Vai al contenuto
Home » The Boys » 7 curiosità su Karl Urban, il diabolico Billy Butcher di The Boys 

7 curiosità su Karl Urban, il diabolico Billy Butcher di The Boys 

The Boys è una serie geniale e continua a sorprenderci. Abbiamo sempre amato i supereroi per il modo in cui ci fanno sentire al sicuro. Ma sono davvero tutti così buoni? The Boys cambia prospettiva e ci risponde lasciandoci perplessi. Non tutti gli eroi usano i superpoteri per salvare vite, ma molti di loro ne fanno un uso improprio. Nella storia di The Boys, i supereroi, sono uomini colmi di vizi e idee perfide, ma gestiti come star del cinema dalla potentissima multinazionale Vought American che li ritrae come paladini di cui il mondo ha bisogno. Soltanto apparentemente. In The Boys i Super uccidono anche pur di salvare gli scopi e i bisogni personali. Noi intanto siamo pronti a scoprire come va a finire questa storia adrenalinica e piena di colpi di scena.

Billy Butcher è uno di quelli pronti a smascherare i problemi dei supereroi tanto da rimettere insieme la sua vecchia squadra di ex agenti della CIA incaricata di punire i Super per i loro crimini. Caparbio, coraggio e senza freni, Butcher è interpretato dal bravissimo Karl Urban a cui ci siamo affezionati tantissimo per questo ruolo iconico. L’attore nasce in Nuova Zelanda nel 1972 e ha frequentato l’Università Victoria di Wellington prima di intraprendere la carriera nel cinema. Karl è molto conosciuto per aver interpretato Éomer nella trilogia cinematografica de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson e per la sua interpretazione del dottor Leonard “Bones” McCoy nei film Star TrekInto Darkness – Star Trek (entrambi diretti da J. J. Abrams) e Star Trek Beyond. Oggi siamo pronti a farvi conoscere qualche aneddoto su Karl Urban, siete pronti? 

Ecco 7 curiosità su Karl Urban, il “Billy” Butcher di The Boys:

Ha imparato ad andare a cavallo per ricoprire il ruolo di Éomer 

Soprannominato il Benedetto, Éomer fu il diciottesimo re di Rohan. Durante il suo regno il territorio ebbe modo di riacquistare ricchezza e prosperità dopo la guerra contro Sauron.Éomer cavalca i cavalli come nessuno nella Terra di Mezzo e sfida chiunque da questa pozione. Karl Urban non sapeva andare a cavallo e ha dovuto imparare per ricoprire il ruolo. Sappiamo che per riuscire a immedesimarsi al meglio nel personaggio, si allenó costantemente e senza tregue per almeno due mesi a stare su un cavallo. A tutti noi mancano Éomer e Zoccofuoco, il cavallo su cui Karl Urban e Gimli il Nano viaggiano da Edoras sino al Fosso di Helm. 

Ha chiamato sua figlia Indiana in onore di Indiana Jones 

Karl Urban è stato spostato con Natalie Wihongi, una truccatrice incontrata sul set di The Privateers, film dei primi anni 2000. Dalla coppia sono nati due figli a cui i genitori sono molto legati: Hunter E Indiana. Quest’ultima si chiama così in onore di Indiana Jones, film a cui Karl guarda sempre con affetto e amore. In una recente intervista ha dichiarato che il suo personaggio cinematografico preferito è proprio Indiana interpretato da Harrison Ford). 

È un grande appassionato di Rugby 

Qui in Italia il calcio domina le classifiche degli sport più seguiti a livello nazionale, ma altrove si respira un’aria diversa. In Nuova Zelanda, ad esempio, il Rugby è lo sport nazionale e accomuna un popolo intero. Tutti noi conosciamo gli All Blacks, i giocatori appartenenti alla squadra del posto e una delle compagini più rappresentative di questo bellissimo sport. Ad oggi gli All Black occupano la terza posizione del ranking e Karl Urban non si perde una partita. L’attore, tra una pausa e l’altra, ama vestirsi a tema e incitare i propri beniamini durante le sfide ad alta intensità.

È impegnato attivamente nel sociale

Spesso gli attori e tutte le star in generale possono avere un ruolo chiave nella sensibilizzazione di temi importanti. Karl Urban partecipa da sempre a campagne e progetti per la tutela dell’ambiente, incitando tutti noi alla salvaguardia del nostro pianeta. Come Leonardo Di Caprio, finanziatore di opere di solidarietà per la salute della Terra, anche Karl Urban è attento a denunciare la cattiva gestione dei territori da parte dell’uomo. 

Interpreta Skurge in Thor

Sapevate che Karl Urban è Skurge? Dall’aspetto non si direbbe. Skurge è probabilmente il personaggio secondario più amato in Thor Ragnarok, terzo film della Marvel legato al Dio del Tuono. Pensato per essere la spalla destra di Hela, l’antagonista principale,  Skurge, pentito delle sue azioni, si sacrifica per permettere all’astronave dei nostri eroi di fuggire. Karl Urban ha dichiarato di aver accettato il ruolo proprio per il modo in cui Skurge riesce a riscattare i suoi errori. Appassionato e fan della Marvel, l’attore neozelandese ha inoltre accettato il ruolo per la possibilità di lavorare con l’attrice Cate Blanchett, la donna che ha prestato il volto ad Hela. 

Ha lavorato anche come doppiatore 

Karl Urban non si è fatto mancare davvero nulla. Nella sua vita costellata di ruoli da primo piano, c’è spazio anche per un piccolo lavoro come doppiatore. Nel 2013 è infatti Zio Jack, uno dei protagonisti di A Spasso con I dinosauri, film di animazione tratto da una sceneggiatura di John Collee. La produzione aveva a disposizione dinosauri animati al computer in contesti live-action e la trama vede I fratelli Ricky e Jade passare le vacanze con lo zio Zack( Karl Urban), paleontologo molto preso dai suoi studi. 

Ha avuto un cameo in l’Ascesa di Skywalker 

La star di The Boys ha ha rivelato di aver avuto una piccola parte nel nono film della Saga degli Skywalker. Durante la scena, Karl Urban, indossava un’armatura da Stormtrooper e questo lo ha reso molto orgoglioso. Ha inoltre dichiarato di aver passato del tempo con il regista del film per capire meglio il mondo di Skywalker e le sue future mosse.

“È stato uno dei miei obiettivi per tutta la vita diventare uno Stormtrooper, quindi ora posso toglierlo dalla lista.”

L’attore si è tolto un sassolino dalla scarpa e non vediamo l’ora di vederlo in altre vesti. Oggi lo ammiriamo in The Boys, ma siamo sicuri che Urban ci fará divertire per molto altro tempo.

LEGGI ANCHE – The Boys 3, la Recensione del quarto episodio: è un nuovo giorno, gente!