in

Manifest potrebbe essere salvata da Netflix? La piattaforma lo esclude

Manifest

Manifest è una serie tv andata in onda sul canale NBC, dal 2018 fino al 2021. Già, perché non molto tempo fa la serie tv è stata brutalmente cancellata dopo la fine della sua terza stagione (di cui potete trovare la recensione completa qui). Con la sua trama cercava, molto probabilmente, di richiamare anche un grande classico come Lost. La vicenda gira principalmente intorno a un volo aereo scomparso per ben cinque anni, che improvvisamente ritorna nei radar senza che però i passeggeri siano invecchiati. In tutto questo, nonostante questa cancellazione improvvisa quando originariamente erano state ordinate ben sei stagioni, noi vi consigliamo comunque di vederla e di non aspettare troppo.

In realtà non ci interessa poi molto concentrarci sulla trama della serie tv, quanto più cercare di capire cosa sia successo dopo la cancellazione, dato che le voci a riguardo si sono fatte contrastanti negli ultimi giorni. Giusto due giorni fa, infatti, aveva cominciato a girare la voce che Netflix, conclamato colosso dello streaming mondiale, fosse interessato a produrre una quarta stagione di Manifest. Anzi, si parlava addirittura di trattative in corso tra la nota piattaforma di streaming e Warner Bros, e a riportare la notizia c’erano parecchi siti autorevoli, incluso Deadline.

Questo grande interesse verso Manifest da parte di Netflix sarebbe stato dovuto all’aggiunta sul catalogo americano delle prime due stagioni. In pochissimo tempo la serie tv è arrivata a essere tra le prime dieci nel catalogo degli Stati Uniti, una posizione che si è mantenuta per diversi giorni. Perciò sembra che Netflix, dopo aver ottenuto grandi successi acquisendo altre serie tv (un caso fra tutti quello di Lucifer, originariamente serie tv Fox), abbia cominciato a valutare la possibilità di sostenere l’acquisto anche di Manifest da Warner Bros.

La valutazione di Netflix è però durata davvero poche ore, e già ieri mattina lo stesso servizio streaming ha dichiarato che non intende prendere in carico la produzione di una nuova stagione di Manifest.

A portare alla cancellazione della serie tv, in origine, sembra sia stato il violento calo d’ascolti su NBC, ben al di sotto delle medie canoniche. Era quindi auspicabile che un ascolto basso per una rete nazionale potesse diventare, invece, una fonte di guadagno per una piattaforma streaming. Infatti, una media di tre milioni di spettatori può sembrare bassa da una parte, ma statisticamente più altra se si vanno a guardare le opzioni di un servizio on demand e consultabile online. Tutto questo però, purtroppo, sembra essere tragicamente sfumato nel nulla.

Questo mancato salvataggio di Manifest, tuttavia, sembra sia dovuto principalmente a una questione economica. Sembra infatti sia troppo complicato per Netflix sobbarcarsi i costi della produzione di una nuova stagione nella sua totalità, e l’interesse della piattaforma streaming non sembra nemmeno essere poi così elevato verso il progetto. A questo punto, anche un sito autorevole come Deadline ha confermato che persino Warner Bros ha rinunciato a qualsiasi piano per poter mantenere in vita lo show. Andare a cercare qualcosa di diverso da una piattaforma streaming avrebbe infatti comportato “una difficile navigazione in un labirinto di diritti digitali“.

Giunti ormai alla fine di questa battaglia, anche il cast di Manifest ha cominciato ad abbandonare la nave, e pian piano sono arrivati i vari messaggi di commiato degli interpreti. Da Melissa Roxburgh, interprete di Michaela, a Luna Blaise e Jack Messina, rispettivamente interpreti di Olive e Cal. Non ultimo, troviamo anche i messaggi di saluto di Josh Dallas, che già si era fatto conoscere la pubblico televisivo grazie a Once Upon A Time. Sia su Instagram che su Twitter l’attore ha pubblicato alcune foto, ringraziando i fan per il supporto e specificando quanto è grato di aver preso parte a un progetto simile.

Un’altra incredibile serie tv è giunta al termine, e siamo tremendamente dispiaciuti che non ci sia modo di avere un finale chiarificatore e conclusivo per una serie così intrigante e avvincente come Manifest.

Scritto da Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

Elizabeth Olsen: «Tutto ciò a cui riesco a pensare è Kit Harington»

Mr Robot

Angela Moss: mossa dalla voglia di smentire