in

7 situazioni imbarazzanti che gli attori hanno dovuto affrontare sul set di Lost

Lost

Letame, scatti d’ira, finte morti e odori molesti. Sono solo alcune delle imbarazzanti circostanze che hanno visto protagonisti gli attori di Lost. Diffuse sono le accuse agli autori della serie di essersi resi protagonisti di vessazioni nei confronti dei membri del cast.

Ma negli esempi proposti non sempre la responsabilità è stata dei due (Carlton Cuse e Damon Lindelof). In un caso, si tratta di uno scherzo davvero di cattivo gusto (nel vero senso della parola). In un altro, di una reazione spropositata dell’attore. Anche se è pur vero che, tra esplosioni reali, animali aggressivi e nudi forzati, Cuse e Lindelof non ci sono andati leggeri!

1) L’odore dell’isola

Lost


Le riprese non dovettero essere sempre facili per i membri del cast di Lost. In una circostanza piovve per quarantadue giorni consecutivi a Ohau. Fango fino alle ginocchia e camion pieni di stivali per tutti. Ma, si sa, non c’è mai fine al peggio. E ce lo conferma l’attore Eric Lange, che ha interpretato il ruolo di Radzinsky, un membro della Dharma Initiative.

Uno dei set ambientati nella giungla si trovava, infatti, a breve distanza da una fattoria di maiali. Per la precisione, a fondovalle. Bene, a seguito di una pioggia torrenziale tutto il letame della struttura fu trascinato sul set. “Nessuno osava toccare la terra”, ha rivelato Lange, “E ci passavamo a vicenda salviette igieniche”. Locke, ancora certo di voler guardare negli occhi dell’isola?

Written by Emanuele Di Eugenio

Esteta contemplativo (un modo elegante per dire nullafacente), vive immerso tra libri impolverati e consunti osservando il mondo da una finestra. Che sia quella dello schermo di una tv, di un pc o le pagine di un romanzo russo poco importa.

How I Met Your Mother

How I Met Your Mother sta per tornare: arriva il remake cinese!

Game of Thrones – Sì, Cersei Lannister è incinta