in

5 elementi chiave che hanno fatto di Lucifer un successo mondiale

lucifer

Quando Lucifer ha rischiato di essere cancellato dopo la terza stagione, il pubblico è insorto e attraverso battaglie a suon di tweet, petizioni e hashtag è riuscito a farsi sentire. È così che Netflix ha preso la serie sotto la sua ala (di angelo o di diavolo?) protettiva e l’ha rinnovata per altre due stagioni. Una serie che, dunque, era già seguitissima ha avuto una risonanza ancora maggiore dopo l’approdo sulla famosa piattaforma. Ma perché Lucifer è stata in grado di scatenare tutto questo clamore? Quali sono gli elementi che l’hanno resa un successo mondiale? Abbiamo provato a individuarne cinque.

1) Lucifer sarebbe potuto essere il personaggio più banale del mondo, ma non è affatto così

lucifer

Il diavolo si stanca di stare all’Inferno e decide di andare a vivere a Los Angeles. Diventa il proprietario di un night club e si dà a una vita di eccessi. Se questa fosse stata l’essenza del personaggio, tutto avrebbe preso una piega piuttosto banale e scontata. Per fortuna, non è stato così. Questa è soltanto la superficie di un Lucifer che, episodio dopo episodio, si rivela essere molto di più. Innanzitutto, Lucifer è più umano di quanto ci si possa aspettare da un diavolo: sebbene non lo dia a vedere, è pieno di insicurezze e non è in grado di affrontare apertamente i propri problemi. Proprio per questo spesso ricorre alla tecnica quasi inconsapevole di usare i casi come specchio della propria situazione.

Quante volte l’attenzione di Lucifer non si riversa sulla ricerca del colpevole ma sullo scovare elementi affini tra la sua situazione personale e quella delle persone coinvolte?

E allo stesso modo, il diavolo cerca di comunicare con Chloe per mezzo di frasi e frecciatine mascherate da commenti sul caso. Questo è soltanto uno dei tantissimi esempi che si potrebbero fare per mettere in luce la complessità del protagonista. Ma una caratteristica di Lucifer è proprio quella di avere personaggi connotati da varie sfaccettature Maze, Chloe, Dan sono sempre in continua evoluzione, sia per quanto riguarda la loro personalità che per quanto concerne le dinamiche e le relazioni tra di loro.

Written by Alice D'Arrigo

Mi piace far giocare le parole tra di loro finché non formano storie. Quando non scrivo libri, mi diverto a tuffarmi negli strabilianti mondi delle serie tv, lasciandomi conquistare da dialoghi e colonne sonore.

ragnarok

Ragnarok, la recensione della prima stagione

Riverdale 4×12 – Le indagini continuano