in

LOL – Chi ride è fuori, Caterina Guzzanti omaggia Boris: «Siamo tutti f4»

LOL - Chi ride è fuori
LOL - Chi ride è fuori

LOL – Chi ride è fuori, lo spassosissimo programma di Amazon Prime Video in cui un gruppo di comici deve cercare di sopravvivere per sei ore senza ridere alle gag dei colleghi, sta spopolando nel nostro paese. Noi abbiamo partecipato alla conferenza stampa di presentazione del programma (qui trovate il nostro resoconto dell’esperienza) e abbiamo già scritto la nostra recensione dei primi quattro episodi: la trovate qui. Naturalmente, come ogni volta che si cerca di portare qualcosa di nuovo nel nostro paese, fioccano le polemiche: tra chi accusa LOL – Chi ride è fuori di non essere divertente, chi è convinto che si tratti di una montatura. Frank Matano, uno dei concorrenti (anche dei più bravi: nonostante sembri sempre sul punto di implodere non è ancora stato ammonito), ha replicato alle accuse di chi è convinto che il programma sia finto (qui potete leggere le sue dichiarazioni).

Ora una delle concorrenti di LOL – Chi ride è fuori, Caterina Guzzanti, ha ringraziato i fan per l’apprezzamento e ha colto l’occasione per omaggiare la serie che l’ha fatta conoscere anche al pubblico meno avvezzo alla comicità, Boris. La serie, come vi avevamo raccontato tempo fa, avrà una quarta stagione che uscirà su Star, la nuova funzione di Disney+: l’attrice ha scritto un tweet di ringraziamenti citando il famoso pulsante f4, utilizzato dagli sceneggiatori scansafatiche di Boris.

L’attrice è una delle concorrenti su cui i fan di LOL – Chi ride è fuori scommettono di più: la sua imperturbabilità (non accenna mai un sorriso, sembra assolutamente impermeabile alle gag dei colleghi), unita alla sua professionalità quando si tratta di prendere la scena, la rendono una comica estremamente pericolosa in un contesto del genere. Più a suo agio quando si tratta di vestire i panni di uno dei suoi infiniti personaggi (fino ad ora abbiamo visto Pippa Amazon e la stagista), meno forte sulle gag estemporanee e improvvisate, la tecnica di Caterina Guzzanti è sottile: un po’ si isola per non rischiare, per poi vomitare tonnellate di pericolosissima comicità in faccia ai colleghi.

D’altronde, già dal set di Boris Caterina Guzzanti aveva dimostrato di essere un’attrice di razza: lì il ruolo comico era affidato invece al fratello, il grandissimo Corrado Guzzanti, che è passato alla storia per le gag con Alessandro Tiberi, il povero stagista sempre sul punto di essere menato dall’attore psicologicamente instabile. In LOL – Chi ride è fuori abbiamo la possibilità di rivederla finalmente nell’ambiente a lei più congeniale, la comicità televisiva, fatta di travestimenti, accenti, voci camuffate a tempo di record e molta satira sull’attualità e sulla nostra società.

Forse non sarà Caterina Guzzanti a trionfare in LOL – Chi ride è fuori, ma sicuramente ha dimostrato di essere una concorrente temibile. Ad aver confermato tutta la sua potenza comica è stato soprattutto Elio, che fin dal suo ingresso in teatro travestito da Gioconda ha rappresentato forse la minaccia principale per tutti gli altri concorrenti. La sua gag con il flauto e l’esibizione nel tip tap passeranno alla storia. Anche Lillo si è dimostrato un concorrente capace, oltre a essere un comico di grande bravura: Posaman è già un cult.

In LOL – Chi ride è fuori deludono invece Luca Ravenna e Katia Follesa: il primo eliminato quasi subito, è apparso fin dal principio in difficoltà. Forse la scarsa conoscenza dei colleghi e un po’ di timidezza hanno giocato un brutto scherzo allo stand up comedian, più a suo agio in un contesto di one man show che di improvvisazione e comicità “istantanea”. Katia Follesa, invece, nonostante sia una delle poche non ancora ammonite, non è però nemmeno una delle più attive: non decolla, ha poche idee e si accontenta di fare da spalla agli altri, tentando qualche approccio che però si conclude in un niente di fatto o viene subito colto dai colleghi, che sanno svilupparlo meglio di lei.

Vi sta piacendo il programma? Giovedì 8 aprile usciranno le nuove puntate di LOL – Chi ride è fuori.

Written by Giulia Vanda Zennaro

In un mondo popolato da Khaleesi, osa essere una Cersei Lannister.

Chernobyl

Paul Ritter, Anatoly Dyatlov in Chernobyl, è morto a soli 54 anni