in

7 curiosità su Emilia Clarke, l’imprevedibile Daenerys Targaryen di Game of Thrones

emilia clarke

Non ci sono dubbi, Emilia Clarke ha conquistato tutti con il suo particolare mix di talento, bellezza e simpatia, diventando una delle attrici più amate e discusse del momento. La star londinese, pensate, a suo tempo fu addirittura rifiutata da tre accademie di recitazione e spettacolo (la Royal Academy of Dramatic Art, la London Academy of Music and Dramatic Art e la Guildhall School of Music and Drama) ma non si è persa d’animo e ha tirato fuori unghie e denti per farsi strada nel mondo di cinema e serie tv. E così, dopo alcuni ruoli minori, nel 2009 ha ottenuto la parte di Daenerys Targaryen in quella che sarebbe diventata non solo una serie tv, ma un fenomeno mondiale: Game of Thrones (2011-2019). Grazie a questa interpretazione, la nostra Emilia ha ricevuto quattro nomination agli Emmy Awards come miglior attrice non protagonista (2013, 2015 e 2016, da protagonista nel 2019) in una serie televisiva drammatica e ha vinto lo Scream Award nel 2011 come miglior performance rivelazione femminile. Nel 2014 è diventata protagonista anche sul grande schermo, interpretando il personaggio principale nel film Io prima di te, tratto dall’omonimo romanzo di Jojo Moyes. Nel 2018, invece, ha preso parte al film Solo: A Star Wars Story. Negli ultimi anni, dunque, abbiamo avuto modo di conoscerla sempre meglio… eppure potrebbero esserci degli aneddoti divertenti che ancora oggi nel 2020 non sapete. Scopriamo insieme questi 7!

1) 50 Sfumature di Emilia? No, grazie

game of thrones

A Emilia Clarke fu offerto un ruolo per cui tante giovani attrici si sono sfidate a colpi di casting, proprio quello di Anastasia Steele, protagonista della trilogia cinematografica delle Cinquanta Sfumature (tratta dai libri di E.L. James) approdata sul grande schermo nel 2015. L’attrice ha dichiarato di aver rifiutato per non restare intrappolata nell’immaginario collettivo come colei che gira solo scene senza veli e, più in generale, ha affermato di non sentirsi a suo agio durante riprese di questo tipo. Di recente, Emilia è tornata sull’argomento rivelando di non aver vissuto in totale serenità le riprese di Game of Thrones (rifiutandosi anche di girare una scena). In questo ha avuto un grande sostegno da Jason Momoa che, secondo le parole stesse dell’attrice, avrebbe cercato di tranquillizzarla e di assicurarsi che ci fosse sempre una vestaglia vicino a lei, di modo tale che potesse coprirsi non appena ne avesse sentito la necessità:

Solo adesso mi rendo conto di quanto sia stata fortunata, le cose sarebbero potute andare in maniera molto diversa. Dato che Jason aveva esperienza, aveva fatto un sacco di cose prima di essere scritturato in Game Of Thrones, mi rassicurava: “Tesoro, questo è come dovrebbe essere e questo è come non dovrebbe essere, mi assicurerò che venga fatto nel modo giusto”.

È stato gentile e premuroso, si è preso cura di me come essere umano. Si assicurava avessi sempre un accappatoio vicino, mi ricordo che urlava sul set “Portatele una vestaglia, sta tremando”

Written by Alice D'Arrigo

Mi piace far giocare le parole tra di loro finché non formano storie. Quando non scrivo libri, mi diverto a tuffarmi negli strabilianti mondi delle serie tv, lasciandomi conquistare da dialoghi e colonne sonore.

streghe

30 disagi che solo un vero fan di Streghe può capire

Le 15 frasi più belle di Prison Break