in

10 behind the scenes delle Serie Tv che vi lasceranno a bocca aperta

Scoprire i retroscena di qualsiasi realtà ci può stupire o, nel peggiore dei casi, deludere. Ci è capitato innumerevoli volte, quando guardiamo un film o una serie tv, di dimenticarci degli effetti che rendono sensazionale quella scenografia o che rendono così credibile ed emozionante quella interpretazione. I behind the scenes (tra questi alcuni di Stranger Things di cui parleremo) possono soddisfare quelle curiosità a cui non abbiamo mai saputo darci una risposta, oppure rivelarci aspetti su cui non ci eravamo mai soffermati prima. Dietro le nostre serie tv preferite c’è un mondo inesplorato e poco indagato che aspetta solo di essere scoperto. Alcuni di questi retroscena hanno dell’incredibile e sono riusciti a lasciarci a bocca aperta.

Ecco 10 sorprendenti behind the scene delle Serie Tv:

1) Stranger Things e il sofferto taglio di capelli di Undici

Stranger Things

Stranger Things è indubbiamente una delle più popolari serie originali realizzate da Netflix. I motivi per cui il grande pubblico si è particolarmente legato alla serie di Matt e Ross Duffer e ne hanno decretato il successo sono innumerevoli: il cast dei piccoli protagonisti che abbiamo visto crescere di stagione in stagione, le ambientazioni anni ’80, le musiche, i colorati e stravaganti capi d’abbigliamento e un pizzico di fantascienza. Tra i behind the scenes più curiosi di Stranger Things ne spicca uno in particolare, anche abbastanza commuovente. Il taglio di capelli della protagonista della serie, Millie Bobby Brown, ha mandato in lacrime suo padre. Millie Bobby Brown ha stravolto completamente il suo look da quando è entrata a far parte del cast di Stranger Things. I suoi capelli non sono passati inosservati: durante gli esperimenti in laboratorio i suoi capelli cortissimi ricordano quelli di Charlize Theron in Mad Max: Fury Road. Nonostante il successo, il suo nuovo taglio non ha lasciato tutti contenti come ci svela il filmato del taglio di capelli, realizzato da sua madre e caricato su YouTube. Secondo quanto riportato da Entertainment Weekly, non vediamo il padre della star di Stranger Things nel video perché la vista di sua figlia che si sottoponeva alla rasatura lo ha fatto piangere, costringendolo ad uscire dalla stanza.

2) Lost e le sue sostanze stupefacenti

Lost è una delle pietre miliari della serialità statunitense. Fra i suoi personaggi, i fan della serie ricorderanno Charlie e le sue continue ed estenuanti lotte contro la sua dipendenza da eroina, sia dentro che fuori dall’isola. Attraverso le statue della Vergine Maria, Charlie ha dovuto affrontare la sua assuefazione. In tutte le scene in cui lo abbiamo visto drogarsi, in realtà stavamo assistendo a Dominic Monaghan che utilizzava dello zucchero di canna per simulare l’assunzione della sostanza stupefacente.

3) L’imbarazzo sul set di Sex Education

Stranger Things

Il cast di Sex Education ha dovuto girare diverse scene che hanno messo a dura prova i suoi membri. Molte delle sequenze più hot dello show sono state anche fra le più importanti, poiché hanno rappresento momenti fondamentali per i suoi protagonisti, per la scoperta di se stessi e della propria sessualità. Proprio per questo motivo, era essenziale che queste risultassero convincenti, realistiche e al tempo stesso “naturali”. L’attrice Aimee Lou Wood, che nella serie interpreta Aimee Gibbs, al tal proposito ha dichiarato:

La scena più imbarazzante che ho fatto è stata quella della masturbazione: questo perché non c’era nessuno con cui interagire e scambiare battute. Avevo un paio di mutande molto, molto sottili, di color carne. Sembrava che non stessi indossando niente

4) Il set de I Soprano

La serie I Soprano si distingue anche per aver ambientato la sua storia in un’atmosfera molto autentica e realistica, quella del New Jersey. Questo proprio perché la maggior parte delle scene dello show sono state effettivamente girate proprio nel New Jersey! La casa Soprano, ad esempio, è una vera casa a North Caldwell. Tuttavia, solo alcune scene degli interni sono state girate sul posto, mentre le altre sono state realizzate in un teatro di posa, a New York. Inoltre, il Bada Bing era anche un vero e proprio strip club, il Satin Dolls, situato sulla Route 17 a Lodi e sia gli interni che gli esterni di queste sequenze sono stati girati sul posto. Non dimentichiamo di Pork Store di Satriale, un edificio abbandonato a Kearny, che i produttori hanno affittato e allestito appositamente per lo spettacolo.

5) “Scambio” tra fratelli

The Vampire Diares ha reso indimenticabili i fratelli Salvatore, i due affascinanti vampiri protagonisti indiscussi dello show. Paul Wesley ha interpretato Stefan per così tanto tempo – ben otto stagioni – al punto da essersi reso inimmaginabile in altre vesti. Nessuno ha mai nutrito dubbi sulla sua impeccabile interpretazione e, soprattutto, sul fatto che fosse perfetto per il suo ruolo. In realtà, Wesley originariamente non ha fatto l’audizione per il ruolo di Stefan ma per quello di Damon, il fratello interpretato poi da Ian Somerhalder. I due non potrebbero essere più diversi: Damon è sarcastico e a tratti cinico, mentre Stefan è un romanticone che cerca sempre di fare la cosa giusta, spesso rimediando agli errori di suo fratello. Fortunatamente, però, i due attori infine hanno meritato il ruolo più “adatto” a loro e abbiamo amato i fratelli Salvatore anche per questo motivo. Tuttavia, prima di approdare allo show, Wesley ha dovuto fare ben quindici audizione per convincere la produzione di essere il volto giusto per Stefan!

