in ,

I fratelli Winchester hanno affrontato il Führer

Winchester

«Gedenke, dass Du ein Deutscher bist.
Halte dein Blut rein!»

[Ricorda che sei un tedesco. Conserva il tuo sangue puro!]

Questo motto è di una vecchia conoscenza dei fratelli Winchester, la Società Thule, con cui hanno avuto il piacere di scontrarsi nel passato, come ci ha rinfrescato la memoria il riassunto iniziale.

Ora però la faccenda si fa complicata: che ci fanno di nuovo in giro questo gruppetto di mitomani negromanti ossessionati dal glorioso passato nazista?

Scopriamolo in questo nuovo episodio che vede i Winchester affrontare
il nemico (umano) N° 1 per antonomasia

L’episodio si svolge in Ohio, con una ricca signora attempata che nel cuore della notte va a trovare il proprietario di un negozio d’antiquariato, tentando di acquistare un vecchio cimelio nazista: un orologio d’oro da taschino. Tra una trattativa di negoziazione e l’altra, entrambi prendono fuoco lasciando incustodito il gioiello, mentre una figura losca osserva tutto dall’alto.

I fratellini Winchester sentono puzza di bruciato (battutona cattiva 🙂 ) leggendo la notizia su un quotidiano online (e stavolta l’acuto è stato Dean – strano ma vero – ) e si mettono in marcia, pensando ai soliti fantasmi, o demoni, o streghe.

E invece, sempre Dean, rovistando in giro e distruggendo con il suo solito tocco di elegante diversi manufatti costosi, scova una stanza segreta nascosta da una libreria: benvenuti nel regno in naftalina dei sostenitori dei nazisti. Scoprono inoltre che l’orologio scomparso dalla scena del crimine apparteneva a un vicino luogotenente di Hitler in persona.

Nel frattempo una coppia di ragazzi rincasano da lei per spassarsela, interrotti malamente da due uomini in completo scuro, padre e figlio, che mentre lei è in bagno ne approfittano per arrostire il ragazzo, come la donna e l’antiquario. Ellie riesce a scappare dalla finestra del bagno, ma lasciandosi dietro una traccia di sangue, utile per farsi rintracciare.

Sam e Dean sono in un bar a fare colazione e si aggiornano con Aaron Rose per sapere se avesse qualche rivelazione al riguardo…

Apro una finestra sul passato:
[riassunto delle puntate precedenti: Aaron Rose si vede in qualche scena dove sta girando mezza Europa per completare l’opera di decimazione dei nazi semi-immortali che gli hanno ammazzato il nonno, un potente rabbino che da tutta la vita ha provato a contrastarli tramite l’Operazione Giuda – Stagione 8 episodio 13, Tutti odiano Hitler].

https://www.youtube.com/watch?v=uGFwDbUWW2k

Chiusa finestra.

Il ragazzo li mette in guardia circa una operazione chiamata Das Blut,Il sangue”, che vede radunati in Ohio tutti i membri del direttivo della Thule. Qualsiasi cosa sia, è qualcosa di grosso.

I Winchester stanno indagando sull’omicidio del ragazzo e scoprono della testimone ancora viva, ma fanno appena in tempo a guardarla andare via con un’auto della polizia, ammanettata dal ragazzino che ha provato a spararle la sera prima.

Li inseguono e rintracciano, e da qui entriamo nel succo dell’episodio.

Nonostante Ellie sia visibilmente sconvolta e il ragazzo legato alla sedia, sotto la minaccia di fargli saltare la testa come i suoi precedenti compagni, comincia a parlare. L’orologio appartiene a suo padre, il comandante Nauhaus, braccio destro e consigliere di Hitler.

Il diabolico piano ha inizio finita la seconda guerra mondiale, e Nauhaus, da bravo consigliere, nel momento del suicidio di Hitler gli suggerisce come salvare la sua anima in modo da poterla liberare in seguito.

Ecco, tipo un horcrux di Harry Potter: l’orologio contiene l’essenza del criminale ed è in grado di riportarlo in vita….. tramite il sangue di un suo discendente.

Indovinate di chi si tratta?

Certamente, la povera Ellie!

Terrorizzata si rifugia in un’altra stanza, e quando Sam tenta di rincuorarla raccontandole la sua personale avventura da tramite prescelto di Lucifero, le viene quasi un colpo!

Ma intanto gli ufficiali della Thule hanno liberato il ragazzo e cercano lei, che è fuggita dalla finestra durante la lotta dei Winch Bros.

Ovviamente appena mette piede fuori dal garage viene gentilmente rapida dal comandante e figliolo, che ne approfittano per una bella litigata padre-figlio durante il tragitto.

Arrivati al nascondiglio, sedano Ellie in modo da iniziare il rituale di purificazione, e, il comandante Nauhaus incarica il suo sottoposto di uccidere il figlio!!!

Così, visto che ha parlato troppo con i Winchester!

Un attimo di distrazione e riesce a fuggire, andando dritto dritto da loro che ancora si stavano arrovellando il cervello per ritrovare Ellie. Li avrebbe portati al rifugio in cambio di protezione dal pazzo genitore.

Il rituale nel frattempo procede, ma con una sorpresina: il vecchio Nauhaus non aveva la minima intenzione di far resuscitare il glorioso Fuhrer nel corpo di una sudicia ragazzina americana, ma solo di usarne il sangue, tramite trasfusione, e ospitarlo lui stesso.

Et voilà!
Più facile del previsto!

Il rito ha funzionato: la resurrezione di Hitler è avvenuta con successo!

Tra lo sgomento generale dei suoi sottoposti che lo vedono saltellare di gioia, quasi stentano a riconoscerlo, fin quando non ordina di svuotare definitivamente le vene di Ellie e gettarla in pasto ai cani. Ok, è davvero lui.

Sam e Dean con due sole pistole non riescono a fare granché, e vengono catturati e portati al cospetto del redivivo, che esulta con il cellulare in mano, agognando le potenzialità di twitter.

E mentre si prepara a giustiziare i ragazzi dando le spalle a una quasi esanime Ellie, lei spara a un ufficiale permettendo una bella scazzottata tra tutti i presenti… con relativa uccisione del neo-nato Hitler da parte di Dean.

Si, Dean ha ucciso Hitler. Si, è così e se ne vanterà per tutto il resto della puntata!

Winchester

Rilasciano il figlio di Nauhaus consigliandolo di darsi alla fuga perché i membri superstiti della Thule gli avrebbero dato la caccia per sempre, e riaccompagnano Ellie a casa, pronta a rimettersi sui libri per completare medicina, gettandosi alle spalle l’allegra vicenda di essere la discendente di Hitler.

Sulla strada del ritorno a casa Dean ripete in loop “I killed Hitler” dichiarando di volersi fermare a una costosa pasticceria come ricompensa della vittoria… con Sam che scuote la testa, sapendo che questo tormentone non lo abbandonerà tanto presto!

Winchester

Winchester

Un saluto agli amici di Supernatural fan club

 

LEGGI ANCHE

Gli incubi americani di Supernatural prendono vita

Ho visto una puntata a caso di Supernatural

Com’è nato Supernatural

 

 

Written by Francesca Solazzo

Cinema, Serie Tv, Plaid, Caminetto: la mia vita in quattro parole. Annoiata dal logorio della vita moderna, mi rifugio nei classici o nel Fantasy... ma sono quello Urban eh! Per il resto, "giro, vedo gente, mi muovo, conosco, faccio cose…"

The Walking Dead e Negan non ci lasciano un attimo di respiro

how to get away with murder

How to Get Away with Murder si avvicina al giro di boa