in

5 attori delle Serie Tv che hanno una presenza scenica veramente debordante

peaky blinders

Ci sono centinaia di attori nel variegato mondo delle serie tv.
Grandi attori, bravi o mediocri. Ma nel mezzo di tutti questi personaggi c’è una ristretta cerchia di uomini che hanno addosso un’aura magica.
Una mistica nell’anima che porta l’attore a elevare le impersonificazioni che mette in atto. La storia è la più antica del mondo: quella della finzione, dell’abilità di alcuni uomini di saper interpretare una parte. E tutto questo va oltre la serie tv che interpretano, che sia un capolavoro come Peaky Blinders, oppure che sia una produzione pessima.
Oltre questo, però, c’è tanto altro.

C’è uno charme, un prendersi la scena che contraddistingue determinati personaggi e che li fa entrare di diritto nell’olimpo dei migliori attori del panorama seriale. Stiamo parlando di interpreti con una presenza scenica debordante.

1) Matthew McConaughey, True Detective

peaky blinders

Il primo attore che vogliamo proporvi è forse più legato al mondo del cinema che delle serie tv, ma la storia ci ha consegnato agli annali un prestazione nel piccolo schermo che rimarrà impressa nei secoli. Una poesia noir leggendaria, un poeta visionario magico e una penna stilografica che sputa inchiostro indelebile. True Detective, Nic Pizzolatto e Matthew McConaughey. Rust Cohle è uno dei personaggi più carismatici che siano mai apparso nelle serie tv, e questo merito va dato totalmente alla grande presenza scenica dell’attore. Un mostro di bravura debordante.

2) Jon Hamm, Mad Men

peaky blinders

Un altro personaggio incredibile. Nato da un prostituta e cresciuto nella totale miseria, ha ribaltato la sua vita partendo da una finta morte. Da lì, a Don Draper si sono spalancate le porte del successo. Da povero a leader carismatico (qui parliamo del finale di serie). E tutto questo grazie anche al viso squadrato e ai lineamenti italo americani di Jon Hamm. L’attore di Saint Louis è incredibilmente comunicativo nelle eleganti vesti del creativo protagonista di Mad Men. Un’interpretazione che gli vale un posto in questa prestigiosissima lista.

3) James Gandolfini, I Soprano

suburra

In questo caso andiamo a scomodare la serie tv che forse ha rivoluzionato la concezione stessa di produzione per il piccolo schermo. I Soprano sono storia e lo stesso vale per il suo protagonista: James Gandolfini, alias Tony Soprano. Definire l’italo americano un attore debordante sulla scena è forse eufemistico e sminuente. Gandolfini è quasi imbarazzante per quello che è riuscito a fare con il suo personaggio. L’ha plasmato, definito, perfezionato e impreziosito. Un lavoro certosino, che può fare solamente chi ha dentro di sé il fuoco sacro dell’attore.

4) Cillian Murphy, Peaky Blinders

peaky blinders

Per quanto riguarda Cillian Murphy c’è forse poco da dire sulla sua presenza scenica. Peaky Blinders è Peaky Blinders proprio grazie alla classe e alla grandezza dell’attore irlandese. Un mostro, un uomo che ha reso iconico un personaggio (qui parliamo della vera storia di Oswald Mosley, il villain della quinta stagione). Tutti almeno una volta hanno sognato di vestire i panni del leader della gang criminale di Birmingham. Un uomo che non deve chiedere mai. L’aura mistica e primordiale che veicola è proporzionale al talento e alla presenza scenica di Murphy.

5) Alessandro Borghi, Suburra

suburra

Per finire, non potevamo non essere un po’ patriottici e inserire anche un attore nostro connazionale. Il patriottismo però c’entra poco, perché Alessandro Borghi è veramente un attore dalla presenza scenica debordante. L’interpretazione di Aureliano in Suburra è incredibile e il suo carisma, anche dietro le telecamere, è trascendente. Insomma, Alessandro Borghi si è conquistato la presenza in questa cerchia ristretta perché è a tutti gli effetti un concentrato di fascino e charme.

Leggi anche: Peaky Blinders – La vera storia di Oswald Mosley

Scritto da Giacomo Simoncini

“Giro, vedo gente, mi muovo, conosco, faccio delle cose. Ad un mondo di numeri ne preferisco uno di lettere. Scrivo per coinvolgere gli altri, per far appassionare le persone a ciò che amo. ”

Kaley cuoco

10 motivi per amare Kaley Cuoco

peggiori sigle serie tv

5 Serie Tv che hanno sigle brutte, non all’altezza