in ,

Siamo stati ai Diversity Media Awards 2019

diversity media awards

L’inclusione non è un’opzione, non può esserlo! Deve essere l’unica via percorribile. E ci riguarda… ci riguarda tutti. Perché che siamo diversi è una banalità, lo sappiamo, lo abbiamo detto un sacco di volte. Però siamo tutti diversi perché ciò che ci rende diversi ci rende ciò che siamo. (…) La realtà è diversità!

È dalle splendide parole della presidentessa di Diversity, Francesca Vecchioni, che vogliamo iniziare a raccontarvi questa meravigliosa esperienza che abbiamo avuto l’onore di vivere: la quarta edizione dei Diversity Media Awards tenutasi a Milano il 28 maggio 2019.

diveristy media awards
La sorridente e simpaticissima Chiara Francini

Un evento un pochino off-topic per quello che riguarda il nostro ambito ma a cui non abbiamo voluto mancare per nulla al mondo perché ci tenevamo a dire che anche secondo noi l’inclusione è l’unica via percorribile.

Il Diversity Media Award è il primo riconoscimento europeo che premia i contenuti e i personaggi che hanno contribuito a sensibilizzare sul tema della diversità. In questa quarta edizione non mancano di certo i volti noti e noi abbiamo avuto l’onore e il piacere di scambiare qualche chiacchiera con qualcuno di essi. Da Alessandro Cattelan a Chiara Francini, passando per Federica Cacciola (guai a chiamarla Martina Dell’Ombra), Federico Clapis e Paolo Ruffini, siamo riusciti a scoprire quali sono le loro serie tv preferite e perché. Se Cattelan è un fervente appassionato di After Life, la Francini preferisce The Man in the High Castle, mentre lo storico presentatore di Colorado è un nostalgico de Il mio amico Arnold, al punto da imprimerselo sulla pelle (abbiamo documentato tutto sul nostro profilo Instagram).

evento
Paolo Ruffini, uno dei più attivi della serata

Ma come già accennato le serie tv passano un tantino in secondo piano ai Diversity Media Awards.

A farla da padroni sono la musica e le parole, le magnifiche parole di ciascuno degli illustri relatori. Ognuno ci tiene a dire la sua, abbiamo già citato il meraviglioso discorso di apertura, ma ogni intervento meriterebbe una menzione d’onore. Sei un razzista. Sei un omofobo. Sei un maschilista. È vero, dobbiamo chiamare le cose con il proprio nome. Però è anche vero che questi giudizi concludono il dialogo, non lo iniziano, dice Immanuel Casto per sottolineare l’importanza del rispetto del riconoscimento dell’intelligenza degli altri. Perché inclusione significa, al di là del senso più stretto del termine, anche fare tesoro dei principi altrui. Ed è quello che dovremmo fare con più naturalezza, spogliarci di ogni sorta di paletto e non limitarci soltanto a comprendere e tollerare ma a rispettare e mettere in condizione di esercitarli quei principi.

evento
Con Federica Cacciola (interprete di Martina Dell’Ombra)

I Diversity Media Awards nascono per questo, non per premiare soltanto chi contribuisce a descrivere la diversità, ma per premiare chi quella diversità la rispetta profondamente, così profondamente da includerla nella propria.

E a proposito di premi, ecco tutti i vincitori dei Diversity Media Awards 2019. Partiamo ovviamente dalle serie tv!!!

Miglior Serie TV Italiana: Skam Italia/L’amica geniale

Miglior Serie TV Straniera: Le terrificanti avventure di Sabrina       

Miglior Programma TV: Ballando con le stelle

Miglior Film Italiano: Puoi baciare lo sposo

Miglior Programma Radio: Cactus – Basta poca acqua

Miglior Campagna Pubblicitaria: Sorgenia – Domani è una figata 

Personaggio dell’anno: Alessandro Cattelan

Influencer dell’anno: Stephanie Glitter

Miglior Prodotto Digitale: Freeda – Intervista a Fiorenza De Bernardi

Vincere ai DMA assume un senso molto più profondo, quasi sensuale, perché non vince il più bello, il più professionale o il prodotto meglio montato o distribuito. Non vince chi fa più ascolti, anzi…

Vince chi è più diverso e quindi chi è più vero e fiero di ciò che è!

diversity media awards

Grazie per averci dato l’opportunità di vivere questa meravigliosa esperienza…

LEGGI ANCHE – 5 Serie Tv Netflix che parlano in maniera non banale del tema LGBTQ

Scritto da Andrea Lupo

Se nasci e cresci in una città come Roma: tormentata, caotica, cinica ma al tempo stesso bellissima, imponente e maestosa, non puoi meravigliarti se la tua vita è una contraddizione continua. Sono qui per raccontarvi storie, emozioni e sensazioni con l'umiltà e l'incoscienza di un bambino. Per ricordare vecchie glorie o per presentarvi nuove fiamme. Per elogiare il passato o per abbracciare il futuro. O più semplicemente per parlare di serie TV

Netflix

Tutte le novità in arrivo su Netflix a giugno!

Game of Thrones

Bruciare per te