Vai al contenuto
Home » News » Jonathan Groff difende la decisione di David Fincher sullo stop di Mindhunter

Jonathan Groff difende la decisione di David Fincher sullo stop di Mindhunter

Jonathan Groff e Holt McCallany hanno guidato il cast di Mindhunter per ben due stagioni, prima di appendere le vesti dei loro personaggi. David Fincher è stato il produttore esecutivo e creatore del thriller psicologico insieme a Joe Penhall. Dopo due acclamate stagioni sulla piattaforma streaming Netflix, l’annuncio a sorpresa è arrivato poco dopo il suo ultimo capitolo secondo cui Mindhunter sarebbe andato in pausa a tempo indeterminato a causa del desiderio di Fincher di esplorare altri progetti e sebbene abbia incontrato qualche divisione, alcuni vicini alla produzione si sono schierati a favore dello showrunner.
Basato sull’omonimo libro giallo di John E. Douglas e Mark Olshaker, la storia è incentrata sugli agenti dell’FBI Holden Ford e Bill Tench mentre collaborano con la psicologa Wendy Carr per iniziare a costruire l’Unità di scienza comportamentale all’interno dell’unità di formazione del agenzia. Mindhunter è incentrato su Ford e Tench mentre viaggiano per il paese intervistando serial killer imprigionati nel tentativo di comprendere la loro psicologia e applicarla ai casi in corso, inclusi gli omicidi di bambini di Atlanta avvenuti tra il 1979 e il 1981.

Non tutti sono contrari alla pausa di Mindhunter imposta da David Fincher

Parlando con The Hollywood Reporter per il suo ruolo in Matrix Resurrections, Jonathan Groff ha parlato della decisione di David Fincher di mettere in attesa Mindhunter. La star ha paragonato la decisione di Fincher all’ex GM dei Chicago Bulls Jerry Krause e le sue scelte controverse nella stagione 1997-98 della squadra, ma piuttosto che essere sconvolto dalla pausa indefinita, Groff elogia lo showrunner.
Di seguito la sua dichiarazione:

“Per me, Mindhunter è Fincher. L’intera esperienza per me è stata l’onore e il privilegio di lavorare con lui. Non sono affatto uno sportivo, ma è come i Chicago Bulls [1997-1998]: vai per un’altra stagione con la squadra? O fai semplicemente quello che dice il direttore generale? Ma se il direttore generale crede che dovrebbe fermarsi, devi andare con il direttore generale. Ed è così che mi sento con David. Il momento che dirà che vuole continuare, sarò lì in un secondo. Ma mi fido della sua visione e del suo istinto, quindi lo lascio sempre nelle sue mani, come sempre”.

Nonostante questa pausa, Fincher è rimasto aperto alla possibilità di ritornarci, affermando che è possibile che possa rivisitarla in futuro, ma ha dovuto allontanarsi a causa dell’esaurimento e del desiderio di concentrarsi su altri progetti. Da allora, il regista ha sicuramente messo in fila una serie di progetti entusiasmanti su Netflix, tra cui una serie prequel di Chinatown e l’adattamento cinematografico della graphic novel di The Killer con Michael Fassbender come protagonista, la cui produzione è iniziata a novembre.

Sebbene la serie sia stata messa in attesa, Groff ha continuato a ottenere ruoli importanti nelle produzioni, incluso il ruolo del personaggio dell’agente Smith da Hugo Weaving nel nuovo Matrix Resurrections, che è disponibile per lo streaming su HBO Max e nei cinema.

LEGGI ANCHE – Mindhunter: la terza stagione 3 è ancora incerta, ma Fincher svela il finale che ha in mente