in

Game of Thrones – Benioff e Weiss hanno implorato la HBO per la Battaglia delle Acque Nere

Game of Thrones - Battaglia delle Acque Nere

Nonostante sia conclusa, Game of Thrones rimane nel cuore di vecchi e nuovi fan. Mentre gli attori proseguono la loro carriera con progetti più o meno di successo e con la loro vita personale (ad esempio Kit Harington e Rose Leslie aspettano un bambino), emergono dettagli e curiosità sulla realizzazione delle otto stagioni.

Una delle più recenti riguarda un momento importante della seconda stagione, andata in onda su HBO nel 2012: la Battaglia delle Acque Nere.

Benioff e Weiss parlano delle difficoltà di realizzare la battaglia delle Acque Nere in Game of Thrones

Nell’episodio 9 della seconda stagione, intitolato Blackwater (L’assedio), c’è un momento cruciale della guerra dei Cinque Re. Una battaglia tra le forze di Approdo del Re, guidate da Tyrion Lannister, e la flotta di Stannis Baratheon. Questa è una delle battaglie più iconiche della serie, ma avremmo potuto non vederla.

In un nuovo libro di prossima uscita sui retroscena della serie, Fire Cannot Kill a Dragon di James Hibberd, gli showrunner David Benioff e Dan B. Weiss hanno parlato delle difficoltà di convincere la HBO a realizzare questa battaglia.

Infatti dovettero implorare Michael Lombardo, che all’epoca era il presidente della programmazione di HBO, per ottenere maggior budget per la battaglia; altrimenti avrebbero dovuto o eliminarla o renderla una battaglia terrestre.

VanityFair riporta un estratto del racconto degli showrunner nel libro:

Weiss: Eravamo davvero nervosi per quell’episodio, mentre lavoravamo alla seconda stagione. Parlavamo di trasformare la battaglia delle Acque Nere in una battaglia terrestre, il che sarebbe stato terribile.

Benioff: O realizzarla off-screen. […] Ci siamo inginocchiati: “Solo questa volta. Per favore”.

Weiss: Abbiamo pregato e supplicato Mike Lombardo. Abbiamo negoziato. Abbiamo avuto una lunga conversazione relativamente a quante nave potevamo avere.

Alla fine Lombardo concesse altri due milioni per la battaglia. Tuttavia George R. R. Martin, autore dei romanzi e sceneggiatore dell’episodio, dovette tagliare altri elementi, cercando però di mantenere gli aspetti cruciali.

Inoltre ci furono problemi anche con il primo regista dell’episodio, che disse che la scena era impossibile da girare. La regia passò poi a Neil Marshall (a causa di problemi famigliari del primo regista).

Per fortuna, nonostante queste difficoltà, alla fine siamo riusciti a vederla!

Leggi anche – Game of Thrones: Le 10(+1) migliori battaglie

Written by Debora Bolis

La mia carriera da telefilm addicted è iniziata quando mi sono unita al Glee club; da lì in poi ho iniziato a seguire con costanza le serie TV, non importa il genere. Nella vita reale cerco di trovare il mio posto nel mondo, ma principalmente viaggio con il Dottore per tutto il tempo e lo spazio. Lui è il mio hobby preferito.

Friends: due scrittori hanno spiegato il significato dietro la strana battuta di Rachel

Netflix

Netflix, tutte le novità in arrivo questa settimana (28 settembre-4 ottobre)