in ,

Peaky Blinders 5 – Thomas Shelby va a un funerale?

peaky blinders

Alcuni scatti trapelati dal set della quinta stagione di Peaky Blinders annunciano scene non molto positive.

Peaky Blinders


A Manchester si sta girando l’attesissima quinta stagione e non tutte le scene sono rose e fiori. L’ultima novità è di ieri: vediamo Cillian Murphy nei panni di Tommy Shelby vestito in modo austero e serio per girare la scena di un funerale.

Il nome del defunto appare sulla corona di fiori portata dal carro funebre, ma non è stato reso noto.

peaky blinders

L’ultima volta che abbiamo visto i Peaky Blinders, Tommy era entrato a far parte della vita politica di Birmingham. Paul Anderson, che interpreta Arthur, ci ha stuzzicato affermando che nella prossima stagione gli Shelby saranno più “potenti e manipolativi”, grazie alla loro nuove connessioni.

Anderson ha raccontato al METRO.uk che:

Arthur non sarà un politico. Ha dei legami con la politica, se vogliamo metterla così. Ma non lo vedrete candidarsi per nessuna campagna politica. Ora egli ha semplicemente più potere. Grazie alla posizione politica di Tommy, possono solo che diventare più potenti. Tutti avranno più copertura, più opportunità e più protezione, che proviene dalla polizia e dalla stessa società. Avremo la scusa del “siamo politici, siamo rispettabili”. Ma saremo più manipolativi che mai. E soprattutto Arthur. Ci sarà da divertirsi.

peaky blinders

La storia dei Peaky Blinders e della famiglia Shelby si intreccerà al tessuto politico della Gran Bretagna e dell’Europa, con il termine degli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30. Tommy Shelby affronterà la forza più oscura che abbia mai affrontato e la sua lotta è tanto importante oggi quanto lo era allora.

La quinta stagione di Peaky Blinders andrà in onda nel 2019 su BBC One.

Leggi anche: Peaky Blinders – Tom Hardy e Alfie Solomons: come va a finire la storia?

 

Written by Sara Marzocchi

Mi sono immaginata in molti universi, ho vissuto storie diverse in differenti epoche. Quel piccolo tasto chiamato play è in realtà il mio armadio per Narnia, il mio biglietto per Hogwarts, il mio Tesseract. Il mio passaporto telefilo non è mai abbastanza pieno, come non lo è neanche quello dei film e quello dei i libri. Insomma, potreste dedurre che mi piace la vita sedentaria, ed invece no. Sono una contraddizione vivente in cerca del suo punto d’equilibrio.

The Haunting of Hill House

The Haunting of Hill House mi stava piacendo. Poi ho visto il finale

romanzo criminale

Quanto è brutto il Dandi