in

I 5 personaggi più detestabili di The Office

the office

Nonostante abbia esordito ormai 15 anni fa, The Office continua ad essere una delle serie tv più amate e viste dal pubblico ancora oggi. Nel corso delle sue nove stagioni ci ha presentato decine di personaggi, che fossero parte del cast principale, ricorrente o semplicemente iconiche guest star. La maggior parte di questi vengono ricordati come amici esilaranti che ci hanno accompagnato durante la visione della serie, ma ci sono alcune eccezioni che ci hanno portato più volte ad alzare gli occhi al cielo. Sebbene ogni personaggio di The Office abbia i suoi difetti e almeno una volta abbiamo trovato le loro stranezze irritanti, ve ne sono alcuni che non si sono fatti mancare occasioni per mostrare comportamenti deprecabili.

Ecco la nostra personale selezione dei personaggi più insopportabili di The Office.

1) Phyllis Vance

the office

Phyllis ci viene presentata all’inizio come dolce e materna, amica di tutti con l’eccezione dell’acerrima rivale Angela Martin. Ben presto però viene fuori un altro lato della personalità di Phyllis. La moglie di Bob Vance non perde infatti occasione per sminuire i colleghi, ricattare gli amici, diffondere pettegolezzi e trarre vantaggio dalle sventure altrui. Più di una volta Phyllis si lascia andare a commenti sessisti e insulti velati immeritati, intenzionata a ferire i sentimenti altrui qualora possa esserle utile in qualche modo. Durante la serie si erge spesso a giudice della moralità, ma lungi dal farla apparire come un personaggio positivo, ciò contribuisce sottolinearne l’ipocrisia e a renderla la più detestabile di tutto l’ufficio. Ancora non siete convinti? Pensate a come Phyllis abbia rubato il matrimonio di Pam o a quando ha estromesso Angela dal comitato organizzazione feste e vi ricrederete.

Written by Chiara Bresciani

Divoratrice di storie e aspirante Rory Gilmore.
Nella vita a volte guardo serie tv e a volte leggo, se mi avanza tempo studio politica e media. Mi piace dare la mia opinione quando è richiesta, ancora di più quando non lo è.

barbari

Barbari, la recensione della prima stagione del nuovo dramma storico di Netflix