Vai al contenuto
Serie TV - Hall of Series » News » Processo Depp-Heard: lo psichiatra David Spiegel dopo aver testimoniato: «Ho avuto un trauma emotivo» 

Processo Depp-Heard: lo psichiatra David Spiegel dopo aver testimoniato: «Ho avuto un trauma emotivo» 

Il processo dell’anno si è concluso, vedendo la vittoria schiacciante di Johnny Depp sull’ex moglie Amber Heard nella causa per diffamazione che l’attore aveva intentato contro la donna, che ora dovrà risarcirlo profumatamente. Amber ha dichiarato di non disporre di denaro sufficiente e pareva che la rete si fosse mobilitata per aiutarla (ma era una truffa: ve ne abbiamo parlato qui), anche se il fronte in favore di Johnny Depp è sempre più numeroso e compatto. Sul caso dell’anno avevano detto la loro anche gli psicologi, sia avvertendo dei rischi relativi al trasformare un processo in tribunale in un meme (potete leggere qui le riflessioni della psicologa), che esprimendosi in aula con parole decisamente forti nei confronti della salute mentale di Johnny Depp.

Il dottor David Spiegel, lo psichiatra che ha testimoniato in favore di Amber Heard, ha parlato del “terribile contraccolpo” che ha subito dopo essere apparso sul banco dei testimoni. Lo psichiatra aveva testimoniato che Depp ha mostrato comportamenti coerenti con qualcuno che è un “autore di violenza intima nei confronti del partner”.


Segui il canale di Hall of Series su WhatsApp: https://whatsapp.com/channel/0029VaGBD713mFXxAEHUv509


Ha anche riconosciuto nel controinterrogatorio di non aver mai incontrato l’attore, ma di aver esaminato i documenti del tribunale e le deposizioni per giungere alle sue conclusioni. I fan dell’attore di Pirati dei Caraibi hanno espresso subito la loro rabbia nei confronti di Spiegel e ora lui stesso ha raccontato la sua esperienza su Newsweek in un editoriale intitolato: “Ho testimoniato nel processo sentito contro Depp. Il contraccolpo è stato orribile”.

“Sono andato al mio hotel e circa un’ora dopo, verso le 16:00, mia moglie mi ha chiamato e mi ha detto: “Ascolta, non voglio che tu guardi quello che viene detto”. Le ho chiesto quanto fosse orribile e lei mi ha detto che era piuttosto brutto. Non sono un esperto di social media, tutt’altro, quindi non mi aspettavo l’intero orribile riflusso post-processo. È stato un po’ sbalorditivo per me. Il volume degli attacchi personali su chi sono e su cosa mi presento, come appaio e ciò che dico, è stato ovviamente un po’ doloroso. Ho a che fare con le persone per vivere, quindi ho cercato di capire da dove provenissero le persone. È quello che fa uno psichiatra. Ma i commenti sotto i miei video di YouTube sono stati vili.

Sono un adulto, non è la prima volta che vengo criticato, ma mai così. Quel lunedì e martedì ho avuto quella che definirei un trauma emotivo. Non è stato fisico, non sono stato colpito in testa, è stato emozionale perché il feedback successivo mi ha lasciato un po’ intontito. Lunedì e martedì ho dormito molto. Mi sarebbe piaciuto che il signor Depp andasse avanti dicendo: “Ascoltate, capisco che siete arrabbiati, ma ci sono altri modi per esprimere la vostra rabbia”. Anche la signora Heard non è uscita e non ha detto nulla, ma la mia opinione è che sia la persona più vulnerabile in questa situazione”.

LEGGI ANCHE – “Amber Heard ha usato la mia storia di abusi contro Johnny Depp”