in

I Simpson – L’apparizione di Morrissey ha fatto arrabbiare il suo agente

I Simpson, la sitcom animata creata da Matt Groening, continua a far parlare di sé. Dopo il debutto del 700° episodio e la promessa dello showrunner sull’andare avanti ancora per tanto tempo, la sitcom della FOX è al centro di nuove polemiche.
Nei mesi scorsi la produzione de I Simpson aveva dichiarato il cambio dei doppiatori per alcuni dei loro personaggi, a seguito delle dimissioni di Hank Azaria dal suo ruolo di Apu.

I Simpson e l’apparizione del cantautore Morrisey

Giunta alla 32esima stagione da record, l’amata serie animata ha praticamente costruito un’eredità su contenuti controversi. Molto prima che South Park o Rick & Morty spingessero i confini, I Simpson erano sinonimo di provocazione.
Le più grandi controversie andate in onda nella sitcom americana vengono tradizionalmente dal suo amore per la cultura pop. Sotto questo aspetto la serie può ancora dimostrarsi capace di combattere – o anche solo di prendere in giro le persone e le personalità che si fanno bersaglio.

Dopo aver mandato in onda il suo episodio più recente, Panic on the Streets of Springfield, in cui Lisa si innamora di un musicista immaginario chiamato Quilloughby e la sua band The Snuffs, I Simpson sono stati criticati da Peter Katsis, il manager del musicista della vita reale di Morrissey. Secondo Deadline, Katsis ha obiettato per le somiglianze tra il personaggio rappresentato in puntata e l’artista, andando sulla pagina Facebook della star di 61 anni per pubblicare una critica sulla puntata e sul programma:

Sorprendente quale “svolta al peggio” ha preso la scrittura del programma televisivo I Simpson negli ultimi anni. Purtroppo, lo show ha iniziato creando una grande visione dell’esperienza culturale moderna, ma da allora è degenerato nel tentativo di capitalizzare polemiche a buon mercato ed esporre su voci viziose. Divertirsi con le materie è una cosa. Altri show come SNL fanno ancora un ottimo lavoro nel trovare modi per ispirare una grande satira. Ma quando uno show si piega così in basso per usare tattiche duramente odiose come mostrare il personaggio di Morrissey con la pancia che pende dalla sua maglietta (quando non è mai stato così in nessun momento della sua carriera) ti viene da chiederti chi sia il vero gruppo offensivo e razzista. Ancora peggio: definire il personaggio di Morrissey come un razzista, senza indicare alcun caso specifico, non offre nulla. Serve solo per insultare l’artista. Dovrebbero prendere quello specchio e specchiare loro stessi“.

Ironia della sorte, alcuni potrebbero obiettare che la carriera di Morrissey ha preso una traiettoria simile a quella che Katsis accusa nei confronti de I Simpson. L’ex band dell’artista, The Smiths, era ben nota per la sua intrepida dissezione della politica e le sue posizioni critiche contro tutto, dall’industria della carne alla monarchia britannica. Negli anni successivi, quando Morrissey è diventato più famoso come artista solista, ha ripetutamente e apertamente fatto commenti di natura razzista. Molti fan di lunga data sono stati particolarmente preoccupati per la sua posizione sull’immigrazione, essendosi precedentemente schierato con uno dei partiti politici di estrema destra britannici. In questo modo, per Katsis accusare I Simpson di degenerare da una fonte di “grande intuizione” in qualcosa di molto meno attraente potrebbe sembrare ipocrita.

Da parte loro in tutto questo gli autori del programma sono rimasti in silenzio. La loro parodia di Morrissey non è stata certo il takedown più brutale dello show, e la risposta di Katsis sembra un po’ pesante. Non aspettarsi che l’artista sia oggetto di derisione, date le sue dichiarazioni più controverse, è nella migliore delle ipotesi ingenuo. I Simpson non si sono mai tirati indietro nel far sentire la propria opinione, e il personaggio di Quilloughby sembra una tattica standard nell’infinita ricerca dello show per sfidare tutti gli aspetti della cultura pop.

Scritto da Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

Ginny & Georgia: Netflix rinnova la serie per una seconda stagione [VIDEO]

Marta & Eva

Marta & Eva: siamo stati invitati all’anteprima e alla conferenza stampa della nuova serie Rai