in

Mindhunter 2×07 – Lo schema, fuori dagli schemi

Mindhunter-2x07-Bill-Holden

Attenzione: non proseguire con la lettura se non hai ancora visto Mindhunter 2×07

C’è la burocrazia e poi c’è Holden Ford. Il modus operandi di un’organizzazione rigida e istituzionale, l’FBI, contro il visionario intuito di un profiler. Ma per contrastare questo nuovo tipo di criminale il manuale vecchio stampo non basta più. Occorre agire fuori dagli schemi partendo proprio da uno schema, o un pattern, come lo chiama Ford.

C’è il lavoro e poi c’è la vita privata, la famiglia. In mezzo, proprio in mezzo lì dove diventa difficile incidere su una componente piuttosto che l’altra, si trova Bill Tench. Lavoro e famiglia diventano due mondi inconciliabili, proprio perché divenuti estremamente simili, legati dal fil rouge di un crimine efferato propiziato da una mente disturbata.

Nelle due figure cardine di Mindhunter si annida il senso di un episodio nevrotico, adrenalinico e amaro.

Mindhunter-2x07-Holden
La task force in una scena di Mindhunter 2×07

Bill Tench e Holden Ford non sono due mondi contrapposti, non sono due facce della stessa medaglia. Ciò non di meno il loro percorso segue un andamento inversamente proporzionale. Laddove il primo appare più lucido, ugualmente geniale ma meno esuberante rispetto alla prima stagione, l’altro sembra totalmente in balia degli eventi. Scombussolato dai viaggi e dai problemi familiari, Bill è ad oggi incapace di agire senza essere condizionato dal suo tormento interiore. D’altra parte il Bill cupo, disilluso è una delle chiavi che più hanno colpito in questa seconda stagione (merito anche di uno straordinario Holt McHallany).

Si affida pertanto al manuale, allineandosi al modus operandi di un FBI troppo rigida per cogliere il momento socioculturale che attraversa quell’epoca. O anche solo per addentrarsi nella mente dei più efferati serial killer del tempo. Doveva diventare i paraocchi di Holden Ford, ma Bill Tench è diventato i paraocchi di se stesso. Questo diventa perciò un episodio in cui viene evidenziata tutta la frustrazione dei due protagonisti: Tench per l’incapacità di incidere su ogni aspetto della sua vita, Holden perché sente di non poter contare sul suo collega, ignaro com’è della sua situazione.

Emblematico l’arresto dell’unico sospettato per gli omicidi di Atlanta.

L’arresto del boscaiolo in Mindhunter 2×07

Tutte le evidenze portavano a quell’uomo, colpevole tuttavia soltanto di essersi masturbato vicino a uno dei luoghi del crimine. Ma, come dicevamo in apertura, questo particolare angolo della mente umana non può essere combattuto limitandosi a percorrere i binari giusti. Serve adottare la strategia opposta e, molto probabilmente, sarà proprio lì che andrà a parare la stagione.

In apparenza la logica dell’FBI e del comitato STOP è inoppugnabile: perché un nero dovrebbe uccidere una serie di bambini neri? Molto più facile pensare si tratti di omicidi di stampo razziale, perché no, proprio perpetrati da un’organizzazione che ha issato la bandiera del razzismo e ha ucciso in suo nome, come il KKK. Ma la logica “a pelle” cozza con il semplice trucchetto di Holden, che qualche episodio fa ha dimostrato quanto sia complicato per un bianco avvicinarsi a una comunità di neri passando inosservato.

E allora si resta nel limbo. Nelle trappole fai da te e nella frenesia dei viaggi da una parte all’altra dell’America. Nella frustrazione dell’impotenza, quella di non potersela giocare alla pari contro menti pericolosamente intelligenti. Che poi basterebbe “semplicemente” pensare fuori dagli schemi. Basterebbe che Holden Ford e Bill Tench siano liberi di essere Holden Ford e Bill Tench.

Mindhunter 2×01 – Ricomincia il viaggio nel marcio

Written by Vincenzo Di Somma

Il mio primo incontro con le serie TV avviene in tenera età quando scopro X-Files. Da lì nascono le mie tre domande esistenziali: siamo soli nell'universo? Diventerò mai figo come Duchovny? Smetterò di avere paura della sigla? Oggi come allora le risposte sono no, no e no.

Mindhunter 2×05 – Il momento che tutti stavamo aspettando

The Handmaid’s Tale 3×13 – Là dove puoi essere libero di diventare te stesso