Vai al contenuto
Home » 13 Reasons Why » 13 Reasons Why: le teorie sul finale che aprono la strada ad una seconda stagione » Pagina 3

13 Reasons Why: le teorie sul finale che aprono la strada ad una seconda stagione

serie tv

TEORIA N. 2

Chi ha sparato ad Alex?

Secondo molti fan non è stato Alex a spararsi un colpo di pistola alla testa, ma potrebbe essere stato Tyler, il fotografo stalker di Hanna, ad attentare contro la sua vita.

Per quale motivo? Ve lo spiego subito, ma andiamo con ordine …

Alla fine della puntata 12 vediamo Alex parlare con suo padre circa la sua deposizione. Il padre però, anche se di fronte ha un ragazzo evidentemente provato sia a livello fisico che emotivo, ignorando totalmente i segnali, cerca comunque di rassicurare a suo modo il figlio.

Secondo lui Alex è un bravo ragazzo che non ha niente a che fare con il polverone sollevatosi con la morte di Hannah, e per questo motivo, dopo aver parlato con un amico al dipartimento, comunica al figlio di essere riuscito a farlo escludere dai ragazzi che dovranno testimoniare al processo dei Baker. Alex però non è del tutto d’accordo con questa cosa e il suo viso non ispira affatto buone intenzioni.

Nelle scene che seguono vediamo poi un’ambulanza oltrepassare la casa dei Jensen e capiamo, dalle dichiarazioni di uno dei paramedici, che un ragazzo diciassettenne in pericolo di vita – a seguito di un colpo di pistola alla testa – sta per essere trasportato urgentemente in ospedale. Il giovane è in condizioni critiche e la sua identità non viene svelata subito a chi guarda.

13 reasons why

Per scoprire chi c’è su quell’ambulanza dobbiamo aspettare l’episodio finale, e precisamente fino a quando il Preside Bolan non si precipita dal signor Porter per comunicargli che Alex era stato portato in ospedale dopo essersi sparato alla testa.

Ma tutto questo cosa ha a che fare con Tyler?

Ci arriviamo subito …

Alcuni episodi prima vediamo il fotografo del Liberty High comprare una pistola e, nel finale di stagione, lo vediamo nascondere tutto in un baule pieno di armi e munizioni di vario genere, il che ha fatto pensare subito che il ragazzo probabilmente avesse in mente di fare una strage (magari a scuola). Nelle scene successive, inoltre, durante la deposizione lo vediamo dichiarare davanti agli avvocati di essere stato anche lui spesso vittima di bullismo, ed è sempre lui a rivelare l’esistenza dei nastri di Hannah a questi ultimi.

Bene, e se tutto questo facesse parte di un piano ben preciso?

In una scena ci viene mostrato Tyler mentre guarda una serie di foto e tra tutte stacca per prima la foto di Alex, poi la telecamera inquadra anche il resto del gruppo – Courtney, Bryce, Montgomery, Sheri, Marcus, Justin e Clay – ovvero tutti i ragazzi che in un modo o nell’altro hanno fatto del male a Tyler.

13 reasons why

Ciò significherebbe – secondo la teoria più diffusa al momento – che Tyler in realtà non aveva intenzione di andare a scuola con il suo arsenale: le armi di cui si è fornito erano destinate alle persone della sua lista, poichè è loro che vuole eliminare!

Un’ipotesi non del tutto impossibile se ci si ferma a pensare alle singole inquadrature di quella scena: i ragazzi nelle foto ci vengono mostrati singolarmente, uno ad uno, come se fossero tutte vittime designate.

Di fatto inoltre in ambulanza il paramedico non ha detto se il colpo alla testa del ragazzo era stato auto inflitto e, secondo i sostenitori di questa teoria, il Preside Bolan potrebbe aver dedotto tutto traendo delle conclusioni affrettate.

Tyler dunque avrebbe rimosso la foto di Alex da quelle appese nella sua stanza oscura per segnare la prima vittima, dando così il via al suo piano di vendetta (che di fatto potrebbe essere sviluppato meglio in una seconda stagione).

Pagine: 1 2 3 4