in

Lucifer 5, brutte notizie: Tom Ellis travolto da critiche social per una gaffe sull’Italia [VIDEO]

Lucifer
Lucifer

Lucifer riserva sempre sorprese ai suoi fan: dopo il salvataggio in extremis della serie con nientemeno che il Diavolo protagonista, dopo l’annuncio che la sesta stagione (l’ultima, per volere dello stesso Tom Ellis) avrebbe avuto meno episodi del previsto (ve lo abbiamo spiegato qui), un’altra brutta sorpresa. La seconda parte della quinta stagione non uscirà su Netflix a marzo, come era stato inizialmente ipotizzato. E Tom Ellis è stato di recente criticato sui social per una gaffe sull’Italia: neanche il suo fisico scolpito (di cui vi avevamo parlato qui) ha potuto qualcosa, quando si tratta di Bel Paese.

La prima parte della quinta stagione di Lucifer era uscita su Netflix il 21 agosto 2020, sei mesi fa. Uscire a marzo con la seconda parte sarebbe stato fantastico, perché sarebbero passati sei mesi esatti dal rilascio delle due parti. Sfortunatamente, nessuno poteva prevedere che il COVID-19 avrebbe rallentato le cose: ci sono stati alcuni casi tra la troupe, che per fortuna non hanno avuto ripercussioni serie, tranne naturalmente il rallentamento delle riprese. Comprensibilmente, la produzione è stata sospesa per la sicurezza del cast e della troupe: le riprese sono riprese alla fine del 2020.

Quindi quando potrebbero debuttare i nuovi episodi? Il nostro istinto dice aprile 2021. O meglio, il nostro istinto iconoclasta, perché sarebbe davvero il massimo far uscire la seconda parte della quinta stagione di Lucifer proprio durante il periodo pasquale.

Marzo 2021 non ci porterà quindi la nuova stagione di Lucifer, ma siamo fiduciosi che si tratterà solo di un breve rinvio: speriamo che si tratti di un ritardo tecnico dovuto agli imprevisti causati dal rallentamento dei lavoro a causa del Covid.

Ma non è l’unica brutta notizia a tema Lucifer delle ultime ore: Tom Ellis, la star dello show, si è reso protagonista sui social di una parentesi non elegantissima. L’attore è finito trend topic su Twitter dopo che un suo post ha fatto infuriare gli utenti italiani. Tom Ellis in un video compare a fianco di una bicicletta, sulla quale ha montato la bandiera del Galles, suo paese natale, e quella dell’Italia.

Nel video si sente una persona fuori dall’inquadratura, presumibilmente chi ha girato il video, chiedere a Tom Ellis chi gli avesse detto di mettere una bandiera italiana a fianco di quella gallese. L’attore di Lucifer, pensando di essere divertente (e soprattutto originale) risponde ridendo “la mafia”. Ecco il video “incriminato”:

Tom Ellis non è il primo e sicuramente non sarà l’ultimo a fare l’ormai trito e ritrito accostamento Italia-mafia: ma di sicuro non fa piacere sentire usare certe parole in un contesto che dovrebbe essere scherzoso. Il video incriminato è stato girato negli studi della Warner Bros., dove si stanno già svolgendo le riprese della sesta e ultima stagione di Lucifer e si vedono, oltre alla bandiera gallese e a quella italiana, anche uno stendardo della Gran Bretagna e una bandiera pirata. Naturalmente la mafia non c’entra niente: la bandiera italiana era stata data all’attore da un tecnico italiano che voleva che il suo paese comparisse sulla bicicletta utilizzata nel video.

Un momento goliardico dopo presumibilmente una giornata intensa di riprese si è trasformato in una grossa gaffe per l’attore. La bufera social non ha risparmiato nemmeno un attore generalmente amato come Tom Ellis: molti utenti hanno dichiarato che non guarderanno più Lucifer, altri hanno invitato a boicottare la serie e alcuni hanno lanciato l’hashtag #tomellisisoverparty, in risposta all’ironia di cattivo gusto della star. L’attore non ha risposto alle critiche e al momento non si è scusato per la frase inopportuna: vedremo se nelle prossime ore ci sarà un messaggio di scuse da parte della star di Lucifer.

Written by Giulia Vanda Zennaro

In un mondo popolato da Khaleesi, osa essere una Cersei Lannister.

Woody Allen

Allen V. Farrow – HBO non rimuove i film di Woody Allen dal catalogo: «Gli spettatori decidano»

Netflix punta sulla diversità e sull’inclusione investendo 100 milioni di dollari