in

7 notizie sulle Serie Tv che vi peggioreranno la giornata

HUNTERS: L’ASSOCIAZIONE AUSCHWITZ MEMORIAL CONTRO LA SCENA DEGLI SCACCHI UMANI NAZISTI

Hunters, la nuova serie Amazon con Al Pacino, racconta la storia di un gruppo di cacciatori di nazisti negli anni ’70, mostrando alcuni orrori commessi dalle SS durante la Seconda Guerra Mondiale.

In un particolare scena vediamo alcuni nazisti mentre costringono i prigionieri di un campo di concentramento ad essere i pezzi degli scacchi su di una scacchiera improvvisata in un campo. Quando un pezzo viene battuto nel gioco, un uomo viene ucciso nella vita reale.

L’associazione polacca Auschwitz Memorial Museum ha criticato l’episodio:

Auschwitz era piena di terribile dolore e sofferenze documentate dalle testimonianze dei sopravvissuti. Inventare un gioco finto di scacchi umani per Hunters non è solo pericolosamente sciocco e caricaturale. Apre anche il fianco a futuri negazionisti. Noi onoriamo le vittime preservando l’accuratezza dei fatti

GAME OF THRONES: EMERSO UN QUESITO SUL VETRO DI DRAGO

Si continua a parlare di Game of Thrones dato che alcuni utenti di Reddit hanno sottolineato che c’era un modo per indebolire notevolmente i ‘non morti’ durante la battaglia di Winterfell e magari non subire così tante perdite.

C’è infatti una grande abbondanza di vetro di drago a Dragonstone ma praticamente nessuna freccia o lancia in mano alle truppe di Daenerys:

Le frecce sarebbero stata una scelta intelligente perché avrebbero potuto uccidere gli estranei (e forse anche il Re della notte) senza dover combattere faccia a faccia e con una sola possibilità. Con queste frecce, avrebbero potuto uccidere facilmente anche Viserion ‘zombie’.

(potete trovare qui maggiori informazioni).

Leggi anche – Netflix cambia tutto e introduce le classifiche di film e serie tv: tutti i dettagli!

Scritto da Ambra Pugnalini

"Never be cruel, never be cowardly. And never ever eat pears!"

Riverdale 4×14 – Covered in blood

friends

Friends, Courteney Cox sull’attesissima reunion: «Finalmente ci siamo ritrovati»