in

La classifica delle 10 amicizie maschili più commoventi delle Serie Tv

Sherlock

L’amicizia è uno dei temi fondamentali nell’universo delle Serie Tv, così come nella vita. E se, in un certo senso, i telefilm non sono altro che uno specchio dei nostri sentimenti e dei nostri vissuti non poteva certo mancare un tassello così importante. Sherlock Holmes e John Watson ne sono un esempio, ma abbiamo visto numerosissimi tipi di amicizie differenti, a seconda del genere e dei personaggi protagonisti, e ognuna di queste è riuscita a conquistarci a suo modo. Ci sono ad esempio quelle amicizie storiche e intramontabili, come quella tra Joey e Chandler e Ross o tra Marshall e Ted. Ma in questa particolare classifica abbiamo cercato di evidenziare quelle che secondo noi potevano essere le coppie di amici più commoventi. Non le più belle in generale ma le più commoventi. Quelle dove il vissuto dei due protagonisti ha visto esistere anche grandi momenti di condivisione nelle parti più difficili di un’amicizia: quelle dove non ridi e scherzi tutto il tempo, ma ti trovi ad affrontare insieme tutte le parti più spigolose, insidiose e talvolta distruttive che la vita ti mette davanti.

Ecco qui Sherlock e altre amicizie maschili che ci hanno toccato il cuore

10) Mike, Dustin, Lucas e Will (Stranger Things)

Stranger Things

In quanto ad amicizia, Stranger Things si fa maestra. La celebre citazione Friends don’t lie è emblematica di quanto il rapporto con gli amici sia importante se non sacro in questa serie tv. Ma prima ancora dell’arrivo di Eleven e Max e della sparizione di Will nel Sottosopra, i protagonisti erano solo quattro amici un po’ nerd. Dustin, Mike e Lucas non esitano neanche un minuto e subito iniziano la ricerca del loro amico scomparso. Ma la prova più evidente l’abbiamo forse nella terza stagione: nonostante Will non riesca a capire i suoi amici che finiscono per trascurarlo, alla fine ci sono sempre l’uno per l’altro. L’affetto che li unisce è più forte di qualunque incomprensione.

Written by Carolina Avagliano

Ogni giorno mi rifugio in mondi sconosciuti che, episodio dopo episodio e pagina dopo pagina, diventano la mia casa e il luogo sicuro dove poter essere me stessa. Così i colori di quegli universi e di quelle storie inondano le mie giornate.

breaking bad

Breaking Bad, Aaron Paul: «Jesse Pinkman mi ha cambiato la vita»

Netflix e Mediaset racconteranno la storia di Roberto Baggio: arriva “Il Divin Codino”