Vai al contenuto
Home » News » George R.R. Martin elogia la seconda stagione di House of the Dragon: «Hanno fatto un lavoro magnifico!»

George R.R. Martin elogia la seconda stagione di House of the Dragon: «Hanno fatto un lavoro magnifico!»

ATTENZIONE, L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER SU HOUSE OF THE DRAGON

Già dagli albori di House of the Dragon, il caro George Martin aveva speso solo belle parole per il prequel di Game of Thrones, ma proprio qualche giorno fa ci ha tenuto particolarmente a far sapere che sta seguendo molto bene questa seconda stagione e che apprezza davvero tanto il lavoro della regia e di tutto il cast.

Chi meglio del papà originario del progetto, può dirlo? Un gigantesco complimento da accogliere con grande orgoglio per la troupe di House of the Dragon. Ma vediamo insieme cosa ha detto nello specifico.

<<È stato un modo fantastico di iniziare la stagione, la direzione è stata superba. Il veterano di Game of Thrones,  Alan Taylor, ha diretto il primo episodio e Clare Kilner il secondo. Hanno fatto un lavoro magnifico>>.

Le belle parole che Martin ha riservato all’intero gruppo di lavoro di House of the Dragon non sono affatto scontate né bisognava aspettarsele a prescindere. Di sicuro però, gli sceneggiatori in questione avranno apprezzato questi complimenti con grande gioia.

George R.R. Martin stesso spiega il perché, apprezzare il lavoro che la troupe sta facendo, non sia scontato per lui:

<<Di solito non sono un fan degli sceneggiatori che cambiano i personaggi per creare un riadattamento di una storia. Specialmente se il materiale da riadattare è il mio>>.

Effettivamente non c’è niente di più vero, pensateci. Chiunque dia vita a una storia deve fare davvero molta fatica a sopportare i riadattamenti che – inevitabilmente – verranno fatti per rendere il prodotto adatto alla tv (o al grande schermo). Vedere la propria “creatura” toccata da qualcun altro deve fare davvero paura a ogni scrittore.

Nonostante questo, George R.R. Martin ha elogiato ognuno degli episodi di House of the Dragon andati in onda, con un focus speciale sull’episodio “A son for a Son”

Riguardo a questo si è complimentato soprattutto con Emma D’arcy, l’attrice che interpreta Renhyra, e Tom Glynn-Carney, che interpreta Aegon.

<<Non posso che elogiare la recitazione in questo episodio. Fanno così tanto con i loro occhi e la loro faccia, che dominano l’episodio. Emma D’arcy aveva solo una battuta nell’episodio, il suo dolore per la perdita del figlio è davvero palpabile. Tom Glynn-Carney ha reso Aegon reale così come non lo avevo mai visto prima. Lui è più che un cattivo qui, ci mostra la rabbia, il suo piano, le sue paure e dubbi. La sua umanità>>

Possiamo solo immaginare come si siano sentiti gli attori in questione dopo aver sentito queste parole di stima a loro rivolte.

Parole d’elogio però non sono mancate neanche per gli altri attori coinvolti, verso i quali lo scrittore ha voluto dichiarare tutto il suo rispetto.

<<Certo che anche Matt Smith, Olivia Cooke, Fabien Frankel, Eve Best e tutti gli altri attori regolari [dello show], sono stati meravigliosi>>.

Dunque George R.R. Martin è stato esplicito e concreto nei suoi apprezzamenti verso House of the Dragon e non possiamo che essere pienamente d’accordo con lui. Chissà che questo non lo spinga – finalmente – a terminare gli ultimi libri della saga di Game of Thrones, così attesi da migliaia di fan in tutto il mondo.