in

Black Mirror: i cani meccanici che hanno ispirato Metalhead diventano cheerleaders

black mirror

Chi di voi ha visto Black Mirror ricorderà i terrificanti e implacabili cani robot apparsi nella 4×05 Metalhead, episodio a tinte distopiche interamente girato in bianco e nero (qui la nostra recensione). Gli inarrestabili e letali animali meccanici braccavano i protagonisti nel corso dell’episodio, instillando un naturale terrore in chi inseguivano e nello spettatore che immaginava di trovarsi a dover sfuggire a un simile avversario.

Ora, ci credereste se vi dicessimo che dei robot molto simili a quelli che hanno ispirato i cani meccanici di Black Mirror sono stati utilizzati qualche giorno fa come cheerleaders? Probabilmente no, eppure è quel che è successo.

È successo in Giappone, il 7 luglio scorso. Vista l’impossibilità di avere fan nello stadio per via delle misure restrittive istituite per il coronavirus, la squadra dei Fukuoka SoftBank Hawks hanno portato sugli spalti un gruppo di robot, molti dei quali erano appunto “cugini” dei cani robot di Metalhead, a cui hanno fatto eseguire una coreografia come fossero cheerleaders prima della partita di baseball contro i Rakuten Eagles. Ecco qui la loro esibizione:

Certo questa esibizione è quanto di più lontano si possa immaginare rispetto ai cani robot che abbiamo visto in Metalhead, oltre che dallo scopo con il quale erano stati concepiti i BigDog, i robot della Boston Dynamics che hanno ispirato l’ideatore di Black Mirror Charlie Brooker. Questi infatti vengono utilizzati per accompagnare i soldati americani su territori difficoltosi, fungendo anche da trasporti per provvigioni extra.

Questa non è comunque la prima volta che dei robot di questo tipo riportano alla mente i cani meccanici di Metalhead, inquietando non poco chi ha visto l’episodio. Nel 2019 infatti hanno fatto la loro apparizione i Mini Cheetah, la versione più piccola e più tecnologicamente avanzata dei Big Dog, sviluppati dal MIT. In un video uscito al tempo, nel quale si testavano questi robot (e si poteva vederli giocare a calcio), era impossibile non notare l’estrema somiglianza che questi avevano con le macchine assassine della serie tv.

LEGGI ANCHE: Black Mirror – La finta pubblicità di Netflix in giro per Madrid

Written by Antonia Perreca

Sono una stramba nerd libromane con una folle passione per Stephen King.
Mi piacciono le sportive d'epoca, il rock d'altri tempi, le camicie a scacchi, la metà del tempo faccio riferimenti che nessuno capisce... Insomma, sono Dean Winchester al femminile!
Nella vita leggo libri e guardo Serie Tv, e nel tempo che avanza cerco di far rientrare studio e lavoro. Ma le prime due hanno la precedenza, sia chiaro!

netflix

7 notizie sulle Serie Tv che vi svolteranno la giornata

scrubs

Elliot e Kelso: il rapporto più sottovalutato di Scrubs