6) Brooklyn Nine-Nine e la nascita di un tormentone

Brooklyn Nine-Nine è una delle comedy più amate di questi ultimi anni ed è diventata celebre anche per i suoi innumerevoli tormentoni. Vi raccontiamo com’è nato uno dei più iconici dello show. Durante i lunghi periodi di riprese sul set, Terry Crews urlava “Nine Nine!” per entusiasmare il cast e spronarlo a dare il meglio. L’urlo motivante è stato successivamente inserito nella serie, diventando l’inno dello stesso distretto per celebrare i suoi successi e incoraggiarsi prima di una missione. Inoltre, Andy Samberg era solito ripetere costantemente “Cool cool cool cool cool” tra una ripresa e l’altra, per divertire i suoi colleghi, al punto che i creatori della serie lo hanno reso uno dei tormentoni più caratteristici del personaggio di Jake.

7) Il club dei Peaky Blinders

Peaky Blinders ha dimostrato sempre una cura particolare per i costumi e le ambientazioni, valorizzati da una fotografia perfettamente in linea con l’atmosfera della sua storia. Ricorderete senz’altro l’Eden club, un sontuoso jazz club di proprietà di Darby Sabini, uno dei boss dei gangster di Londra. Le scene in esterni sono state girate in un club di Liverpool che aveva un enorme soffitto bianco molto basso. Mentre, per gli interni, il colore dominante scelto per il set è stata una miscela di vernice dorata – appositamente creata per lo show e ora conosciuta come “Peaky gold” – per rinnovare l’aspetto del luogo. Ce ne sono voluti ben 30 galloni! È stata creata una pista da ballo e un palco per band, oltre all’intricato traforo dello scorpione, un riferimento al cappotto di Ryan Gosling in Drive!

8) Gli oggetti di scena di Downton Abbey sono stati acquistati su eBay

Stranger Things

Downton Abbey, serie simbolo del costume britannico, riesce ancora oggi a catturare l’attenzione dei fan di tutto il mondo. La serie è stata particolarmente accurata nella scelta delle location, abiti e oggetti di scena, al punto da potersi considerare una delle migliori serie in costume di sempre. Il tentativo di ricreare tutto nel modo più realistico possibile è sempre stata una priorità dei suoi creatori. Sebbene le campane sul muro nell’area al piano terra dell’Abbazia non siano storicamente accurate, era comunque importante per il cast mostrare altri aspetti della vita nei primi anni del 1900 nella maniera più fedele possibile. Alcuni oggetti di scena sono stati personalizzati per la serie, ma altri sono stati reperiti diversamente. Quando la signora Patmore aveva bisogno di un miscelatore elettrico, solo quello dell’epoca avrebbe funzionato in scena. Ma trovare un mixer di quegli anni era un compito quasi impossibile! Fortunatamente c’è eBay e ce n’era uno in vendita a 90 dollari. Lo scenografo Donal Woods a Buzzfeed ha dichiarato:

Quindi gli abbiamo telefonato, gli abbiamo dato una carta di credito ed è arrivato in una scatola, ripulito. Oggi puoi trovare di tutto nel mondo!

9) Sons of Anarchy e la paura delle moto

Stranger Things

Sons of Anarchy ci ha fatto desiderare di viaggiare in sella a imponenti motociclette con cui attraversare le strade sterrate e deserte dell’America. Non tutti sanno, però, che nonostante la dimestichezza dimostrata dagli attori, uno di loro aveva paura di cavalcare la sella della sua Harley. Stiamo parlando di Ron Perlman. Tuttavia, l’attore che interpreta Clay Morrow ha fatto un ottimo lavoro e la sua paura non è assolutamente passata attraverso la macchina da presa. Nessuno spettatore, infatti, avrebbe mai sospettato una cosa simile!

10) Mad Men e la premurosa routine di Jon Hamm

Durante la produzione degli episodi di Mad Man, pare che uno degli impegni a tempo pieno della truccatrice Lana Horochowski fosse assicurarsi che Jon Hamm fosse ben rasato in ogni ripresa. I peli del viso di Hamm, a quanto pare, hanno una crescita rapidissima e la sua ” ombra delle cinque” si presentava prima delle cinque e si rendeva visibile in camera. Nel caso di giornate di riprese particolarmente lunghe, la Horochowski si ritrovava a radere la faccia di Hamm tre volte al giorno. Inoltre, quando questa informazione è stata resa pubblica, molti uomini hanno pensato bene di imitare la rasatura di Hamm, ma il dermatologo Dr. Peter Hino ha avvertito i fan dei rischi che può comportare radersi la pelle più volte al giorno. Perciò, non imitate!

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv

Scritto da Concetta Moschetta

Sono un’instancabile ambiziosa, scrivere è il mio momento catartico, inoltre ciò che so non mi basta mai. Ho l’abitudine di perdermi in continuazione per poi ritrovarmi nelle pagine di un romanzo, sulla poltrona di un cinema o nel buio della mia stanza con una serie tv.

7 curiosità su Fleabag, il singolare capolavoro di Phoebe Waller-Bridge

Mckenna Grace non può avere davvero 15 anni