in

Game of Thrones, Emilia Clarke: «Mi hanno detto che ho bisogno del botox, non ho reagito bene»

Game of Thrones

Game of Thrones ha sicuramente rappresentato una svolta nella vita lavorativa di Emilia Clarke. Durante le riprese (fuori e dentro il set) la vita dell’attrice si è dovuta adattare alla routine di Game of Thrones ultimamente ha spiegato la questione capelli dichiarando di averli dovuti tagliare tutti come DiCaprio. Ha dovuto imparare una nuova lingua, il valyriano, improvvisando totalmente un intero discorso per Game of Thrones. Fino ad arrivare a vincere la vera battaglia che l’ha portata a un passo dalla morte proprio mentre la sua carriera in Game of Thrones stava per decollare. Emilia Clarke ha rischiato seriamente di morire a causa di un aneurisma cerebrale.

Oggi la veterana di Game of Thrones, Emilia Clarke, è una delle donne più belle del mondo, quindi immaginate lo shock quando uno specialista le ha detto che aveva bisogno di pensare a dei filler – cioè sostanze iniettate nel viso per diminuire l’aspetto delle rughe. Dopo tutto quello che ha passato, la sua risposta non si è lasciata attendere.

Emila Clarke ha ricordato la storia in una recente intervista con Elle UK, mentre parlava della sua routine di cura della pelle e delle pressioni che le donne nell’industria dello spettacolo sentono per apparire al meglio. “Una volta ho avuto un’estetista che mi ha detto che avevo bisogno di filler e le ho mostrato la porta. Io non ho reagito bene: ‘”Vattene”. Le sue esatte parole sono state: ‘Allora puoi riavere la tua faccia’. A quel punto avevo 28 anni”.

Oggi l’attrice di Game of Thrones ha 34 anni e quando ha ricevuto il terribile consiglio era nel bel mezzo della lavorazione di Game of Thrones, nel periodo in cui era al suo apice. Emilia Clarke non si piega alle pressioni per ottenere filler e Botox affermando che anche una buona illuminazione è importante, e si fida del direttore della fotografia di uno show o di un film, che fa tutta la differenza del mondo. Non c’è bisogno di filler:

“Lavoro in un’industria dove devo muovere la faccia e devo essere espressiva, e non puoi utilizzare il filler. Non puoi semplicemente farlo. Non sembra giusto, sembri lucido e strano. Se il mio lavoro mi dice che ho bisogno di avere qualcosa di più di un po’ di botox a 45 anni o altro, allora smetterò di fare questo lavoro”. Continua dicendo: “Caitlin Moran ha il botox. Appena l’ha fatto mi sono detta: “Ok, possiamo parlarne, va bene”. Non l’ho mai fatto perché sono pietrificata, e sicuramente non lo voglio ora, ma non sto dicendo che non lo vorrò più tardi. Mi sto lasciando spazio per cambiare idea. Ma non mi piace il fatto che improvvisamente sia diventato normale”.

L’attrice dice che ha sempre seguito il consiglio di sua madre di “pulire, tonificare e idratare”, e le piacciono anche molti dei prodotti Goop di Gwyneth Paltrow. Ma è cauta nell’esagerare e sta attenta a non provare troppi prodotti nuovi senza prima testarli perché ha la pelle sensibile. Durante l’intervista da anche qualche consiglio: bagni caldi con sale di Epsom e olio di lavanda quando ha bisogno di rilassarsi e de-stress, e lo yoga e la meditazione sono stati particolarmente utili durante questi lunghi mesi di isolamento.

Emilia Clarke oggi è l’ambasciatore globale del marchio Clinique e ha anche parlato dell’ossessione per questo tipo di pratiche estetiche: “Penso che in questo nuovo mondo di “autenticità” e dei temuti selfies, ti fa desiderare che la tua pelle sia questa cosa splendida e luminosa. Ma anche quando ti svegli ogni mattina, non vuoi doverti truccare di continuo… vuoi essere in grado di svegliarti, guardare la tua pelle e pensare: “Va bene, ok, sì, va bene”.

Emilia Clarke oggi prosegue la sua carriera per ricordare al mondo che non sarà solo Daenerys Targaryen di Game of Thrones.

Written by Lidia Maltese

In questa timeline sono una serie tv addicted che nel tempo libero finge di essere una studentessa universitaria.

Langdon – Arriva la Serie Tv sequel de Il Codice Da Vinci

Teen Wolf

Teen Wolf, Tyler Posey: «Ho abusato di alcol e droghe e chiesto aiuto: parlatene ai genitori»