Home » News » Eddie Redmayne critica il suo ruolo in The Danish Girl: « É stato un errore»

Eddie Redmayne critica il suo ruolo in The Danish Girl: « É stato un errore»

Eddie Redmayne ha discusso recentemente della sua apparizione in The Danish Girl e su cosa ne pensa oggi della sua scelta. The Danish Girl (che trovate disponibile su Amazon Prime) è un film biografico basato sulla vita di Lili Elbe, una donna transgender e una delle prime destinatarie di un intervento chirurgico di riassegnazione del sesso. Nonostante le critiche rivolte al film al momento dell’uscita, questo è stato un successo di critica, e ha ottenuto una sfilza di nomination e vittorie in importanti cerimonie di premiazione, tra cui l’Academy Award per Alicia Vikander, che è apparsa al fianco di Redmayne nel ruolo della compagna di Lili, Gerda Wegener.
Pur avendo alle spalle diverse apparizioni di successo, forse il ruolo più riconoscibile di Eddie Redmayne è quello nello spin-off di Harry Potter, Animali fantastici e dove trovarli e nei suoi successivi sequel, dove l’attore interpreta il magizoologo Newt Scamander.

L’attore Eddie Redmayne non ricoprirebbe più il ruolo da protagonista in The Danish Girl

Durante un’intervista con The Sunday Times, Redmayne ha detto che accettare il ruolo è stato un errore. Quando gli è stato chiesto se avesse accettato il ruolo se gli fosse stato offerto oggi, l’attore ha ammesso che non l’avrebbe fatto e ha descritto la sua esperienza da personaggio trans come un errore. Ha argomentato dicendo che “molte persone non hanno una sedia al tavolo” e fino a quando questo non sarà corretto “continueremo ad avere questi dibattiti“.

No, non lo accetterei adesso. Ho fatto quel film con le migliori intenzioni, ma penso che sia stato un errore. La discussione più grande sulle frustrazioni legate al casting è perché molte persone non hanno una sedia al tavolo. Ci deve essere un livellamento, altrimenti continueremo a fare questi dibattiti”.

Sebbene sia un argomento che troppo spesso finisce nel dibattito politico, i commenti di Eddie Redmayne in merito riecheggiano la voce di una comunità che vuole solo una rappresentanza equa e, fino a quando ciò non sarà raggiunto, è qualcosa di cui si deve costantemente parlare.
È strano che, mentre casting e rappresentazione ingiusta sono stati argomento di conversazione per decenni, solo di recente i produttori di film e serie televisive stanno iniziando a farlo bene. Detto questo, show come Sex Education, la trilogia di Fear Street e l’eccellente Harder They Fall sono tutti riusciti a diventare fantastici pezzi di inclusiva, la prova che è possibile creare ottimi media pur avendo una rappresentazione adeguata.

L’esempio di Redmayne di casting improprio in The Danish Girl sta lentamente diventando un ricordo del passato, ma c’è ancora del lavoro da fare. Proprio di recente, la produttrice di Eternals Victoria Alonso ha risposto alle critiche sulla rappresentazione LGBTQ del film, difendendo apertamente e giustamente le scelte prese. Anche se ci saranno sempre critiche, c’è speranza che nel prossimo futuro tutti, finalmente, si sentiranno adeguatamente rappresentati.

LEGGI ANCHE – Goku è asessuale e appartiene alla comunità LGBTQIA+: la bizzarra teoria su Dragon Ball