in

5 Serie Tv che per fortuna non ho mollato

Netflix

Diciamoci la verità, non sempre le Serie Tv ci piacciono al primo colpo. Magari ci sono state consigliate – o ne abbiamo sentito parlare a lungo – ma quando iniziamo i primi episodi non sentiamo nulla.

A questo punto le soluzioni sono due. La prima è abbandonarsi allo sconforto e non proseguire nella visione della Serie. Ammetto di aver optato più volte per questa, perché se qualcosa non mi convince da subito è difficile che possa farlo proseguendo. La seconda opzione è ovviamente quella di non demordere, cercare di arrivare almeno a un punto cruciale della storia. Nonostante sia quella che, appunto, ho praticato meno, mi ha dato maggiori soddisfazioni.

È difficile capire quanto una Serie Tv ci inizi a piacere per merito suo o per semplice assuefazione. Gli esempi che vi porto oggi sono però prodotti che, per vari motivi, è quasi strano non amare.

Pertanto, ecco 5 Serie Tv che per fortuna non ho mollato.

5 – Game of Thrones

Serie Tv

Mai e poi mai avrei pensato che Game of Thrones si sarebbe trasformato nel fenomeno di massa che è oggi. Totalmente ignaro del fatto che la Serie fosse tratta da una saga di libri di successo, quando vidi il primo episodio, nel lontano 2011, non voglio direi che lo odiai ma poco ci manca. Convinto di trovarmi davanti a un normalissimo prodotto fantasy – con l’aggiunta di qualche corpo ignudo – pensai che non mi avrebbe mai conquistato.

Convinto, o per meglio dire costretto, a continuare la visione da uno zio particolarmente devoto ed esperto del genere ho guardato quasi tutta la prima stagione con un senso di noia. La voglia di abbandonare lo show però ha iniziato a scemare sempre più, sino allo sconvolgente finale di stagione:

La morte di Ned Stark è stata il motivo che più di tutti mi ha spinto ad abbandonare ogni riserva, dando totale fiducia al Trono.

La morte di quello che era parso essere il protagonista mi ha fatto capire come ciò che avevo davanti non fosse nulla di canonico. Nel corso degli anni Game of Thrones ci ha insegnato come NESSUNO sia indispensabile, e come praticamente tutti siano sacrificabili. Un concetto basilare ma piuttosto innovativo, a mio modo di vedere. Per quanto ultimamente si sia forse tirata un po’ troppo la corda, sono davvero grato a mio zio di avermi tenuto ancorato a questo show e alla sua folle corsa.

P.s. La battaglia finale si avvicina (e noi abbiamo ipotizzato chi morirà qui)!

Written by Lorenzo Berti

Da piccolo volevo essere Hercules. Da adolescente, prima Pacey Witter e poi Seth Cohen. Fino a poco tempo fa avrei voluto fare un colloquio per la Sterling-Cooper, ma ora non ne sono più sicuro. E se provassi ad entrare nello S.H.I.E.L.D? Non mi prenderebbero, passo troppo tempo sul divano a guardare Serie Tv..

Game of Thrones 8 – Inattesi ritorni e grandi personaggi (ancora vivi) al Dragonpit: le foto dal set direttamente dalla Spagna

Breaking Bad

I 10 Peggiori risvegli nella storia delle Serie Tv