in , ,

La Casa de Papel – Rio commuove di nuovo i fan con un post su Instagram

La terza stagione de La Casa de Papel ha avuto il successo che ci si aspettava (basti pensare che Netflix ha siglato un accordo per la pubblicazione di un libro dedicato alla serie), e la risonanza mediatica ha inevitabilmente coinvolto tutto il giovane cast.
In particolare, Miguel Herrán – interprete di Rio nello show – è stato grande protagonista sui social nell’ultimo periodo.

Dopo il post in lacrime che ha sconvolto i fan de La Casa de Papel, Miguel pubblica una commovente dedica su Instagram.

Se ci stavamo chiedendo quanto di reale ci fosse nell’estrema complicità che Miguel Herrán e Úrsula Corberò hanno dipinto sul set de La Casa de Papel nei panni della coppia Rio e Tokyo, la risposta è presto data dalla dedica pubblica che il primo ha riservato alla seconda.

Di seguito le sue parole:

In questa foto si può vedere chiaramente la mia relazione con Úrsula, un’amicizia molto divertente e stimolante… soprattutto per me. A te che mi hai sempre aiutato e mi hai insegnato molto più di quanto potrò mai essere io in grado di fare. Perché sei una compagna incredibile e una donna eccezionale… perché con te riesco a essere sempre me stesso e spero che i nostri percorsi continuino a incrociarsi ancora per molto tempo e che continueremo a fare insieme cose meravigliose, proprio come TOKIO e RIO!
Ti voglio bene Úrsula.

Il post è arrivato a seguito di una dedica che, a sua volta, la Corberò aveva pubblicato sul suo account Instagram soltanto il giorno prima.

Qui trovate il post originale:

Mio compagno di viaggio, di allegria e di tristezza. Che meraviglia condividere così tante cose con te. Sei prezioso Miguel.
Ti voglio bene, per sempre.

LEGGI ANCHE – La Casa De Papel: c’è un errore madornale nella terza stagione e i fan sono arrabbiatissimi

Written by Vincenzo Bellopede

Vincenzo, studente di psicologia.
Cresciuto a pane e Sartre, accompagnando con sbornie da prelibato nettare di Lynch.
Come disse il primo, gli oggetti sono cose che non dovrebbero commuovere in quanto non vive. Eppure lo fanno.
Se anche le parole riescono in questo, l'obiettivo di chi scrive è stato orgogliosamente raggiunto.

Black Mirror

Black Mirror – Striking Vipers: Freud lo chiamava “stimolo sensoriale esterno”

Good-Omens-American-Gods

Il successo di Good Omens è il fallimento di American Gods