in

Master of None 3 – Secondo Aziz Ansari sulla carta è una “pessima idea”

Master of None

Il piccolo gioiellino di Netflix Master of None ritornerà prossimamente sulla piattaforma streaming con la sua terza stagione. Sembrava che lo streamer si fosse dimenticato di questa serie televisiva per diverse vicende avvenute, invece pochi mesi fa è arrivato l’annuncio di nuovi episodi, per la gioia di quei telespettatori che ricordavano con affetto lo show. La prima stagione ha debuttato nel 2015 e, per chi non fosse fa, Master of None segue la vita personale e professionale di Dev Shah (Aziz Ansari), un attore trentenne in difficoltà a New York City.
Alan Yang ha creato, scritto e prodotto la serie insieme ad Ansari, che ha diretto ben 11 episodi vincendo anche un Golden Globe per la sua interpretazione. La serie televisiva vede nel cast anche Eric Wareheim, Lena Waithe e Kelvin Yu come amici intimi di Dev, insieme con Noël Wells e Alessandra Mastronardi, le quali intraprendono una relazione con il protagonista dello show nel corso delle due stagioni.

All’inizio la terza stagione di Master of None era una idea terribile

Le prime due stagioni di Master of None sono andate in onda su Netflix con grande successo, facendo vincedere ad Ansari, Yang e Waithe un Emmy Award per la sceneggiatura.
Tuttavia, quando un’accusa di molestie sessuale nei confronti di Ansari è emersa sul sito web babe.net nel 2018, molti dubitavano che una terza stagione dello show sarebbe mai avvenuta. Invece, con l’annuncio di nuovi episodi avvenuta pochi mesi fa, è stata anche ipotizzata una eventuale data di debutto, ovvero il 23 maggio. C’è però un cambiamento importante a livello di trama: Dev non sarà più il personaggio principale della serie. La terza stagione seguirà il personaggio di Waithe e sua moglie Alicia (interpretata da Naomi Ackie) mentre tentano di avere un figlio.

In una featurette dietro le quinte, Aziz Ansari dice che sulla carta, la terza stagione di Master of None suona come una “idea terribile“.
La prossima stagione si intitolerà ufficialmente Master of None Presents: Moments in Love, e vedrà Lena Waithe entrare nel ruolo principale accanto a Naomi Ackie di The Rise of Skywalker come sua moglie. Tuttavia, Ansari non è fiducioso nel drammatico cambiamento dello show.
Ecco cosa ha da dire l’attore sulla prossima stagione, secondo IndieWire:

Sulla carta, tutto sembra un’idea terribile. Oh, non sarò più nella serie televisiva! Li terremo a fare il bucato per tre minuti! È stato tutto un po’ spaventoso perché totalmente diverso da quanto abbiamo fatto in passato.
Ma la prima volta che abbiamo letto il copione in cui non ero solo io a leggere con Lena ma un’altra donna, ci siamo detti “Woah, funzionerà. Sarà fantastico”.

Master of None ha subito drastici cambiamenti in passato, poiché la seconda stagione ha visto Dev trasferirsi in Italia per imparare a fare la pasta a mano. Tuttavia, la terza stagione sembra essere un tipo di serie completamente nuovo, e resta da vedere se lo show può generare lo stesso livello di interesse da parte degli spettatori che si sono innamorati della trama del protagonista, specialmente dopo che l’ultima stagione si è conclusa con una nota così ambigua riguardo al suo rapporto con Francesca (Alessandra Mastronardi).

Ansari ha diretto tutti e cinque gli episodi della terza stagione e li ha scritti insieme a Waithe. Il duo, come detto, ha vinto un Emmy per aver scritto l’episodio della seconda stagione, dal titolo “Thanksgiving“, che è stato lodato come uno dei migliori episodi della serie televisiva. Poiché questo episodio è molto incentrato su Denise, è probabilmente un assaggio di ciò che vedremo nel corso della terza stagione, un segno più che positivo per Master of None: Moments in Love.

Scritto da Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

house of cards

10 Serie Tv che sono state fatte a pezzi da uno scandalo

The Office

The Office – Gli autori: «Modern Family ci ha copiati spudoratamente»