in

7 curiosità su Ron Perlman

L’antropologia criminale lombrosiana, i tratti di quel volto allungato, rugoso e scavato, lo sguardo di pietra, l’impressione primaria di brutalità ferina che suscita nella controparte gran cautela e timore reverenziale. Dovessimo limitarci alle caratteristiche del profilo dell’attore Ron Perlman, ci sarebbe ben poco da dire: un cinico criminale, un despota assoluto, e se aumentiamo la dose di cattiveria gratuita, si può arrivare a definirlo un vero e proprio avanzo di galera.

Certo che tale impressione fugace, fondata su un’idea subitanea e una buona dose di pregiudizio estetico, devono averla avuta anche tutti coloro che hanno ingaggiato e lavorato con il buon Ron. Dalla serie-tv “La bella e la bestia“, a “Hellboy” fino ad arrivare all’interpretazione eccelsa del despota regicida “Clay Morrow” nella superba serie-tv “Sons of Anarchy“.

Il caro Ron ha ciò che si merita, il physique du rôle e i suoi singolari lineamenti, lo rendono idoneo per ricoprire proprio questa tipologia di ruolo. La meritocrazia applicata all’estetica.

1) Ron Perlman, la bestia

ron-perlman-the-beastÈ il ruolo che ne risalta il valore, l’interpretazione del personaggio Vincent nella serie-tv “La bella e la bestia” (1987-90) è un successo pluripremiato. Ron Perlman grazie a tale performance inizia a rimpinguare in modo sostanzioso il suo palmarés : un Golden Globe come ‘miglior attore in una serie drammatica’ nel 1989, due Best Actor Awards vinti consecutivamente nel biennio 1989-90 ed una decina di nomination varie in cui spiccano le due per gli Emmy.

Ron Perlman, è finalmente un nome.

Written by Davide Settembrini

Perdersi e riapprodare, confondersi in quelle maledette storie che vogliono provare a spiegare cos'è realmente l'uomo. Storie infinite, contraddizioni interiori ed agitato sentimento. La condivisione di quel dilemma eternamente irrisolto.

italiane

10 Serie Tv italiane che dovreste assolutamente vedere

stronette

10 stronzette delle Serie Tv di cui ci siamo perdutamente innamorati