale della serie, che rappresentava il modo in cui ogni personaggio chiave sarebbe andato a morire. Mentre Poul ha detto che “ha significato che non abbiamo mai dovuto preoccuparci di fare un film di reunion 20 anni dopo”.

I creativi dello show hanno riflettuto, in chiusura, sull’eredità di Six Feet Under, che nel corso delle sue cinque stagioni ha vinto tre Golden Globes e nove Emmy tra gli altri riconoscimenti. “È incredibile quanto fosse unico questo show”, ha notato Krause. “Non si poteva paragonare a nient’altro, e questo è raro, arrivare a fare una serie televisiva che sta in piedi da sola”. Griffiths e Rodríguez hanno aggiunto che lo show era in anticipo sui tempi, in termini di modo in cui rappresentava le donne, i membri della comunità Latinx e altri. “Penso che abbia dato il permesso a tanti creativi di essere veramente coraggiosi”, ha detto Griffiths.

Greenblatt ha anche colto l’opportunità di intervenire sulla natura “silenziosamente innovativa” dello show. “Latinx, LGBTQ, personaggi femminili, un personaggio gay nero. Voglio dire, questo è stato rivoluzionario in sé e per sé”, ha detto. La HBO si