Vai al contenuto
Home » Anteprime » Siamo stati alla premiére di Bad Sisters, l’ultima serie di AppleTv+: le nostre impressioni

Siamo stati alla premiére di Bad Sisters, l’ultima serie di AppleTv+: le nostre impressioni

È una calda giornata d’agosto, giovedì 18, e di straordinario a Londra non c’è solo una temperatura media di 24 gradi, ma anche un piacevole incontro di talenti al BFI Riverfront di Belvedere Road. Sulle sponde del Tamigi, a duecento metri da Westminister, o poco più, AppleTV+ sta presentando la sua ultima scommessa: Bad Sisters, una dramedy tutta al femminile in cui a fare da padrone sono umorismo all’inglese e funerali atipici. O per lo meno in questo primo episodio. Noi di Hall of Series siamo stati invitati alla premiére londinese e oggi vi raccontiamo le nostre impressioni sulla serie.

A presentarla una disinvolta Sharon Horgan, in veste di autrice, produttrice esecutiva e attrice protagonista. La Horgan – già famosa per Pulling, Catastrophe e Divorce, con Sarah Jessica Parker – appare a suo agio nell’ambiente londinese. Nonostante lo stress del tour che l’ha vista presentare Bad Sisters oltreoceano prima che a Londra, Horgan é padrona del palco, e perfettamente in grado di mantenere alta l’attenzione della sala nella città che le ha dato i natali e che è abituata alla sua simpatica verve.

Arrivano dunque sul palco del teatro presentazioni di rito e dovuti ringraziamenti. Non mancano nomi di famiglia, di amici e di coloro che hanno creduto nel suo progetto, non di meno AppleTv+, che presenta Bad Sisters come il suo ultimo prodotto originale.

E da quel che vediamo in questo primo episodio sembra che il progetto streaming di Apple sia ormai lanciato sulla buona strada quando si parla del suo catalogo. Partiti infatti in un mondo in cui la competizione presenta mostri sacri come Netflix, Amazon Prime Video e Disney+, AppleTv+ è riuscita pian piano a farsi strada nel mondo dello streaming con prodotti sempre più interessanti e innovativi che in misura sempre maggiore sono riusciti a imporsi al grande pubblico suscitandone un interesse sempre più ampio. Ted Lasso e The Morning Show, con i loro cast stellari, sono stati i primi prorompenti esempi. Severance, con la sua distopica e disturbante polemica sociale si é rivelato il gioiello di questo 2022 su AppleTv+. Bad Sisters potrebbe essere dunque l’ultima perla di cui il catalogo aveva bisogno: una dramedy all’inglese, densa di dark humour, che facesse del piacevole intrattenimento.

Cieli d’Irlanda e frescura d’Oltremanica fanno da contorno alla dramedy scritta e interpretata da Sharon Horgan, che ha portato sullo schermo i paesaggi tipici della sua infanzia. La storia è un sempreverde dramma familiare in cui si avvicendano le storie private e in comune delle cinque sorelle Garvey: Grace, Eva, Ursula, Bibi e Becka, alle prese con la morte, il funerale e gli eventi postumi di John Paul Williams “The Prick”, marito non troppo perfetto e al quanto tossico di una Grace piuttosto succube. Odiato e disprezzato dalle quattro cognate che finiscono per “sperare nella sua morte”, appena qualche mese prima degli eventi raccontati nel presente del primo episodio.

Un pilot divertente quello di Bad Sisters, per chi è appassionato di dark comedy e brit humour, nonché all’altezza delle aspettative per chi conosce le doti comiche e l’ottima scrittura di Sharon Horgan, pluricandidata e vincitrice di BAFTA TV Award.

Questa serie tutta al femminile promette bene, con una narrazione che mantiene alti interesse e attenzione, voglia di scoprire dove fosse Grace mentre il marito moriva e in quali strane circostanze sia deceduto il meno amato membro della famiglia. La fotografia è assolutamente straordinaria, risulta essere uno dei primi elementi a saltare all’occhio in modo positivo, e non è solo merito della nostalgica ambientazione irlandese. Le riprese e i primi piani appaiono dove necessario per dare profondità alle emozioni raccontate, supportando incredibilmente bene le già ottime espressioni di cinque talentuose attrici.

Sullo schermo vediamo infatti vestire i panni di queste cinque sorelle ad attrici già note per le ottime doti interpretative. La già nominata Sharon Horgan, protagonista assoluta di questo progetto da lei ideato e girato durante la difficile era di produzione del 2020 (non sono manacti durante il suo discorso simpatici aneddoti sulle disavventure di questa produzione) nei panni di Eva. Anne-Marie Duff (Grace), famosa per Suffragette e The Salisbury Poisonings. Eva Birthistle (Ursula), vista in Brooklyn e The Last Kingdom. Sarah Greene (Bibi), attrice di Frank of Ireland e Dublin Murders.

E infine nei panni di Becka, sorella minore e un po’ sopra le righe, Eve Hewson, vista e apprezzata nei panni della disturbante Adele di Behind Her Eyes, thriller di punta di Netflix dell’inverno 2021.

La storia delle cinque sorelle Garvey, unite dalla prematura scomparsa dei genitori e dalla promessa di prendersi cura l’una dell’altra per sempre, è stata scritta da Sharon Horgan con l’aiuto di Brett Baer e Dave Finkel (New Girl e United States of Tara) che l’ha adattato dalla versione belga della serie “Clan”, creata da Malin-Sarah Gozin (Tabula Rasa, Professor T). Oltre a Horgan, Baer e Finkel, la serie è scritta da Karen Cogan, Ailbhe Keogan, Daniel Cullen, Perrie Balthazar e Paul Howard. Dearbhla Walsh, anche lei produttrice esecutiva della serie, Josephine Bornebusch e Rebecca Gatward si alternano alla regia. Bad Sisters è prodotta da Merman Television e ABC Signature, una parte di Disney Television Studios.

La serie ha debuttato in esclusiva su AppleTv+ venerdì 19 agosto e sembra aver registrato tra utenti e spettatori un già ampio apprezzamento.

Un apprezzamento in linea col nostro che, lusingati dell’invito e soddisfatti dell’esperienza visiva del pilot, vi consigliamo di aprire la piattaforma e immergervi nei grigi cieli d’Irlanda per farvi intrattenere da una dark comedy tutta al femminile in cui come al solito (ma in maniera nient’affatto scontata) è la famiglia a risultare come il più complesso e complicato degli ecosistemi.

Tag: