Vai al contenuto
Home » SERIE TV » 7 inquietanti storie vere di cui vorremmo vedere una Serie Tv

7 inquietanti storie vere di cui vorremmo vedere una Serie Tv

Un quarto di luna è completo ma per la coscienza è mancante di qualcosa. Questa naturale propensione umana verso ciò che manca è ciò che più di ogni altra cosa ci differenzia dagli animali, spingendoci fin dall’antichità a porci domande che aspirano alla conoscenza dell’ignoto. Questi irrisori quesiti, però, non fanno altro che generare nuovi dubbi, alimentando l’innata passione umana per il mistero. Nell’era moderna in cui il progresso scientifico e tecnologico riescono a dare una spiegazione alla maggioranza dei fenomeni, uno dei mezzi attraverso il quale riusciamo a saziare la nostra innata voglia di mistero è rappresentato dall’universo cinematografico, in particolare dai reali fatti di cronaca, come quelli ricostruiti nelle serie tv sui serial killer più spietati della storia o su altri misteri rimasti irrisolti. Quello che stiamo per proporvi è però il processo opposto, mostrandovi cioè alcune incredibili storie vere a cui non è stato possibile dare risposta e che, proprio per la loro natura misteriosa, vorremmo vedere in una serie tv.

Che siate amanti delle serie tv sui serial killer o del paranormale, siamo abbastanza sicuri che anche voi sareste affascinati da una serie tv su queste 7 inquietanti e misteriose storie vere.

1) Taman Shud – Il mistero dell’uomo di Somerton

taman shud

È il 1° dicembre 1948 quando, sulla spiaggia di Somerton (Adelaide), viene rinvenuto il cadavere di un uomo, dando vita a quello che sarà considerato “uno dei più profondi misteri dell’Australia“. Il caso, seguito poi in tutto il mondo, ha generato numerose illazioni nel corso degli anni riguardo l’identità della vittima e la causa della sua morte che, secondo quanto espresso dall’esame autoptico, sarebbe presumibilmente avvenuta per avvelenamento. Il movente resta tuttora sconosciuto così come le generalità dell’uomo, la cui vicenda è anche nota come Il caso Taman Shud. Il nome fa riferimento a un pezzo di carta ritrovato nella sua tasca che riportava proprio queste esatte parole, e che sembrerebbe esser stato strappato dall’ultima pagina di una rara edizione delle Rubʿayyāt, una raccolta di poesie persiane. ll caso resta un mistero, i cui macabri dettagli però potrebbero dar vita senza alcun dubbio a un’interessantissima serie tv (vi riproponiamo qui una selezione di serie tv mistery presenti su Netflix).

2) La scomparsa di Tara Calico

tara calico

Il 28 settembre 1988, Tara Calico esce per incontrare il fidanzato assicurando alla famiglia il suo rientro a casa per ora di pranzo; trascorre un anno da quella disattesa promessa, e della ragazza non c’è alcuna traccia. A riaccendere le speranze è il ritrovamento di una polaroid ritraente una giovane donna e un bambino, entrambi legati e imbavagliati in quella che sembra essere una roulotte. La madre di Tara è sicura che si tratti di sua figlia, ipotesi avvalorata dal libro che si vede accanto alla ragazza in foto: “My Sweet Audrina”, di V.C. Andrews, il preferito di Tara. Per gli inquirenti, però, quella ritratta non può essere Tara Calico poiché molti tratti somatici tra le due giovani donne non corrisponderebbero. Sia l’identità della ragazza in foto che le sorti di Tara Calico restano un macabro mistero mai risolto.

3) L’omicidio di JonBenét Ramsey

serie tv sui serial killer

La morte della piccola reginetta di bellezza JonBenét Ramsey è tra i misteri irrisolti più inquietanti dell’era moderna. Il delitto della bambina di soli 6 anni avvenne la notte di Natale del 1996. La madre di JonBenét dichiarò di essersi accorta della scomparsa della figlia la mattina del 26 dicembre, rinvenendo sulle scale di casa una lettera di riscatto lasciata dai rapitori. Allertato subito il 911, le indagini non rilevarono segni di effrazione o irruzione; le ricerche si spostarono quindi nel seminterrato, in cui avvenne il macabro ritrovamento del corpo della bambina. Una volta assodata l’impossibilità di un’intrusione esterna, i sospetti ricaddero sui genitori e sul fratellino della vittima, ma la mancanza dell’arma del delitto e l’alterazione delle prove, causata dall’incauto spostamento del corpo dal seminterrato al salotto da parte del padre, hanno reso impossibile risalire al colpevole.

4) Il fantasma di Teresita Basa

teresita basa

I più inquietanti casi irrisolti della storia non sempre riguardano l’identità dei killer, come dimostra la vicenda di Teresita Basa il cui assassino è noto tanto quanto le modalità in cui ha agito: il vero mistero è nel come sia stato risolto il caso. Teresita conduceva una vita normale e lavorava in un ospedale di Chicago, nell’Illinois. Una giorno, i Vigili del Fuoco furono allertati per un incendio proveniente dal suo appartamento, e al loro arrivo ritrovano il cadavere della donna accoltellata al petto. Il suo assassino avrebbe appiccato le fiamme prima di fuggire e rubato alcuni gioielli. La polizia non trovò tracce sufficienti per seguire una pista specifica, e l’omicidio della donna rimase per un po’ un mistero. L’inaspettata svolta arrivò con la testimonianza di Remi Chua, collega di lavoro di Teresita, il quale sosteneva che ad aver ucciso e derubato la donna fosse stato un uomo di nome Alan, che si trovava nel suo appartamento per riparare un elettrodomestico. Remi Chua dichiarava di conoscere i fatti poiché gli erano stati riferiti dal fantasma di Teresita Basa apparsogli in sogno. La polizia decise di aprire un fascicolo su tale Alan e, sorprendentemente, ritrovarono i gioielli di Teresita proprio a casa di sua moglie. L’uomo confessò poi il crimine commesso, scontando 14 anni di carcere. Se si sia trattato o meno di uno strano fenomeno paranormale rimarrà sempre un mistero.

5) Il mistero dei piedi mozzati

serie tv sui serial killer

È il 2007 quando una ragazza, passeggiando per le coste del Canada nella regione del British Columbia, nota la presenza di una scarpa da ginnastica in riva al mare. Con suo profondo orrore, scopre che la calzatura conteneva al suo interno un piede umano mozzato. Da quel momento, i ritrovamenti di questo tipo sono saliti a 14 e le teorie legate al mistero dei severed feet non hanno mai smesso di susseguirsi tra i media di tutto il mondo. Per molti, i piedi sarebbero appartenuti a coloro che si sono lanciati dal ponte verso il mare con lo scopo di togliersi la vita. C’è anche chi sostiene che i resti umani derivino invece da un incidente aereo avvenuto su un’isola vicina, mentre per altri ancora si tratterebbe degli arti delle vittime dello tsunami asiatico del 2004. Per noi amanti delle serie tv sui serial killer, il metodico ripetersi del rituale di amputazione potrebbe essere un distintivo modus operandi del prossimo protagonista di una macabra serie tv.

6) L’incidente del passo di Dyatlov

serie tv sui serial killer

La notte del 2 febbraio 1959, 9 escursionisti sono stati ritrovati morti nella parte settentrionale dei monti Urali in cui accampavano. La mancanza di testimoni oculari e di sopravvissuti rendono un mistero irrisolto lo svolgimento dei fatti, soprattutto a causa delle terribili condizioni in cui vertevano i corpi; due delle vittime avevano il cranio fatturato, altre due presentavano invece una frattura delle costole, nessuno mostrava segni di lotta. A una delle vittime mancava la lingua, e sui vestiti di tutti gli escursionisti sono state riscontrate elevate tracce di radioattività. Il tragico incidente ha dato vita a numerose congetture nel corso degli anni e, secondo le dichiarazioni ufficiali dell’epoca, tutti i membri del gruppo sarebbero morti a causa di una “irresistibile forza sconosciuta”.

7) Abigail Williams e Liberty German – Gli omicidi di Delphi

serie tv sui serial killer

L’ultima triste storia vera non differisce molto da quelle a cui ci hanno abituati le serie tv sui serial killer. La tredicenne Abigail Williams e la quattordicenne Liberty German erano impegnate in un’escursione quando le loro tracce si sono perse. I loro corpi senza vita sono stati ritrovati il giorno successivo in una proprietà privata non molto distante dal luogo in cui erano state avvistate l’ultima volta. Le cause della morte non sono mai state rese note e il proprietario della casa in cui è avvenuto il ritrovamento non è mai stato tra i sospettati. Il denominato killer di Delphi è ancora a piede libero, e il caso resta irrisolto da 5 anni.