in

Breaking Bad, il produttore sulla nascita della serie: «C’era chi pensava non fosse una grande idea»

Breaking Bad
Breaking Bad

Durante una recente intervista per The Hollywood Report, Steve Mosko ha raccontato un aneddoto di svariati anni prima riguardo Breaking Bad.

L’uomo, CEO di Village Roadshaw, ha lavorato per Sony Pictures Entertainment ed il loro reparto televisivo per svariati anni. Anni durante i quali è stata scritta la storia delle serie tv con la nascita di alcuni dei prodotti più famosi di sempre, tra cui proprio Breaking Bad.

Hai avuto un posto in prima fila di fronte a tanta storia di Hollywood: Seinfeld, Breaking Bad, l’hacking di Sony. Qual è stato il momento più memorabile?

La riunione per il via libera per Breaking Bad. C’è stata una discussione piuttosto interessante su questo tipo di show e c’era chi pensava che non fosse una grande idea.
Durante quell’incontro Zack (Van Amburg), Jamie (Erlicht) e io stesso avremmo potuto rifiutare la serie dicendo “questo non vale la pena. Passiamo alla prossima cosa”.
E, invece, in una frazione di secondo c’è stata data l’opportunità: “Se volete farlo, dipende da voi”.
Penso spesso a cosa avrebbe significato per la nostra cultura se la risposta fosse stata “No, non correremo il rischio”, visto che lo show ha avuto un impatto così grande

Steve Mosko

Un’eventualità che avrebbe di sicuro negato al mondo di uno dei prodotti migliori di sempre (e non solo, come abbiamo parlato qui).

Il prodotto di Vince Gilligan quel giorno venne accettato, ed il responso mondiale è stato inimmaginabile.
Ancora oggi i fan vedono Bryan Cranston ed Aaron Paul legatissimi ai due personaggi, tant’è che la speranza di vederli apparire nello spinoff della serie, Better Call Saul, è ancora tanta.

Breaking Bad

E, come dichiarato di recente da Cranston, la cosa non è così impossibile:

Ci fanno sempre domande su Better Call Saul e sulla possibilità che Jesse e Walt appaiano nello show. Non so quante volte abbiamo detto a Vince (Gilligan) che siamo pronti a farlo. Credo non ci voglia più bene.

Dichiarazione altamente ironica dell’attore, dato i buoni rapporti rimasti tra il vecchio cast di Breaking Bad e Vince Gilligan. Che sia una possibilità concreta quella di vedere Mike e Jesse apparire nello spinoff come già altri personaggi quali Saul Goodman, Mike Ehrmantraut (di cui abbiamo parlato qua) e non solo, hanno già fatto?

La sesta stagione risponderà a tutte queste domande.

LEGGI ANCHE – Breaking Bad: 5 elementi chiave che hanno anticipato 5 momenti chiave

Written by Luca Siracusa

20 anni anagrafici, 80 percepiti. Sguardo critico ai tecnicismi e cuore di pietra; se qualcosa ha fatto piangere me, farà sicuramente crollare voi! Il membro del cast più anziano è quasi sicuramente il mio preferito, se interpreta un ruolo politicamente scorretto ancora di più.
Se mi cercate sono nel mio ufficio a mangiare muffin

10 incredibili storie dietro le cicatrici (nascoste e non) di famosi attori delle Serie Tv

Laverne in Scrubs: storia di un personaggio immortale