in

Scrubs, Zach Braff e Donald Faison condividono con i fan i ricordi più dolci di Sam Lloyd

Scrubs

Meno di due settimane fa ci ha lasciato Sam Lloyd, che gli affezionati di Scrubs ricorderanno per il ruolo di Ted Buckland, il timido avvocato terrorizzato dal Dr. Kelso. Lo scorso anno gli era stato diagnosticato un cancro inoperabile, contro il quale ha combattuto con il supporto di famiglia e amici.

scrubs
Ted Buckland

Dalla notizia della sua dipartita si sono susseguiti una serie di post sui social media da parte di colleghi che hanno voluto ricordarlo. A queste espressioni di affetto e cordoglio si uniscono anche le star di Scrubs Zach Braff e Donald Faison, che hanno poi parlato del loro amico Lloyd anche in un’intervista a Extra. Queste le parole di Faison:

Sam era una delle persone più dolci e gentili che abbia mai conosciuto. [In Scrubs] interpretava un personaggio che non gli somigliava per niente. L’unica cosa che avevano in comune era che sia Ted sia Sam sapevano cantare magnificamente. Uno dei ricordi che più mi sta a cuore è quando cantavo insieme a Sam… […] Era una persona generosa, molto divertente, ed era anche un grande atleta.

Il ricordo condiviso da Zach Braff è più malinconico, rimandando a quando Lloyd già combatteva contro la sua malattia:

Il mio ultimo ricordo di Sam è di quando l’ho visto… Era semplicemente una cosa così triste, perché si è ammalato proprio quando finalmente aveva trovato il vero amore e aveva avuto un bambino. Avevo sentito che stava meglio, e poi l’ho visto andare in giro con sua moglie e suo figlio e con un gran sorriso sulla faccia. E ricordo di essermi sentito sollevato e di aver pensato “Oh, grazie a Dio, è riuscito a venirne fuori”. E poi l’altro giorno Bill [Lawrence] ha dato la notizia a me e Donald, ed è stato come ricevere un pugno nello stomaco.

LEGGI ANCHE: Scrubs – L’episodio che ci ha fatto capire di che pasta sia fatto

Written by Antonia Perreca

Sono una stramba nerd libromane con una folle passione per Stephen King.
Mi piacciono le sportive d'epoca, il rock d'altri tempi, le camicie a scacchi, la metà del tempo faccio riferimenti che nessuno capisce... Insomma, sono Dean Winchester al femminile!
Nella vita leggo libri e guardo Serie Tv, e nel tempo che avanza cerco di far rientrare studio e lavoro. Ma le prime due hanno la precedenza, sia chiaro!

i soprano

I Soprano, Robert Iler: «Dopo la fine della serie ero dipendente da alcol e farmaci»

Netflix produrrà un’altra serie italiana da La vita bugiarda degli adulti, romanzo di Elena Ferrante [VIDEO]