in

Jon Hamm di Mad Men ha guardato Gossip Girl, e ha qualcosa da dire a riguardo

L’attore dello show Mad Men, Jon Hamm, ha guardato sorprendentemente Gossip Girl e ha deciso di dire la sua in merito allo show.
La serie televisiva è andata in onda nel 2007 fino al 2012: la serie prendeva spunto dagli omonimi romanzi dell’autrice Cecily von Ziegesar. L’adattamento è stato un successo per l’emittente televisiva CW ed ha aiutato a creare attori e attrici che si sono affermati successivamente in altri lavori.
Dopo più di un decennio di assenza, il reboot di Gossip Girl debutterà sulla piattaforma streaming HBO Max entro la fine dell’anno (e proprio due mesi fa sono uscite le prime foto del cast sui gradini del MET). Il progetto ha rinnovato l’interesse per l’originale, che è ricordato con affetto per la sua moda e gli sviluppi della trama, anche se altri aspetti del teen drama sono palesemente imperfetti. Dopo aver visto solo due episodi, il protagonista di Mad Men ha notato alcuni di quei difetti.

I commenti di Hamm sono arrivati ​​come parte del nuovo podcast il cui nome è Too Long; Didn’t Watch. Jon Hamm ha ammesso di aver guardato Gossip Girl perché ha lavorato con diverse persone apparse nella serie televisiva per adolescenti. Verso la fine del podcast, Hamm riflette sul perché trova i personaggi di Chuck Bass e Dan Humphrey (interpretati rispettivamente da Ed Westwick e Penn Badgley) siano così preoccupanti. Ecco le sue parole:

Tutti erano tipo ‘Oh, questo è Chuck’, ‘Cioè, parla come un cattivo ragazzo.’ Sì, è stato piuttosto interessante vedere che è stato accettato dalla comunità o dalla narrativa come questo tipo di persona relativamente eroica. Anche se ogni volta che apre bocca non ti fidi di quel ragazzo. Sembra strano per uno show così ampiamente incentrato sulle donne, o orientato alle donne, o sul tipo di potere femminile di tutto questo, anche se è un po’ contorto, avere i ragazzi nello show riuscire a manipolare le ragazze così tanto. Almeno da quello che ho visto, sembra che ci sia così tanto tira e molla. Compresa la rivelazione che il vero manipolatore principale è, in effetti, l’uomo.

Jon Hamm fa riferimento al fatto che Dan si è rivelato essere il blogger dei pettegolezzi alla fine dello show, anche se l’attore spende la maggior parte della sua attenzione su Chuck. Ed è per una buona ragione.
Nell’episodio pilota, Chuck aggredisce sessualmente sia Serena che la sorella di Dan, Jenny. La serie fa incerti tentativi nell’affrontare il comportamento predatorio del personaggio, ma lo stesso è per lo più perdonato senza cambiare davvero i suoi modi. Questo è stato un punto di contesa per alcuni fan di Gossip Girl, che sostengono che la serie tv per adolescenti romanticizza il comportamento violento e lo minimizza, associando Blair a Chuck nonostante la storia romantica sia palesemente tossica per la coppia. Mentre è vero che Gossip Girl non è certo l’unico pezzo di cultura pop a utilizzare protagonisti maschili dannosi come cliché. The Vampire Diaries e Buffy the Vampire Slayer hanno ulteriori esempi, ma la serie televisiva in questione, si distingue dai suoi pari nel genere per come ha gestito la rappresentazione di Chuck.

In un altro senso, è interessante per Jon Hamm esprimere opinioni su personaggi maschili problematici considerando che è noto per aver interpretato Don Draper in Mad Men.
La serie AMC, acclamata dalla critica, è stata offuscata da alcuni commenti che credevano che abbia mostrato l’isolamento e l’alcolismo di Draper in una luce seducente. Questo può essere vero fino a un certo punto, ma Mad Men ha anche fatto di tutto per indagare a fondo sulla vita del protagonista. Lo stesso non si può dire per Gossip Girl, che spesso scacciava gli argomenti spinosi che affrontava.
Con il reboot di HBO Max in arrivo, si spera che il secondo tentativo sia un miglioramento.

Written by Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

Friends – Lisa Kudrow ha già effettuato delle riprese in vista della reunion

Manhunt: Unabomber

5 Serie Tv che purtroppo si nascondono fin troppo bene nel catalogo di Netflix